fbpx
Connettiti con noi
LIGHT OF MY LIFE di Casey Affleck
LOML_D33_CC_0031.RAF

Spettacolo

LIGHT OF MY LIFE _ Un viaggio d’amore per le donne (recensione)

LIGHT OF MY LIFE è un’opera prima sorprendente al servizio di un messaggio importante. Un film che guarda alla sola speranza di un mondo in rovina: la donna.


Un virus ha sterminato quasi l’intera popolazione femminile. Un padre e sua figlia Reg (costretta a fingersi maschio per non essere nel mirino di uomini vili e predatori) si muovono di continuo, nascondendosi tra i boschi e case abbandonate.

Casey Affleck (premio oscar nel 2016 come Miglior attore protagonista per “MANCHESTER BY THE SEA“) scrive e dirige un film essenziale, ma prezioso. Egli guarda a un futuro disastroso di un’umanità alla deriva, esasperando problematiche (femminicidio e violenza sulle donne) che sono le stesse da secoli, ma di cui non si è trovata ancora oggi soluzione.

La violenza sociale esercitata è di fatto una piaga che ogni giorno colpisce tante, troppe donne. È un virus silente, accettato, tramandato, pubblico e privato; è un atto legittimato in certi paesi e culture e in altri (come il nostro) persiste e talvolta viene quasi giustificato.

Casey Affleck e la giovane Anna Pniowsky

LIGHT OF MY LIFE diventa metafora di questa violenza, di questo male incurabile che annienta le donne. Gli uomini rimasti, destinati a soccombere tra rivalità e meschinità, resi impotenti e soli dalle leggi di una Natura o di una divinità severe e ostili, sono per lo più incapaci di guardare alle poche donne rimaste come a loro simili, ma sono per loro un tesoro, una loro proprietà, un oggetto che altri sono pronti a rubare e sfruttare.

Ma il film è anche e sopratutto un inno a un legame affettivo tra un padre e una figlia che supera mille avversità.
È un inno al valore delle parole e delle storie e della Storia: Reg può conoscere il passato solo attraverso i racconti che il padre le racconta ogni sera, prima di andare a dormire, facendo propri concetti e lezioni importanti, assimilandoli però non in maniera passiva, ma con senso critico.

La meravigliosa prova attoriale della giovane Anna Pniowsky, con i suoi occhi profondi, luminosi di una maturità e di un’onestà disarmanti, illumina ogni scena, conferendo sostanza e sentimento e calore anche laddove le ambientazioni e le situazioni sono delle più crudeli e desolanti.

Casey Affleck si conferma attore bravissimo e si rivela regista altrettanto sensibile e centrato.
LIGHT OF MY LIFE è un film che non eccede mai, suggerisce, stimola il pensiero, scuote le coscienze, fa sobbalzare il cuore, emoziona. Nei silenzi e nelle simboliche inquadrature riesce poi a comunicarci quello che le parole non possono dire. Perché l’amore e il nostro futuro necessitano sopratutto di sguardi diretti e di attenzioni e di gesti concreti, necessari, coraggiosi.
Se questo non possiamo farlo per noi è urgente che lo si faccia per i nostri figli e per quelle donne che portano nel cuore (prima ancora che in grembo) la speranza di uomini migliori.


LIGHT OF MY LIFE _ Un viaggio d’amore per le donne (recensione)
8.2 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin

IL GRANDE DITTATORE di Charlie Chaplin (1940) Un capolavoro senza tempo

Spettacolo

diritto al nome transessuali diritto al nome transessuali

Arriva anche al Liceo Scacchi di Bari la “carriera alias” per gli studenti in transizione

Human Rights

Superman è bisessuale! Il coming out annunciato

Sociality

Nozze gay reali? Si può fare. Via libera nei Paesi Bassi da Mark Rutte

Sociality

Scopri i nostri social
×