fbpx
Connettiti con noi
PHOTO: EBU / CORINNE CUMMING

Spettacolo

L’UCRAINA VINCE L’EUROVISION SONG CONTEST 2022 con Stefania di Kalush Orchestra


I Kalush Orchestra con Stefania hanno vinto la 66° edizione dell’Eurovision Song Contest.


A consegnare la vittoria al gruppo ucraino è stato soprattutto il pubblico col televoto, che ha assegnato ai Kalush la cifra record di 439 punti. Questi, sommati ai 192 delle giurie (quarto posto in classifica generale), hanno portato l’Ucraina al punteggio di 631 punti.

Leggi anche: Kalush Orchestra: ecco chi è la band ucraina favorita per la vittoria all’Eurovision con Stefania

L’Ucraina è riuscita nell’impresa di guadagnare punti da tutti i paesi in gara e di ottenere i 12 punti del pubblico da ben 28 paesi su 39. Statisticamente, nel televoto di tutti i paesi in gara l’Ucraina non è mai scesa sotto il quarto posto.

Nel discorso di ringraziamento, i membri della band hanno dedicato la vittoria a tutti i loro connazionali.

Un segnale forte da parte del pubblico europeo e un abbraccio virtuale verso tutto il popolo ucraino, che potrebbe, se la situazione lo permetterà, ospitare l’anno prossimo l’Eurovision proprio in casa, in un paese magari liberato dall’occupazione russa. In caso contrario, l’EBU metterà in moto alcuni piani di riserva previsti.

Grandissima è stata la gioia del Presidente ucraino Vlodomyr Zelensky, che ha diffuso un messaggio subito via social dopo la vittoria.

Il nostro coraggio impressiona il mondo, la nostra musica conquista l’Europa! L’anno prossimo l’Ucraina ospiterà l’Eurovision!“. E poi: “Per la terza volta nella sua storia. E credo, non l’ultimo. Faremo del nostro meglio per ospitare un giorno i partecipanti all’Eurovision e gli ospiti nella Mariupol ucraina. Libera, pacifica, ricostruita! Grazie per avere fatto vincere la Kalush Orchestra e grazie a tutti coloro che hanno votato per noi! Sono sicuro che il nostro trionfo vittorioso nella battaglia con il nemico non è lontano. Gloria all’Ucraina!“.


Zelensky, a poche ore dall’inizio dello show, aveva invitato il popolo europeo a supportare l’Ucraina: “A breve nella finale dell’Eurovision, il continente e il mondo intero ascolteranno le parole della nostra lingua. E credo che, alla fine, questa parola sarà “Vittoria”! Europa, vota la ‘Kalush Orchestra’“.

Medaglia d’argento per il Regno Unito con Space man di Sam Ryder, vincitore della classifica delle giurie, mentre al terzo posto si è imposta la Spagna con Slomo della performer Chanel. Per le due nazioni delle BIg 5 si è trattato del primo podio del terzo millennio.

L’Italia, con “Brividi” di Mahmood e Blanco, si è piazzata in sesta posizione. Un risultato in linea con quelli ottenuti dal ritorno del 2011: si tratta della nona top 10 in undici edizioni, la quinta consecutiva.

Questa la classifica completa:


Stefania di Kalush Orchestra: il testo in ucraino e in italiano

Stefaniya mamo mamo Stefaniya
Rozkvitaye pole, a vona siviye
Zaspivay meni mamo koliskovu
Hocu šce pocuti tvoye ridne slovo

Vona mene kolisala dala meni rim i napevne silu voli ne
zabrati v mene, bo dala vona
Napevne znala može bilše i vid Solomona
Lamanimi dorohami priydu ya zavždi do tebe
Vona ne rozbudit, ne budit, mene v silni buri
Zabere v babuli dvi duli, nibi voni kuli
Duže dobre znala mene ne bula obmanuta, yak bula duže
vtomlena, hoydala mene v takt

Lyuli lyuli lyuli

Stefaniya mamo mamo Stefaniya
Rozkvitaye pole, a vona siviye
Zaspivay meni mamo koliskovu
Hocu šce pocuti tvoye ridne slovo

Ya ne v pelenah no ma no ma, hvatit, yak bi ya ne viris na
virist za reci platit
Ya ne mala ditina, vona dali nervi tratit, ya hulyav, šlyak
bi tebe trafiv
Ti vse moloda o mamo na riku, yakšce ne tsinyu oriku na riku
slavi meni v tupiku
Zabivayte riku tsyu riku, ya bi popik, svoyeyu lyubov’yu

Lyuli lyuli lyuli

Stefaniya mamo mamo Stefaniya
Rozkvitaye pole, a vona siviye
Zaspivay meni mamo koliskovu
Hocu šce pocuti tvoye ridne slovo

Stefaniya mamo mamo Stefaniya
Rozkvitaye pole, a vona siviye
Zaspivay meni mamo koliskovu
Hocu šce pocuti tvoye ridne slovo


Stefania mamma mamma Stefania
Il campo fiorisce, ma lei sta diventando grigia
Cantami una ninna nanna mamma
Voglio sentire la tua parola.

Mi ha cullato, mi ha dato il ritmo e probabilmente la forza della volontà; non ha preso, ma ha dato.
Probabilmente ne sapeva ancora di più e da Salomone.
Camminerò sempre da te per strade dissestate
Non si sveglierà, non si sveglierà, io tra le forti tempeste
Prenderà due segni dalla nonna, come se fossero proiettili.
Mi conosceva molto bene; non si è lasciata ingannare, come se fosse molto stanca; mi ha cullato nel tempo
Lyuli lyuli lyuli…

Stefania mamma mamma Stefania
Il campo fiorisce, ma lei sta diventando grigia
Cantami una ninna nanna mamma
Voglio sentire la tua parola.

Non ho i pannolini ma mamma ma mamma, basta, come se non fossi cresciuto per pagare le cose
Non sono un bambino piccolo, perde ancora la pazienza, camminavo, “come se le scorie ti colpissero”

Sei tutta giovane oh madre al culmine, se non apprezzi la custodia del picco della gloria, sono nel vicolo cieco
Uccidi quel picco quel picco, canterei con il mio amore
Lyuli lyuli lyuli…

Stefania mamma mamma Stefania
Il campo fiorisce, ma lei sta diventando grigia
Cantami una ninna nanna mamma
Voglio sentire la tua parola.

Stefania mamma mamma Stefania
Il campo fiorisce, ma lei sta diventando grigia
Cantami una ninna nanna mamma
Voglio sentire la tua parola.

Scritto da

Sono nato in Puglia, terra di ulivi e mare, e oggi mi divido tra la città Eterna e la città Unica che mi ha visto nascere. La scrittura per me è disciplina, bellezza e cultura, per questo nella vita revisiono testi e mi occupo di editing. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare i diritti umani e i diritti lgbt+ nel mondo... e mi distraggo scrivendo di cultura e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Zannoni (con la sua faina) vince il 60° Premio Campiello

News

I MIEI STUPIDI INTENTI di Bernardo Zannoni (Sellerio) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

IL GIORNO IN CUI DIEDI FUOCO ALLA MIA CASA di Francesca Mattei (Pidgin) | Finalista premio John Fante 2022

Storie e Culture

MAI STATI INNOCENTI di Valeria Gargiullo (Salani) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×