Connect with us

News

MERYL STREEP compie 70 anni. Una donna dai mille volti.

Meryl Streep il 22 Giugno compie 70 anni.
Una vita che ha raccontato mille vite, mille volti, mille donne.
Una vita da Oscar che in questo articolo vogliamo celebrare con voi.

Una delle attrici più influenti di Hollywood, Meryl Streep è la donna dei primati: maggior numero di candidature agli Oscar (21), vincendone 3 come Miglior Attrice Non Protagonista per KRAMER CONTRO KRAMER (1979) e poi come Miglior Attrice per LA SCELTA DI SOPHIE (1982) e per THE IRON LADY (2011); e ben 31 candidature ai Golden Globe di cui ne ha vinti ben 9 di cui uno alla carriera.

Meryl Streep
Meryl Streep in LA SCELTA DI SOPHIE per cui vinse il premio Oscar come Miglior Attrice

Ma questa non vuole essere una noiosa lista di cose che già sapete e che potreste comodamente leggere su wikipedia.
Dopotutto sarebbe quasi impossibile citare e raccontare di tutti i ruoli che Meryl Streep ha indossato e fatto propri.

Fu la visione del film TAXI DRIVER con Robert De Niro che portò l’attrice a maturare l’idea di far cinema, sebbene le cose all’inizio non andarono proprio bene.
È ormai passato alla storia il rifiuto da parte di De Laurentis ai provini per KING KONG che la definì, rivolgendosi al figlio in italiano, “brutta“.
Ma Meryl Streep aveva già una propria forza e integrità e a quell’offesa gratuita rispose “Mi dispiace non essere bella abbastanza per il tuo film, ma la tua è solo un’opinione tra tante ed ora vado a trovarne una più gentile“.

meryl streep
Meryl Streep in I PONTI DI MADISON COUNTY di Clint Eastwood

Da lì in poi quel volto, quello sguardo, quel sorriso si sono imposti nell’immaginario collettivo di tutto il mondo.
Le sue doti recitative si sono palesate ai più fin dai primissimi ruoli e in breve tempo è stata considerata una delle attrici più brave del nostro secolo.

Da LA MIA AFRICA di Pollack alla commedia SHE-DEVIL di Seidelman; da LA CASA DEGLI SPIRITI a I PONTI DI MADISON COUNTY di Clint Eastwood; da LA MUSICA DEL CUORE (in cui ha imparato a suonare il violino) di Wes Craven a THE HOURS, tratto da un romanzo di Michael Cunningham, fino ai più recenti successi di critica come I SEGRETI DI OSAGE COUNTY e THE POST; la donna dai mille volti ha saputo conferire a ogni singolo personaggio da lei interpretato tutto un mondo interiore e una propria gestualità.

Sensibile e attivista per i diritti umani, Meryl Streep non si è mai tirata indietro nel dire la propria opinione.
Come lo splendido discorso che ha fatto alla cerimonia dei Golden Globe 2017 sull’importanza della diversità e del potere e della recitazione.

Della sua meravigliosa filmografia sento però di ricordare la sua partecipazione alla splendida mini serie ANGELS IN AMERICA (2003) che racconta – per lo più in maniera onirica – della reazione e della vita di alcune persone omosessuali colpite dalla piaga dell’AIDS negli anni ’80.

Eh sì, le nuove generazioni la amano sopratutto come la perfida e algida Miranda Priestly ne IL DIAVOLO VESTE PRADA (2006) o nel vederla saltare e cantare come una 30enne nel musical MAMMIA MIA! sulle note dei grandi successi degli Abba.

Meryl Streep in IL DIAVOLO VESTE PRADA
La temibile e invidiata Miranda Pristley de IL DIAVOLO VESTE PRADA

Personalmente, al di là di certi suoi ruoli chiave, sono sicuramente affezionato ad altri suoi film, forse anche minori, ma che mi ricordano ogni giorno perché io ami il cinema.

Meryl Streep è per me quella lontana zia vedova e ipocondriaca che teme tu possa finire schiacciato dal frigorifero, fissata con la grammatica in UNA SERIE DI SFORTUNATI EVENTI; è una donna che in apparenza possiede tutto, ma che sente il suo mondo interiore franare, la moderna Mrs Dolloway in THE HOURS; è una severa e rigida madre superiora di un collegio cattolico ne IL DUBBIO; è una madre coraggiosa che tenta di portar in salvo la propria famiglia sulle rapide di un fiume in THE RIVER WILD; è un’attrice assetata di fama che ritroverà una seconda – fragilissima – giovinezza in LA MORTE TI FA BELLA; è una cantante stonata che riesce ad emozionare il suo pubblico per ciò che esprime il suo cuore in FLORENCE.

Meryl Streep in una scena tratta da THE HOURS

Camaleontica, divertente, amante della cucina e della cultura italiana (e parla un discreto italiano), Meryl Streep – di recente impegnata sul set della seconda stagione di BIG LITTLE LIES -continua e continuerà a sorprenderci in ogni film e interpretazione perché sempre vera, sempre diversa, sempre e semplicemente umana.

Written By

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Comments
bl magazine
Advertisement

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

La Favorita di Lanthimos La Favorita di Lanthimos

LA FAVORITA – Il Fascino Della Manipolazione

Spettacolo

candidature oscar 2019 candidature oscar 2019

OSCAR 2019 – Rivelate tutte le candidature

Spettacolo

MARY POPPINS MARY POPPINS

MARY POPPINS… Un Gradito Ritorno?

Spettacolo

Le Ricette di BL Food: La Tortorsa di Mele

Storie e Culture

Connect
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli