fbpx
Connettiti con noi
lucia bosè

Spettacolo

Morta Lucia Bosé per Coronavirus, era un’icona del cinema

Cari amici, vi comunico che mia madre Lucía Bosé è venuta a mancare. Adesso è nel migliore dei posti“. Con queste parole, il cantante e attore spagnolo Miguel Bosé ha annunciato su twitter la scomparsa di sua madre, Lucia Bosé.


La grande attrice (il cui vero nome era Lucia Borloni), scoperta da Luchino Visconti nella pasticceria di Milano dove lavorava, aveva 89 anni (compiuti lo scorso gennaio). Non versava in buone condizioni di salute, ed è morta poche ore fa in un ospedale di Segovia a causa del Coronavirus.

Chi era Lucia Bosé

Nata a Milano il 28 gennaio 1931, eletta Miss Italia a Stresa nel 1947, si è fatta conoscere dal grande pubblico nel periodo delle “maggiorate” del cinema italiano, insieme ad attrici come Sofia Loren, Gina Lollobrigida e Silvana Pampanini.

C’è chi l’ha definita un outsider, chi una diva, ma Lucia Bosé era molto altro. Innamoratissima di uno dei toreri spagnoli più famosi al mondo, Luis Dominguìn, dal quale ebbe tre figli (Miguel il più famoso, che ha adottato addirittura il suo cognome), Lucia è stata una donna e un’artista feroce e combattiva per la sua libertà e per la sua emancipazione.

bosè dominguin
Il torero Luis Dominguin e Lucia Bosé

È proprio il concorso di Miss Italia che le apre le porte dello spettacolo: debutta come attrice nel 1950 con Non c’è pace tra gli ulivi di Giuseppe De Santis, accanto a Raf Vallone, lo stesso anno conquista critica e pubblico in Cronaca di un amore del Maestro Michelangelo Antonioni, dove interpreta il ruolo di una donna costretta a sposare per necessità un uomo più vecchio di lei e che intreccia una relazione con un ragazzo che aveva amato in gioventù.

Diventa importante figura del neorealismo italiano, lavora con Massimo Girotti, e Gino Cervi (con quest’ultimo in La signora delle Camelie diretta ancora da Antonioni), e spopola a Cinecittà con Aldo Fabrizi e Luciano Caprioli. Indimenticabile, poi, il ruolo di Marisa nella commedia Le ragazze di Piazza di Spagna (1952) di Luciano Emmer, con Marcello Mastroianni.

lucia bosè film
Le ragazze di Piazza di Spagna (a sinistra Lucia Bosé)

Visto il successo in patria, viene chiamata anche oltralpe da Luis Buñuel, che la vuole fortemente in Gli amanti di domani (1955), È grazie al successo europeo che conosce Luis Miguel Dominguìn: lo sposa nel 1955 e gli dà tre figli: Paola, Miguel e Lucia.

Si trasferisce in Spagna, che diventa la sua nuova patria: qui ha modo di conoscere artisti che scrivono (e riscrivono) la storia della nazione e non solo: Pablo Picasso, ma anche Salvador Dalì e Gala. E perfino Hemingway non resiste al suo fascino.

Nel 1967 divorzia da Dominguìn, diventato ossessivamente geloso e manipolatore, che voleva per lei una carriera davanti al focolare domestico piuttosto che davanti alla macchina da presa. A otto anni da Testamento d’Orfeo (1960), torna in Italia e si in patria e si fa dirigere da Federico Fellini in Fellini – Satyricon (1969) e dai fratelli Taviani ne Sotto il segno dello Scorpione (1969).


Continua la sua carriera d’attrice sino agli anni ottanta, incrociando il destino di altri attori eccellenti come Jeanne Moreau e Gérard Depardieu, fino a quando decide di ritrasferirsi a Madrid: torna in Italia per alcune brevi apparizioni in fiction televisive o ruoli secondari in pellicole non troppo di successo.

La sua grande personalità, effervescente e imprevedibile, si è riflessa negli ultimi anni nel suo caratteristico colore di capelli blu elettrico.

L’ultima apparizione in Italia risale allo scorso 27 ottobre, quando è stata ospite da Mara Venier nella trasmissione Domenica In.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 28)

Editoriale

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 27)

Editoriale

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 26)

Editoriale

JOSHUA (2007) JOSHUA (2007)

PICCOLI DIAVOLI _ 3 Film che non sapevi di voler vedere

Spettacolo

LADY GAGA CHROMATICA LADY GAGA CHROMATICA

CHROMATICA di LADY GAGA _ rassicuranti colori dance anni ’90 (recensione)

Spettacolo

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 25)

Editoriale

diritti gay cina diritti gay cina

Col “Diritto di residenza” la Cina si apre ai diritti LGBT

Mondo

Di sindaci transgender e femminismo radicale, una riflessione

Editoriale

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora