fbpx
Connettiti con noi

Storie e Culture

MY SON IS PROBABLY GAY di Okura (Star Comics) | Recensione

Tra letante proposteche arrivano in redazione volevamo segnalarvi, in anteprima, questa nuovissima pubblicazione della STAR COMICS firmata dall’autore nipponico Okura: MY SON IS PROBABLY GAY.


SINOSSI

MY SON IS PROBABLY GAY, spiritosa e delicata commedia slice of life di Okura – autore conosciuto principalmente per la serie in tre volumi Sorairo Flutter Nato come web comic postato su Twitter, il manga è stato successivamente serializzato sulla rivista Gangan Pixiv di Square Enix a partire dal 2019. I brevi capitoli che compongono la storia raccontano la vita di tutti i giorni del protagonista Hiroki, adolescente che cerca di nascondere alla sua famiglia il fatto di essere gay. Narratrice delle vicende è la madre del protagonista, Tomoko, una donna amorevole e di mentalità aperta che ha intuito l’orientamento sessuale del figlio, ma che rimane in silenzio, aspettando che sia lo stesso Hiroki a uscire allo scoperto, quando e se sarà pronto a farlo. Tra gli altri personaggi troviamo il fratello minore Yuuki, all’apparenza scontroso ma molto legato a Hiroki e il padre Akiyoshi, che fa di tutto per essere presente nella vita dei figli nonostante viva lontano per lavoro. Le vicende che si susseguono sono pervase da momenti comici scaturiti dai comportamenti e dalle gaffe di Hiroki, che si lascia sfuggire qualche parola di troppo per poi correre subito ai ripari e correggersi. Dall’altro canto la madre, per nulla ingenua e sempre comprensiva, tenta in tutti i modi di venire incontro al figlio durante queste situazioni imbarazzanti, spingendolo indirettamente ad aprirsi e ad abbracciare tutto ciò che considera caro al suo cuore. MY SON IS PROBABLY GAY è una commedia graziosa, positiva e dai toni leggeri, anche se non mancano momenti più seri e intensi, che porta a riflettere sul rapporto genitori e figli e sul coming-out. La tematica dell’accettazione di sé e degli altri pervade tutta la narrazione, dimostrando che la diversità non è mai un limite, ma una risorsa, che non può che arricchire e far crescere. Un’opera dolce e brillante davvero adatta a tutti, genitori e figli, che non potrà fare a meno di lasciare un sorriso sulle labbra dei lettori. L’autore, Okura, è un fumettista giapponese. Debutta nel 2009 con il web comic indie Sorairo Flutter, seguito nel 2012 da Tencho to issho. Nel 2017 riprende Sorairo Flutter riadattandolo come pubblicazione ufficiale per il web magazine «GanGan Online» dell’editore Square Enix. Sempre per Square Enix, nel 2019 inizia la pubblicazione di My Son Is Probably Gay, serializzato nel web magazine «GanGan Pixiv».

RECENSIONE

Le vicende della famiglia Aoyama sono particolarmente spiritose. Il titolo originale di questo manga è うちの息子はたぶんゲイ( Uchi no Musuko wa tabun Gay) tradotto in inglese è My Son is Probably Gay (Mio figlio probabilmente è gay). Il titolo di questo manga non lascia spazio ad alcuna teorizzazione della trama: si tratta del percorso di un adolescente di 14 anni per affermare a se stesso e alla famiglia il suo orientamento sessuale. È assolutamente palese la rete di relazioni familiari estremamente positive. I genitori del protagonista sono ben consci della natura del figlio e non entrano a gamba tesa nel percorso di consapevolezza del loro pargolo, anzi, lo accompagnano delicatamente. Per quanto possa sembrare chiara e cristallina la vicenda, My son is probably gay, va contestualizzato nel Giappone odierno ancora molto restio nell’affermazione dei diritti civili nei confronti della comunità Lgbtiaq+. Solo il mese scorso vi è stato un precedente eclatante nella prefettura di Osaka ove un giudice ha riconosciuto i diritti di una coppia omoaffettiva decretando il divieto di incostituzionalità dell’unione ( recupera qui l’articolo). Quindi questo manga è assolutamente all’avanguardia in una società ampiamente ancorata alle proprie tradizioni che non ammette altre forme familiari. Incredibile ma vero è il parallelismo con la nostra nazione. Giappone ed Italia hanno molte analogie in comune: la longevità, il clima particolarmente confortevole, una cultura millenaria ed anche una certa reticenza nell’accettazione della comunità Lgbtiaq+. Parlare di coming out a ragazzini e ragazzine quattordicenni appare ancora qualcosa di trasgressivo sia in Italia che in Giappone. Ben venga una storia dove tutto è assolutamente naturale, dove una famiglia tranquillamente accetta l’identità del proprio figlio facendo emergere che l’amore va al di là dell’essere e dell’apparire e che non ha alcun punto in comune con la tradizionalità e il folklore.

Manga consigliatissimo a famiglie e scuole medie!

WASABI 10

MY SON IS PROBABLY GAY n. 1

Okura

15×21, B, b/n e col., pp. 136, con sovraccoperta, € 6,90


Data di uscita: 07/04/2021 in fumetteria, libreria e store online

Isbn 9788822622341

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Mostra i commenti

Articoli simili

grace jones I'm not perfect grace jones I'm not perfect

L’Arte omaggiata dai video musicali: Grace Jones, Madonna e Lady Gaga

Storie e Culture

freedom flag freedom flag

Tutti la conoscono ma chi sa la storia della freedom flag?

Sociality

terapie di conversione francia terapie di conversione francia

Anche la Francia verso il divieto delle terapie di conversione

Mondo

I nuovi poveri sono i padri separati?

Legalità

Scopri i nostri social
×