Connettiti con noi
commissione diritti umani

Human Rights

L’Italia non rispetta i diritti umani: tra migranti, LGBTI e minoranze, ecco tutte le raccomandazioni ONU

Nell’ambito della 34esima Revisione Periodica Universale (Universal Periodic Review, Upr) in corso a Ginevra, l’Italia ha ricevuto ben 306 raccomandazioni nel documento finale diramato martedì 6 novembre.

Queste raccomandazioni rappresentano le osservazioni che i delegati ONU delle altre nazioni (121 in tutto) hanno esposto nei confronti del nostro paese circa la situazione dei diritti umani.

La Upr è stata istituita con la Risoluzione 60/251 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 15 marzo 2006 al fine di esaminare complessivamente la situazione dei diritti umani nei paesi membri.

universal periodic revision

Le analisi nel report finale, che sarà adottato ufficialmente oggi in sessione plenaria e allegato al rapporto del Consiglio all’Assemblea, sono state redatte dal Segretario del Consiglio e da una “troika” di paesi membri composta da Australia, Slovacchia e Sud Africa.

L’Italia ha la possibilità di accettare subito il report, oppure sottoporlo all’analisi del Parlamento e fino a marzo 2020 valutare quali raccomandazioni adottare.

Nel 2014 l’Italia aveva ricevuto solo 184 raccomandazioni, il 60% in meno.

La risposta dell’Italia

Attraverso Manlio Di Stefano, Sottosegretario di Stato per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, l’Italia ha aggiornato la Commissione sullo stato di avanzamento degli incarichi assunti in materia di diritti umani, informando sulle discussioni in Parlamento per lo stabilimento della Commissione Nazionale per i Diritti Umani e l’impegno nella lotta alla discriminazione.

A garanzia degli impegni presi, si è citata l’istituzione della nuova Commissione Straordinaria del Senato per il contrasto ai fenomeni dell’intolleranza, del razzismo, dell’antisemitismo, dell’incitazione all’odio e alla violenza, fortemente voluta da Liliana Segre. 

Tuttavia, alle domande inerenti ai diritti umani delle persone LGBTI, Di Stefano non ha risposto alle domande poste da Belgio e Regno Unito, limitandosi a definire la promozione delle pari opportunità e la tutela dei diritti riguarda la prevenzione e la lotta contro la discriminazione, sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere “una delle linee strategiche dell’azione governativa“, aggiungendo che il Piano d’azione nazionale sul business e i diritti umani si focalizza sui gruppi vulnerabili come le persone LGBTI.

manlio di stefano diritti umani

I temi del report

In particolare, le 121 delegazioni hanno sottolineato la preoccupante situazione italiana per quanto riguarda migranti, minoranze etniche (rom, sinti e camminanti), pari opportunità, commercio di armi, diritti dell’infanzia, accesso al lavoro, diritti delle donne, diritti dei disabili, libertà di informazione, e ovviamente diritti lgbti, in tema di discriminazione omofobica, transfobica e diritti dei soggetti intersessuali.

Qui di seguito un riassunto delle raccomandazioni pervenute:

Migranti

  • Ratificare la Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti di
    tutti i lavoratori migranti e i membri delle loro famiglie (Uganda, Uruguay, Sierra Leone, Azerbaijan, Bangladesh)
  • Garantire che i programmi anti-tratta rispondano alle donne e alle ragazze vittime, in particolare nel contesto dei recenti flussi migratori (Filippine);
  • Informare tutte le autorità competenti del principio di non respingimento e incoraggiare il rispetto di questo principio, che è separato dal diritto di chiedere asilo (Afghanistan; Kenya, Perù);
  • Prestare particolare attenzione alla vulnerabilità delle ragazze e delle donne rifugiate alla tratta di esseri umani e adottare tutte le misure necessarie per impedire che diventino vittime della tratta di esseri umani (Mongolia);
diritti umani migranti

Cultura e minoranze linguistiche, religiose ed etniche

  • Ratificare la Carta del Consiglio d’Europa sulla questione delle minoranze linguistiche, compreso il potenziamento degli sforzi per preservare la lingua dei molisani croati, oltre a riconsiderare il riconoscimento formale del croato minoranza linguistica in Fruili-Venezia-Guilia (Croazia);
  • Rafforzare la cooperazione con altri Stati nel campo del dialogo interreligioso al fine di promuovere i valori delle religioni (Indonesia)
  • Proseguire gli sforzi per combattere la discriminazione e l’odio nei confronti le minoranze e le persone di origine africana e investono l’essere umano necessario e risorse finanziarie a tal fine (Tunisia);
  • Migliorare le misure per combattere la violenza e la discriminazione nei confronti delle persone appartenenti alle comunità Rom, Sinti e Caminanti, anche attuando efficacemente la sua strategia nazionale per l’inclusione a tutti i livelli (Brasile, Myanmar);
  • Combattere i crimini di odio di natura razzista, la stigmatizzazione e gli stereotipi negativi diretti ai musulmani, alle persone di origine africana e alle comunità Rom, Sinti e Caminanti (Senegal);
  • Continuare con gli sforzi in corso per proteggere i diritti economici, sociali e culturali dei gruppi minoritari, in particolare i Rom, i Sinti e i Caminanti, e assicurare che gli autori di atti di violenza e discriminazione nei loro confronti siano assicurati alla giustizia (Ghana, Germania)
rom sinti e caminanti

Pace e crimini d’odio

  • Ratificare il trattato sul divieto di armi nucleari e integrare una valutazione dell’impatto dei diritti umani nel suo controllo delle esportazioni di armi meccanismi (Ecuador);
  • Ratificare il protocollo aggiuntivo alla Convenzione sulla criminalità informatica, concernente la criminalizzazione di atti di natura razzista e xenofoba, incluso il rifiuto dell’olocausto, commesso online (Israele);
  • Garantire il proprio sostegno ai paesi meno sviluppati affinché questi ultimi migliorino il loro benessere economico (Etiopia);
  • Istituire un osservatorio nazionale per i diritti umani in linea con il
    Principi di Parigi (Canada, Cile, Sri Lanka, Sudafrica, Slovacchia, Togo, Tunisia e molte altre);
  • Rafforzare le risorse assegnate al Piano d’azione nazionale contro il razzismo, la xenofobia e l’intolleranza correlata (Sudafrica);
  • Rafforzare le risorse assegnate al Piano d’azione contro razzismo, xenofobia e altre forme di intolleranza correlate, e istituire un osservatorio nazionale per la registrazione e il monitoraggio degli episodi di discriminazione (Spagna, Costa Rica, Bahamas,Bolivia, Isole Salomone, India, Stato della Palestina);
  • Combattere i crimini razziali e i discorsi d’odio, nonché gli stereotipi di musulmani e minoranze etniche (Giordania);
  • Intensificare le misure volte a sensibilizzare la popolazione al fine di sradicare gli stereotipi razzisti e le discriminazioni nei confronti di migranti e rifugiati, nonché indagare e punire gli atti di discriminazione nei confronti di migranti e rifugiati (Argentina);

LGBTI

  • Adottare ulteriori misure per affrontare la discriminazione nei confronti della comunità LGBTQI basata sull’orientamento sessuale e identità di genere (Nuova Zelanda, Sudafrica);
  • Progressi nella formulazione di un piano d’azione nazionale sui diritti delle persone LGBTI che promuove la legislazione e altre azioni contro la discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità e l’espressione di genere in tutti i settori della società (Uruguay);
  • Includere l’orientamento sessuale come motivo di protezione contro l’odio (Belgio);
  • Continuare ad affrontare i discorsi di odio contro le persone LGBTI e le discriminazioni nei confronti delle persone con disabilità (Repubblica Ceca, Francia, Grecia);
  • Intensificare gli sforzi per combattere la discriminazione, i discorsi di odio e i crimini di odio contro le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali (Irlanda);
  • Intensificare gli sforzi per garantire la parità per le persone LGBTI (Israele);
  • Adottare e attuare una strategia globale di lotta contro ogni forma di discriminazione nei confronti dei membri della comunità LGBTI (Lussemburgo);
  • Promuovere campagne di sensibilizzazione e programmi specifici sulla promozione delle pari opportunità e del rispetto per quanto riguarda l’orientamento sessuale e l’identità di genere (Portogallo);
  • Considerare di vietare interventi chirurgici non necessari, non consensuali e di normalizzazione su individui intersessuali (Malta);
  • Attuare una legislazione sul riconoscimento di entrambi i genitori dello stesso sesso coinvolti nella crescita di un bambino, nonché di estendere il loro accesso all’adozione alla pari con gli altri (Islanda);
diritti umani lgbti

Disabilità

Garantire che le donne, i bambini e le persone con disabilità siano significativamente coinvolti nello sviluppo di leggi, politiche e programmi sul cambiamento climatico e sulla riduzione del rischio di catastrofi (Figi);

Carcere e tortura

  • Adattare la legislazione nazionale per caratterizzare la tortura in linea con l’articolo 1 della Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti (Cile);
  • Allineare lo speciale regime di detenzione agli standard internazionali sui diritti umani e migliorare le condizioni di detenzione (Zambia);
  • Affrontare il sovraffollamento nelle carceri (Danimarca);
  • Modificare l’articolo 613-bis del codice penale per allineare la sua definizione di tortura alla Convenzione contro la tortura (Francia e Danimarca);
  • Riformare il sistema giudiziario penale in particolare per quanto riguarda le misure alternative alla detenzione per affrontare il sovraffollamento delle carceri e garantire il pieno rispetto dei diritti fondamentali dei detenuti (Germania, Malta, Messico, Paraguay);
  • Intensificare gli sforzi per affrontare le cause profonde della discriminazione nel sistema di giustizia penale, in particolare per ridurre gli alti tassi di detenzione tra cittadini stranieri (Repubblica islamica dell’Iran);

Libertà di stampa

  • Adottare ulteriori misure e garanzie per garantire il funzionamento indipendente dei media e la sicurezza dei giornalisti (Repubblica Ceca);
  • Continuare gli sforzi per preservare e proteggere la libertà di parola, soprattutto se riguarda giornalisti e autori che indagano su argomenti delicati come la corruzione, l’attività della mafia e le entità politiche (Norvegia);
  • Migliorare l’accessibilità e l’inclusione delle persone con disabilità, garantendo la conformità agli standard nazionali di accessibilità e promulgando una legislazione per affrontare le barriere comunicative (Nuova Zelanda);
Concept about people diversity and tolerance on multicolor background

Pari opportunità: donne, lavoro e disabilità

  • Ampliare l’offerta di congedi di paternità retribuiti e promuovere un’equa distribuzione delle responsabilità genitoriali tra donne e uomini (Islanda);
  • Adottare ulteriori misure per colmare il divario salariale di genere, rilevando la prevalenza delle donne nei lavori a tempo parziale e con basso reddito (Australia);
  • Garantire che a uomini e donne vengano offerte pari opportunità di lavoro (Ghana);
  • Prendere ulteriori misure per affrontare il problema della disoccupazione, prestando particolare attenzione ai gruppi vulnerabili, comprese le donne e le persone con disabilità (Bielorussia, Iran);
  • Garantire il libero esercizio dei diritti sessuali e riproduttivi delle donne, garantendo l’accesso ai servizi legali per l’interruzione della gravidanza, riducendo al minimo l’impatto delle obiezioni di coscienza nell’esercizio di questo diritto umano (Uruguay);
  • Adottare le misure necessarie per garantire un accesso effettivo all’aborto (Francia);
  • Attuare le misure necessarie per limitare le disparità regionali nell’accesso all’assistenza sanitaria, anche per i migranti (Lussemburgo);
  • Adottare misure per sradicare molteplici forme di discriminazione nei confronti delle donne ed eliminare le cause strutturali delle disuguaglianze (Honduras);
  • Assegnare le risorse finanziarie necessarie per la protezione delle vittime della violenza di genere e l’attuazione di un programma educativo sulla parità di genere (Spagna, Austria);
  • Rafforzare il quadro legislativo sulla parità di genere, anche attraverso l’adozione di leggi e politiche per aumentare la rappresentanza delle donne negli affari politici (Ruanda);

Violenza sui minori, bullismo e cyberbullismo

  • Intensificare le misure per combattere la discriminazione, in particolare la discriminazione nei confronti dei bambini con disabilità e dei bambini di origine migrante al fine di ridurre le disparità nell’accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria e allo sviluppo (Honduras);
  • Sviluppare e attuare un piano d’azione integrato che includa la prevenzione e la risposta al cyberbullismo tra bambini e giovani (Islanda);
  • Continuare a impegnarsi per proteggere i diritti dei minori attraverso la criminalizzazione degli abusi sui minori in diretta streaming e la prevenzione degli abusi sui minori (Repubblica islamica dell’Iran);
  • Rafforzare il ruolo dell’Osservatorio nazionale per l’infanzia e fornirgli le risorse necessarie e un quadro legislativo adeguato (Algeria, Albania);
  • Migliorare l’inclusione sociale e l’accesso all’istruzione alle popolazioni vulnerabili, in particolare ai rifugiati e ai bambini migranti (Angola);

Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 33 anni fa. Ormai prossimo alla resurrezione, mi sposto tra la Puglia e la Città Eterna. Respiro e scrivo, come dicono i Baustelle. Dirigo BL Magazine dove mi occupo soprattutto di diritti umani, cultura, tv e spettacolo.

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

iva assorbenti iva assorbenti

Tassa sugli assorbenti, IVA resta al 22%. Storia di un tributo che discrimina le donne

Human Rights

settimana della consapevolezza transessuale settimana della consapevolezza transessuale

Al via la Settimana della Consapevolezza Transgender, per una società senza pregiudizi

Human Rights

cassazione sentenze lgbt cassazione sentenze lgbt

Adozioni same sex: la parola alle Sezioni Unite della Cassazione, con interessanti precedenti

Human Rights

trump obiezione di coscienza lgbt trump obiezione di coscienza lgbt

In USA vogliono l’obiezione di coscienza verso i pazienti LGBT: due giudici invalidano il regolamento

Mondo

PARASITE di Bong Joon-ho PARASITE di Bong Joon-ho

PARASITE _ La povertà è un odore che non va più via (recensione)

Spettacolo

netflix gay netflix gay

Rapporto GLAAD 2019: Netflix è la piattaforma più friendly, ma soffre la quota transgender

Spettacolo

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ _ Meglio dormire che pigliare un Pesci

Sociality

ennio morricone cinema ennio morricone cinema

#Le5 colonne sonore di Ennio Morricone che hanno fatto la storia del cinema

Spettacolo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli