fbpx
Connettiti con noi
LUCA Disney Pixar

Spettacolo

LUCA _ Perché ci piace pensare sia Queer (recensione)

LUCA è la nuova opera targata Disney Pixar, disponibile sulla piattaforma digitale di Disney Plus. Una storia di amicizia che guarda a temi come bullismo e integrazione, tutto in salsa italiana. Con una strizzatina d’occhio alla comunità LGBTQ+.


In una piccola località costiera della riviera italiana Luca e Alberto condividono le gioie e le ingenuità, ma anche le criticità, della giovinezza, tra gelati e piatti di pasta al pesto e giri sulla Vespa. Ma entrambi devono nascondere la loro vera identità: sono due creature marine…

Diretto dal regista Enrico Casarosa (suo il cortometraggio “LA LUNA” che precedeva BRAVE, sempre della Pixar) e coscritto da Jesse Andrews e Simon Stephenson, LUCA è ambientato nell’immaginario piccolo borgo di Portorosso di Cinque Terre.

Il film riesce a incantare e divertire e commuovere e far riflettere in egual misura. Nella meravigliosa cornice della nostra Italia, certamente da cartolina, il regista riesce a non cadere in stucchevoli e antipatici cliché legati alla nostra cultura. In tal senso è stata una mossa intelligente quella di ambientare il film in una località immaginaria in un periodo storico ormai passato, tra gli anni ’50 e ’60. Quegli stereotipi sono però necessari perché la Disney/Pixar possa presentare la cultura italiana in maniera tale che sia riconoscibile da tutti.

Splendido anche l’uso della colonna sonora che guarda a classici senza tempo di brani come “Fatti Mandare Dalla Mamma” di Morandi, passando per Rita Pavone fino alla splendida voce di Mina e musiche che richiamano alla mente i lavori di Morricone.

In generale LUCA è un piccolo gioiello dell’animazione (il lavoro tecnico migliora di pellicola in pellicola ormai) che riesce a toccare il cuore di tutti perché guarda malinconicamente alle prime volte, al piacere della scoperta di se stessi e dell’altro, al valore dei legami affettivi e al coraggio di vivere il mondo come fosse un’avventura.

Ma LUCA può essere visto come film a tematica LGBTQ+?

Sebbene la Disney abbia smentito, è innegabile che nel vedere questo film molt* ragazz* possano essersi immedesimati nei personaggi del film e dello splendido legame che si crea tra Luca e Alberto.

Dopotutto i temi dell’integrazione, dell’accettazione di se stessi, del bullismo sono sì comuni a tanti, ma sopratutto alla comunità queer.


I due ragazzini devono celare la loro vera natura per non essere bersaglio dell’ignoranza e del “disgusto” da parte degli abitanti di Portorosso. Solo dopo tutta una serie di controversie entrambi verranno a patti con la loro vera natura (basti pensare al momento in cui Alberto si rivela nella sua reale forma di mostro marino e Luca lo tradisca, fingendosi “normale”. Episodio questo che ci riporta a un classico esempio di omofobia interiorizzata.)
Interessante è poi il ribaltamento di ruoli che viene a crearsi nel triangolo affettivo composto da Luca, Alberto e Giulia, la bambina che si unisce al duo di amici.

Solitamente nei film e nei romanzi l’arrivo di una ragazza all’interno di un’amicizia tra due ragazzi viene a rompere un equilibrio. Essa diventa il centro del triangolo amoroso e quasi sempre i due ragazzi sono lì a contendersi le sue attenzioni e solo sul finire della storia ella sceglierà uno dei due.

Qui non accade nulla di tutto ciò. Ma ancora più importante è evidenziare che il centro del triangolo non è Giulia, ma sempre Luca. Questo porta necessariamente lo spettatore a pensare a film le cui tematiche sono più vicine al mondo LGBTQ, come LES AMOURS IMAGINAIRES di Dolan, per fare un esempio.

Ma sono tanti gli elementi che ci portano a vedere il legame tra i due ragazzini come germoglio di un possibile amore omosessuale. Basti pensare alla scena struggente sul finale quando i due si salutano sul treno che non può che farci tornare alla mente CHIAMAMI COL TUO NOME di Guadagnino. Emblematica in tal senso è anche la scelta del brano sui titoli di coda, quella “Città Vuota” di Mina. Le parole della canzone sembrano dar voce ai pensieri di Luca o di Alberto, l’uno in attesa di rivedere l’altro e di come adesso la città senza il suo amico/amante sembri essere vuota.


Che sia solo un caso? Io non credo.

LUCA _ Perché ci piace pensare sia Queer (recensione)
7.9 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin

IL GRANDE DITTATORE di Charlie Chaplin (1940) Un capolavoro senza tempo

Spettacolo

diritto al nome transessuali diritto al nome transessuali

Arriva anche al Liceo Scacchi di Bari la “carriera alias” per gli studenti in transizione

Human Rights

Superman è bisessuale! Il coming out annunciato

Sociality

Nozze gay reali? Si può fare. Via libera nei Paesi Bassi da Mark Rutte

Sociality

Scopri i nostri social
×