fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
osman kavala

Mondo

Osman Kavala prigioniero, HRW al Consiglio d’Europa “procedura d’infrazione contro Turchia”

Il Consiglio d’Europa dovrebbe agire contro la Turchia per il mancato rispetto, da parte del governo, dell’ordinanza vincolante della Corte europea dei diritti dell’uomo con la quale si ordina di liberare il difensore dei diritti umani Osman Kavala. A chiederlo sono Human Rights Watch, la Commissione Internazionale dei Giuristi e il Progetto di sostegno al contenzioso sui diritti umani in Turchia.


Le tre ONG, in una presentazione al Comitato dei Ministri, hanno presentato la raccomandazione all’organo intergovernativo del Consiglio d’Europa responsabile della supervisione dell’attuazione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo. Sarà la quarta volta che la commissione analizzerà la mancata conformità della Turchia alla sentenza della Corte di Strasburgo sul caso Kavala, prevista per la sessione dal 9 all’11 marzo 2021.

L’attivista Osman Kavala è in custodia cautelare dal novembre 2017.

Il disprezzo della Turchia per l’ordine della Corte europea dei diritti dell’uomo di rilasciare Osman Kavala dovrebbe indurre il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ad avviare una procedura di infrazione contro la Turchia“, ha affermato Aisling Reidy, consulente legale senior di Human Rights Watch. “È fondamentale che il Comitato dei Ministri, nella sua sessione di marzo, non lasci al governo turco alcun dubbio sul fatto che le sentenze della Corte europea dei diritti umani siano vincolanti per la Turchia e che la persistente mancata attuazione della sentenza nel caso di Osman Kavala costituisca una grave violazione“.

Come funziona la procedura d’infrazione

Le procedure di infrazione sono previste dall’articolo 46/4 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU), e per essere approvate richiedono il voto dei due terzi del Comitato dei Ministri. Una volta avviato il processo, il caso viene deferito alla Corte europea dei diritti dell’uomo per un ulteriore parere sull’obbligo legalmente vincolante di ottemperare. Se la Corte conferma che la Turchia non ha attuato la sentenza, il Comitato dei Ministri può adottare ulteriori misure, inclusa la sospensione definitiva dei diritti di voto della Turchia o l’appartenenza al Consiglio d’Europa.

La prima volta che il Comitato dei Ministri ha avviato una procedura d’infrazione risale al 2017, quando il governo dell’Azerbaigian ha rifiutato continuamente di garantire il rilascio incondizionato di un politico dell’opposizione ingiustamente incarcerato, Ilgar Mammadov.

Il Comitato dei Ministri ha già considerato lo stato del rispetto della sentenza da parte della Turchia in più occasioni, emettendo due decisioni e, nel dicembre 2020, una risoluzione provvisoria in cui ciascuna ha fortemente sollecitato la Turchia a conformarsi alla sentenza del tribunale rilasciando incondizionatamente Kavala.

Tuttavia, dalla risoluzione di dicembre, i tribunali locali in Turchia hanno prolungato la detenzione di Kavala altre quattro volte.


I capi d’accusa e gli abusi procedurali

Una corte d’appello ha annullato la sua assoluzione nel processo per le proteste di Gezi Park, e la Corte Costituzionale turca ha anche ignorato la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo non ritenendo alcuna violazione del diritto alla libertà di Kavala.

Le organizzazioni hanno affermato nella loro dichiarazione che, durante il procedimento penale contro di lui, i giudici e i pubblici ministeri coinvolti hanno abusato delle regole procedurali penali per estendere illegalmente la detenzione di Kavala sulla base delle accuse sul coinvolgimento e il finanziamento delle proteste di Istanbul Gezi Park del 2013 e sul contributo al tentato colpo di stato militare del 15 luglio 2016.

Come ribadito dalle succitate organizzazioni, la decisione di unire i procedimenti contro Kavala annulla la ripetuta argomentazione della Turchia dinanzi al Comitato dei Ministri secondo cui l’attuale detenzione è collegata a un procedimento giudiziario separato non coperto dalla sentenza della corte di Strasburgo.

Separare i casi o fonderli di nuovo non correggerà l’ingiustizia a cui i tribunali e il governo della Turchia hanno sottoposto Osman Kavala per oltre tre anni“, ha affermato Róisín Pillay, direttore per Europa e Asia centrale della Commissione internazionale dei giuristi. “Questa è una pratica sistemica in cui i tribunali turchi, che non sono indipendenti, applicano arbitrariamente la legge e le procedure penali contro i critici del governo“.


La sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo nella causa Kavala c.Turchia è particolarmente significativa perché è la prima sentenza definitiva della Corte europea dei diritti dell’uomo contro la Turchia in cui la corte ha stabilito che, interferendo con i diritti di un individuo, le autorità giudiziarie turche hanno prestato servizio ulteriori motivazioni politiche, contrarie all’articolo 18 della CEDU.

Il tribunale ha affermato che trattenendo Kavala in custodia cautelare dal novembre 2017 e perseguendolo, le autorità turche hanno “perseguito un ulteriore scopo, vale a dire metterlo a tacere come difensore dei diritti umani“. La corte ha riscontrato violazioni degli articoli 18 e 5 della CEDU.

Chi è Osman Kavala

Osman Kavala è in carcere da oltre 1200 giorni, ed è uno dei prigionieri politici più noti della Turchia di Erdogan.

Kavala è stato accusato di spionaggio, legami con gruppi terroristici, attentato all’ordine costituito dello stato e gli sono stati inoltre imputati contributi attivi alle proteste del 2013 a Gezi Park (accuse da cui è stato scagionato nel febbraio 2020).

Proveniente da una famiglia di imprenditori del tabacco di origini greche Kavala, che ha 63 anni, ha studiato economia e management presso la Middle East Technical University tra Ankara, Manchester e New York. Nella sua carriera, con l’attività editoriale e l’ambientalismo politico, si è sempre speso per contribuire al processo di democratizzazione e civilizzazione del paese, dove è stata celebre la sua opera filantropica legata al terremoto del 1999.

In seguito a questo, è diventato un fervente sostenitore dei gruppi per i diritti civili e per i diritti umani, soprattutto in riferimento allo scontro tra lo stato turco e la popolazione curda. Infine, la co-fondazione di Open Society Foundation Turchia, organizzazione creata col miliardario di origine ungherese George Soros; un progetto nato, per usare le parole dei fondatori, “per sostenere la democrazia e la trasparenza in tutto il mondo“, e fortemente criticata dal presidente Erdogan.

Fonte: Human Rights Watch, EastJournal

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

polonia zone libere lgbt polonia zone libere lgbt

Kraśnik, il sindaco della città polacca LGBT-free è pentito: “ci tolgono i fondi”

Mondo

“LOL – Chi ride è fuori!” NON RIDERE è impossibile

Sociality

senato ddl zan senato ddl zan

La Presidente del Senato dà l’ok all’unificazione dei ddl contro l’omofobia

Human Rights

phishing posteinfo phishing posteinfo

Phishing, smishing e come evitarli: la truffa dal sms “Posteinfo”

Legalità

Scopri i nostri social
×