fbpx
Connettiti con noi
stop gay pride

Human Rights

#Le5 ragioni per cui è meglio NON partecipare al Pride

Ciò che reclamo è vivere la piena contraddizione del mio tempo, che mai così bene ha reso al sarcasmo la condizione della verità.” scriveva Roland Barthes. E di contraddizioni e sarcasmo è pregno questo appuntamento domenicale con #Le5, dedicato al mese del Pride. Abbiamo preso 5 stereotipi sul Pride e gli abbiamo dato una chiave di lettura piuttosto insolita.

Buon divertimento!

#1 – Il Pride è un’oscenità

Terribile. Un’indecente fiumana di persone che marciano sotto il sole, a 40° gradi all’ombra e con tutte le pudenda coperte. Non ci sarà alcuna lezione di kamasutra sul carro della CGIL davanti a Susanna Camusso, nessun fallo di gomma da adorare mentre le persone guardano dai balconi. Ma che senso ha sfilare se non si può svoltare il Pride ad orgia a cielo aperto? È mai possibile che ci si è imborghesiti al punto dallo sfilare senza dare scandalo? Uff. E io che pretendevo di rivendicare i miei diritti nel furore di un amplesso su via Merulana. Se volete sbirciare qualche pacco consigliamo Capocotta, dove almeno qualche slippino succinto lo trovate.

cgil pride
Il carro della CGIL al Gay Pride

#2 – Il Pride turba i bambini

Rischiamo di traumatizzare intere generazioni di bambini con la nostra condotta arcobaleno e i nostri unicorni volanti. Mica come quando, da piccolo, ci costringevano a vedere Marcellino Pane e Vino che ci ha procurato la fobia dei crocifissi. Mica come quando, durante le processioni del venerdì santo, vedevamo penitenti vestiti come quelli del Ku Klux Klan frustarsi la schiena. O come mia nonna, che mi costringeva ad aspettare la notte di Natale per mangiare il panettone perché altrimenti Gesù Bambino sarebbe nato cieco per colpa mia. No, se avessimo visto due uomini baciarsi saremmo stati sicuramente peggio.

#3 – I gay seri non si riconoscono nel Pride

Il gay serio non si sente rappresentato dal Pride, perché non ha nulla da condividere con tutte quelle persone risolte, consapevoli, che marciano mano nella mano con i propri compagni o ballano Toxic di Britney Spears con i propri amici. Il gay serio manda foto “solo in pvt” e chiede “massima riservatezza“. Solo MxM, bono per pari, fuori dai giri. L’unico carosello che lo gratifica è quello all’ingresso del battuage. Unione civile? Piuttosto la morte. Quindi sì, se siete gay seri effettivamente fate bene a restare a casa.

#4 – Non è giusto che al Pride si ostenti il proprio orientamento sessuale

I gay e le lesbiche non devono ostentare il proprio orientamento sessuale, esattamente come non lo ostentano mai gli eterosessuali, che non lo sbattono in faccia in maniera provocatoria perché sanno che potrebbero irritarci. Il mio collega non mi ha mai parlato della tinta mogano un po’ scarica di sua moglie o della sua mancata propensione alla cucina, né mi ha mai descritto in maniera puntuale la prima comunione di sua figlia, cintura gialla di karate. E che dire di quelle coppiette di ventenni in spiaggia con gli ormoni a palla? Mai un bacio, mai una palpatina in pubblico. Perché anche gli eterosessuali, così come i gay, sono liberi di fare ciò che vogliono ma a casa loro.

pride roma
Un’immagine del Roma Pride

#5 – Il Pride è una carnevalata

Dai su, basta. A cosa servono i carri, la musica, i ballerini, le magliette arcobaleno, le drag queen? Il Pride deve essere sobrio. Sobrio come una puntata di Ciao Darwin, dove non si vedono donne scosciate e soprattutto non si indugia sulle espressioni imbarazzanti del pubblico in preda al delirium hormones. Sobrio come un editoriale di Vittorio Feltri. Sobrio come gli outfit delle signore di mezza età quando vanno a fare zumba. Sobrio come Paolo Brosio prima della conversione. Insomma, dobbiamo marciare dimessi come Claudia Koll redenta. Nota di biasimo per chi si presenta in gonna o bermuda. Come colonna sonora credo che Madonna, Cher, Gloria Gaynor, Lady Gaga e Paola e Chiara abbiano fatto il loro tempo. D’ora in poi solo Michele Zarrillo.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Amo il mare azzurro, i violini nei film di François Truffaut e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo di diritti umani, cultura e spettacolo.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

omosessualità in uzbekistan omosessualità in uzbekistan

Uzbekistan, dove la società incoraggia la violenza omofobica e la politica la ignora

Mondo

africa omofobia africa omofobia

La Tanzania nega l’assistenza sanitaria ai cittadini LGBT (rapporto Human Rights Watch)

Human Rights

Walking Walking

#Le5 canzoni (+1) per non dimenticare l’orrore della Shoah

Storie e Culture

Svizzera: a febbraio referendum per legge omofobia. E a Zurigo i gay si curano “a suon di botte”

Mondo

legge regionale puglia omofobia legge regionale puglia omofobia

Puglia, nuovo caso di pestaggio omofobico. Il ddl regionale contro le discriminazioni non può più aspettare!

Human Rights

zambiagay rights zambiagay rights

Zambia, diritti lgbt e diritti umani in pericolo: la deriva autoritarista che conduce al suicidio

Human Rights

25 novembre canzoni 25 novembre canzoni

#Le5 canzoni italiane che raccontano la violenza sulle donne che probabilmente non conoscevi

Spettacolo

falqui varietà falqui varietà

#Le5 trasmissioni cult (e le sigle!) dirette da Antonello Falqui

Spettacolo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli