fbpx
Connettiti con noi

Desdemona

Non tutti i troll sono uguali: ecco cos’è il sealioning

Oggi cercherò di spiegare un fenomeno che in parte sembra discostare dalle tematiche femministe, ma in realtà questa tipologia di troll si trova spesso e volentieri sotto i post femministi e più in generale sulla parità di genere, perché è un tipico attacco del MBEB (maschio bianco etero basic), alleati fidati del patriarcato.


Come ben sappiamo i troll sono, nel gergo di Internet, utenti di una comunità virtuale, solitamente anonimi, che intralciano il normale svolgimento di una discussione inviando messaggi provocatori, irritanti o fuori tema. È un termine molto generico, perché in effetti, dopo l’esponenziale utilizzo dei social come punto di incontro tra comunità durante la pandemia, i troll si sono diversificati ed hanno trovato maggiori escamotage per creare scompiglio nelle discussioni, soprattutto quelle scomode (stranieri, comunità LGBTQ, donne).

Il classico troll è quello che, appunto, sotto nome falso, inizia a imprecare, offendere e a criticare la tesi iniziale, che può essere più o meno condivisibile, ma senza alcun tipo di dialogo, senza argomentare. Disturba, in effetti, ma se lo si ignora e il gioco è fatto.

Si sta sviluppando però una nuova tendenza, che possiamo anche chiamare come un “trollaggio 2.0” in cui l’impedimento alla discussione si fa (passatemi il termine) più intelligente e furbo. Dare il nome ai fenomeni è importante per il loro riconoscimento, e se lo si riconosce è anche più semplice contrastarlo.

Ed ecco qui un nuovo termine per voi: il sealioning.

Cos’è il sealioning?

Il sealioning, il cui termine significa letteralmente “fare il leone marino”, nasce da un fumetto del 2014 e ha preso piede non a caso durante il famigerato Gamergate, la campagna di molestie online ai danni di alcune sviluppatrici che avevano introdotto il discorso femminista nel mondo dei videogiochi.

Come scrive The Vision, il fenomeno, seppur il nome bizzarro, ha delle caratteristiche ben definite: come spiega l’antropologa del Berkman Klein Center dell’Università di Harvard Amy Johnson, si tratta di una “performance di ingenuità oppositiva e consapevole”, che combina domande insistenti, spesso relative a informazioni facilmente reperibili altrove o già condivise più volte dall’interlocutore, con la ricerca ostinata e molesta di instaurare un dibattito “costruttivo” a prescindere dalla volontà di parteciparvi di chi si ha di fronte.

L’obiettivo è drenare la pazienza e l’attenzione del bersaglio, facendolo poi passare per irragionevole e non aperto al dialogo.


Il “leone marino”, in altre parole, si serve di domande all’apparenza innocenti e poste in maniera educata – come ad esempio “Potresti chiarire cosa intendi?”, o “Mi forniresti le prove di questa tua affermazione?”, o ancora (e questa arriva dritta dai miei dm) “Mi spiegheresti in modo per quanto possibile dettagliato che cos’è il patriarcato?” – per far perdere tempo e energie alla controparte, deviare la conversazione sul carattere di chi la conduce piuttosto che sugli argomenti e poi autoproclamarsi vincitore del presunto confronto.

Un copione che si ripete sempre uguale, per intenderci, sotto i post dei profili social di tanti attivisti, specie se donne con l’ardire di definirsi femministe, o magari vegetariane o vegane.

Come reagire di fronte al sealioning?

Come scritto prima, quando si è vittima di sealioning c’è un dispendio di energie che potrebbero essere utilizzate per qualcosa di più costruttivo, come ad esempio dialogare con chi ha intenzione di confrontarsi in maniera sana sulla tematica affrontata.

Non cedere al ricatto del Sea Lion è un buon punto di partenza, ma non risolve il problema: dall’esterno potrebbe sembrare una mancanza di volontà di confronto, svilendo quindi la controparte. Sicuramente un buon modo per abbatterlo è smascherarlo, scrivendo per filo e per segno cos’è un Sea Lion e il Sealioning, in modo che le persone che leggono si rendano conto della pratica oppressiva in atto, che può però sembrare di primo acchito innocua.


Prendere dunque le distanze, riconoscendo il fenomeno in atto, l’atto manipolatorio del troll, e continuare il dibattito costruttivo che si era iniziato è il modo più corretto per aggirare l’ostacolo, uno dei tanti, purtroppo, che si sono creati con l’espandersi delle discussioni online.

Scritto da

Attivista Politica, Femminista Intersezionale, Ally, Ecologista. Speaker e Autrice su Radio Città Pescara - Popolare Network.

Mostra i commenti

Articoli simili

cammabis referendum cammabis referendum

REFERENDUM CANNABIS LEGALE: cosa occorre sapere?

Legalità

TUTTI PARLANO DI JAMIE (2021) Prime Video TUTTI PARLANO DI JAMIE (2021) Prime Video

TUTTI PARLANO DI JAMIE _ La rivoluzione di essere una Drag Queen (recensione)

Spettacolo

oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali oroscoPERÒ _ stelle, presagi, miti e leggende sui 12 segni zodiacali

oroscoPERÒ _ I saggi da evitare, i consigli da scartare e gli errori da ripetere…

Sociality

PM Nicola Gratteri PM Nicola Gratteri

Nicola Gratteri: chi è il Procuratore più temuto d’Italia

Legalità

Scopri i nostri social
×