fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
Mysterious Skin di Gregg Araki (2004)

Spettacolo

MYSTERIOUS SKIN _ La pelle di un cuore innocente (recensione)

MYSTERIOUS SKIN (2004) è un film che guarda con sincerità a una delle esperienze più spaventose che possono colpire e distruggere l’infanzia. Un film toccante, duro, che non saprete più dimenticare.


Estate, 1981. Due ragazzini, Brian e Neal, di 8 anni, saranno protagonisti inconsapevoli di qualcosa che difficilmente sapranno comprendere. Diversi e distanti nell’affrontare quel qualcosa che segnerà per sempre le loro esistenze , prenderanno direzioni nettamente opposte fino a un’ineluttabile incontro che li porterà, a distanza di anni, ad affrontare ciò che li aveva uniti in passato.

Joseph Gordon- Levitta è lo straordinario interprete di MYSTERIOUS SKIN di Gregg Araki (2004)

Gregg Araki (suoi anche DOOM GENERATION e il più recente KABOOM) è un regista assai particolare che ha saputo dare un’impronta inconfondibile alle sue opere, spesso controverse per tematiche e stile.
Omosessualità, prostituzione, droghe, omicidio, alienazione e alieni, rapine, violenza sessuale; sono alcuni dei temi trattati con originalità e un’apparente superficialità.
Nella sua filmografia è riscontrabile un forte scontro cromatico, volto a esaltare alcune emozioni o evidenziare la natura di un personaggio o di una scena; e spicca quasi sempre il proprio gusto personale che amalgama il pulp e il trash sotto una patina pop.

MYSTERIOUS SKIN è però un’anomalia, qualcosa di estremamente diverso (seppure quasi tutti gli elementi del suo far cinema siano presenti): è un raro e tagliente diamante da maneggiare con cura, poiché il tema trattato è la pedofilia.

Scelta coraggiosa è stata quella raccontare di un tema tanto scabroso attraverso l’esperienza delle vittime. Questo porta necessariamente a filtrare l’orrore e a guardarlo senza una certa morbosità o crudezza.

Nella foto Brady Corbet, altro ottimo protagonista del film di Gregg Araki.

I due protagonisti (prima bambini e poi adolescenti) offrono una visione completamente diversa eppure complementare di questa esperienza che ha condizionato forse irreversibilmente le loro giovani esistenze.
La mente del giovane Brian (un timido e sofferente Brady Corbet) costruisce una sorta di fiaba ner in cui pare essere stato rapito dagli alieni che lo hanno usato come cavia.
Neal (uno straordinario Joseph Gordon Levitt) invece, fin da piccolo ha tendenze omosessuali e le attenzioni del suo coach le accetterà e le subirà credendo tutto questo sia amore, amore che ricercherà poi in una vita anaffettiva e fatta di prostituzione e facili scorciatoie.

MYSTERIOUS SKIN è tratto dall’omonimo romanzo di Scott Heim

Araki sublima l’orrore in una storia che plana coraggiosamente tra onirico e realtà, poesia e banalità.
Si apre su di una pioggia di cereali colorati che piovono sulla testa di un bambino sorridente e si chiude in una notte di Natale in cui non cade neppure la neve ad alleviare il peso di due anime fratturate, scomposte.

La pelle misteriosa del titolo è quindi quella inviolabile dei bambini; è quella della carcassa di un animale sventrato; è quella del preservativo che protegge; è quella viscida e inconoscibile di un alieno; è quella segnata di un malato di AIDS che desidera essere ancora toccata (una delle scene più forti e tragiche del film); è quella che porta gli abusi di una violenza; ed è quella di tutti noi, incapace di nascondere le brutture o le sconfitte dello spirito.


Impreziosito da una fotografia perfetta e una colonna sonora ora dolente e ora sognante, MYSTERIOUS SKIN è un film duro, che non risparmia quasi nulla allo spettatore, ma che sa essere altrettanto dolce e toccante.
Un piccolo capolavoro moderno.

MYSTERIOUS SKIN _ La pelle di un cuore innocente (recensione)
8.1 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

lee miller foto lee miller foto

Lee Miller, la fotoreporter di Vogue che immortalò l’orrore dei lager

Storie e Culture

Comunicare i DIRITTI UMANI. La Scuola Media di Altino a lezione con BL MAGAZINE

Editoriale

Il sadismo delle SS: Irma Grese, la bestia di Belsen

Storie e Culture

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ _ Beati gli smemorati perché avranno la meglio sui propri errori

Sociality

Scopri i nostri social
×