Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Human Rights

Militanti LGBT sfidano la polizia per l’Istanbul Pride

Si è tenuta ugualmente la marcia dell’Istanbul Pride nonostante il divieto imposto dalle forze dell’ordine per “ragioni di sicurezza”.


Diverse testate d’informazione, come Ouest France e Rai News riportano la notizia della partecipazione di un migliaio di manifestanti che, aggirando l’interdizione governativa (della quale abbiamo parlato qui), sono scesi in piazza per manifestare pacificamente domenica 1 luglio.

Un’immagine dell’Istanbul Pride (credits: CNN)

L’intervento della polizia

Le forze dell’ordine, in assetto anti sommossa, hanno blindato Piazza Taksim sin dal mattino e sparato proiettili di gomma sulla folla, che cercava di raggiungere viale Istikial. È stato confermato anche l’utilizzo di gas urticanti per disperdere il gruppo di manifestanti.

Questo non ha impedito ai militanti di organizzarsi diversamente, occupando le vie adiacenti alla Piazza Taksim e sventolando bandiere arcobaleno tra canti e balli.

Simbolicamente, è stato letto un comunicato per denunciare la “discriminazione contro una parte ben precisa della società“, definendo “comiche” le motivazioni di pubblica sicurezza addotte per giustificare il bando della marcia (RaiNews).

Le fonti da noi consultate parlano di un numero di manifestanti fermati piuttosto variabile, da dieci a trenta, che saranno comunque rilasciati nelle prossime ore.

BL Magazine continuerà ad aggiornarvi sulla situazione della comunità omosessuale in Turchia, proponendovi un’intervista esclusiva nei prossimi giorni.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

turchia gay turchia gay

Ankara: revocato il divieto per gli eventi lgbt. Pride in arrivo?

Human Rights

Omosessualità in Turchia: la storia di Ali (Inchiesta BL Magazine)

Human Rights

Scopri i nostri social