Connettiti con noi

Spettacolo

NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE… Ridere dell’attualità con sboccata intelligenza

NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE… è questo il titolo scelto per distribuire la commedia sentimentalmente scorretta “Long Shot” (che può essere tradotto come “azzardo”, ma richiama anche una scena chiave del film un tantino imbarazzante, che è meglio non rivelare).

Fred Flarsky è un giornalista che si ritrova disoccupato dopo che il giornale per cui lavorava è stato acquistato da un’azienda.
Ad un party incontra per caso la sua ex baby-sitter Charlotte Field che oggi ricopre il ruolo di Segretario di Stato e prossima alla candidatura alla presidenza degli Stati Uniti.
Tra i due nasce una collaborazione perché siano apportati miglioramenti concreti alle politiche ambientali e presto i due condivideranno molto più di quel che si aspettavano.
Ma la politica, i media e i rivali metteranno a dura prova la loro unione…

C’è tanto (forse troppo) materiale su cui riflettere in questa commedia che, da una parte, trasuda e vomita tutta la tipica comicità del duo Rogen e Goldberg (vedi ad esempio “THE INTERVIEW” o “50 e 50“); dall’altra è specchio deformato e deformante della realtà della politica americana.

non succede ma se succede con Seth Rogen
La strana coppia formata da Seth Rogen e Charlize Theron in
NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE..

Solo la macchina cinematografica pare mostrarci possibile l’idea che una donna possa sedere alla Casa Bianca dopo che la realtà, 3 anni fa, ci ha dimostrato l’esatto contrario.
E qui abbiamo una delle donne più belle al mondo, Charlize Theron, a ricoprire quel sogno.

La bella Theron è qui una donna di successo, coraggiosa e determinata, cresciuta con idee e ideali più grandi lei che nel tempo scopre essere inconciliabili con le regole della politica; ella deve necessariamente piegarsi, assecondare i potenti, abbassare il capo, dire di sì anche quando non è convinta, deve quasi scusarsi della sua intelligenza.

Ed ecco che arriva in suo soccorso Seth Rogen nei panni di un giornalista che invece è quasi trincerato dietro i suoi ideali, che deve necessariamente sbatterti la verità in faccia con la stessa noncuranza con cui emette un rutto o una parolaccia.
Ma Fred è anche una mente non contaminata e deviata da quel sistema politico e quindi capace di risvegliare in Charlotte il desiderio di riappropriarsi della sua identità e della sua autenticità.

non succede ma se succede con Charlize Theron
Fred Flarsky (Seth Rogen) e Charlotte (Charlize Theron) in una scena di
NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE…

NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE… guarda proprio a questo, tra le altre cose: all’autenticità dell’individuo.
Ma nel mezzo sono suggeriti o gettati in faccia al pubblico, come fossero pop corn, temi altrettanto importanti come l’emancipazione femminile, il cyber bullismo, l’ossessione della percezione che gli altri hanno di noi stessi, l’insensatezza della guerra (una delle scene forse più fuori luogo dell’intero script), la sensibilizzazione verso il nostro eco sistema, la guerra tra i sessi e… l’amore.

Di fatto questo film è una commedia romantica che guarda nostalgica al passato, ma perfettamente inserita nel nostro presente e condita di un’infinità di gag davvero esilaranti e altre un tantino sopra le righe.

NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE… è in definitiva un film leggero che potrebbe accendere non pochi dibattiti, ma che nel suo essere così sovraccarica di situazioni e di richiami al passato come al presente, finisce per ridere di tutto e di tutti e quindi di se stessa.
Ma c’è anche quel confortante piacere che solo certe commedie sanno donarci: il credere che tutto possa accadere e che talvolta l’amore possa far incontrare due mondi e due persone distanti e avvicinarle così tanto da annullare quelle differenze iniziali, mentre i Roxette cantano “It Must Have Been Love“.

NON SUCCEDE, MA SE SUCCEDE… Ridere dell’attualità con sboccata intelligenza
6.2 Recensione
0 Utenti (0 voti)
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio
Voto pubblico Lascia il tuo voto
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Lascia il tuo voto

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

10 dicembre, Human Rights Day. Nel segno di Eleanor Roosevelt

Human Rights

DIO È DONNA E SI CHIAMA PETRUNYA DIO È DONNA E SI CHIAMA PETRUNYA

DIO È DONNA E SI CHIAMA PETRUNYA _ il diritto alla felicità (recensione)

Spettacolo

snugglepuss gay snugglepuss gay

Le cronache (gay) di Svicolone nell’America degli anni ’50

Sociality

finland premier finland premier

Sanna Marin, 34 anni e già premier della Finlandia, ha vissuto con due madri

Mondo

nativi americani generi sessuali nativi americani generi sessuali

I Nativi Americani pionieri del non-binary: la cultura dei “due spiriti” e dei cinque generi

Storie e Culture

rugby carcerati rugby carcerati

Il rugby che rende liberi (2): i BISONTI del carcere di Frosinone, la libertà in una palla ovale

Storie e Culture

sri lanka buddismo sri lanka buddismo

Sri Lanka, dove si uccide in nome di Buddha

Human Rights

Del Femminicidio a Torino di Sangro e le schifezze giornalistiche sul caso. #Desdemona

Desdemona

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli