fbpx
Connettiti con noi
omofobia italia
Photo by Adrian Swancar on Unsplash

Human Rights

Omofobia ad Ancona, insulti e pugni a una ragazza di 16 anni

Due giorni fa, ad Ancona, una ragazza di 16 anni è stata aggredita, verbalmente e fisicamente, da un ragazzino di 14 per questioni di natura omofobica.


Secondo le ricostruzioni delle testate locali, erano da poco passate le 17 quando la ragazza, capelli corti colorati e borsa arcobaleno, in compagnia di un’amica che teneva per mano, avrebbe incrociato il giovane e il suo seguito di amici in Corso Garibaldi, in pieno centro.

Dopo averle guardate insistentemente il ragazzo, un italiano di seconda generazione, ha dapprima rivolto alle due insulti di natura omofobica e poi, alla richiesta della ragazza di piantarla, le ha sferrato un pugno in pieno volto .

La vittima, caduta violentemente a terra, è stata subito soccorsa dai Carabinieri che, si apprende da centropagina.it, presidiavano la zona per una manifestazione programmata. Sul posto sono giunte, oltre al Nucleo radiomobile dei Carabinieri di Ancona, anche le volanti della Questura e un mezzo della Croce Rossa, che ha fornito alla ragazza soccorso medico prima del trasferimento all’Ospedale regionale di Torrette, dove poi è stata raggiunta dalla madre.

Stando a quanto rivelato da Il Resto del Carlino, non era la prima volta che il quattordicenne rivolgeva alla ragazza offese di natura lesbofobica, alle quali tuttavia la ragazza non aveva mai reagito. In questa occasione, il ragazzo sarebbe passato alle mani dopo che la ragazza gli aveva chiesto di smetterla

Il giovane è stato identificato dalle forze dell’ordine, grazie anche al contributo di un testimone già sentito dai Carabinieri. Tuttavia, non si potrà procedere d’ufficio contro il giovane se non a seguito di una prognosi superiore ai venti giorni (circostanza che pare non essere praticabile per via delle lesioni non gravi avute dalla 16enne), pertanto sarà necessaria una denuncia di parte.

Sempre Il Resto del Carlino aggiunge che la madre della ragazza, dopo i fatti di sabato, ha preso contatto con l’associazione Arcigay di Ancona per sporgere regolare denuncia.

Nel frattempo i Carabinieri hanno ascoltato il ragazzino e nelle prossime ore saranno visionate le spycam che cercheranno di fare luce sulla triste vicenda; l’intervento sarà poi segnalato alla Procura dei minorenni.


Un caso di triste, ordinaria amministrazione omofobica, che una legge come il ddl Zan potrebbe da un lato prevenire con un’adeguata sensibilizzazione nelle scuole, intervenendo proprio su soggetti come il 14enne, e dall’altro contribuire acché non ci siano margini di impunibilità, prevedendo procedimenti giudiziari certi per chiunque leda la dignità di una persona lgbt+.

C’è ancora bisogno di spiegare la necessità estrema di un intervento legislativo in merito? Qualora la ragazza o la sua famiglia decidessero di non denunciare il giovane, per paura di ritorsioni, ci ritroveremmo da un lato una persona aggredita, impaurita e non tutelata e dall’altro un 14enne legittimato a reiterare condotte lesive di stampo omofobico nei confronti di altre vittime ignare della sua furia cieca.

Il ddl Zan va approvato il prima possibile, non c’è più tempo per le mediazioni.

Leggi anche: Tre ragazzi minorenni aggrediti per omofobia in una settimana, la politica dia risposte!


Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Il sessismo interiorizzato di Barbara Palombelli in diretta TV

Desdemona

omogenitorialità in italia omogenitorialità in italia

LGBT friendly e turismo: l’Italia delude ancora

Human Rights

Salone del Libro di Torino 2021: le anticipazioni

News

XFactor XFactor

“COME AS YOU ARE” ecco la nuova veste di XFactor

Sociality

Scopri i nostri social
×