fbpx
Connettiti con noi
pechino express le stagioni dell'oriente

Spettacolo

Pechino Express 2020 riparte con le “stagioni dell’oriente”, da stasera su Rai 2 (percorso, concorrenti, tappe)

È tutto pronto per il ritorno in pompa magna dell’adventure-game più appassionante della tv italiana: Pechino Express.


Giunto ormai all’ottava edizione, lo straordinario viaggio televisivo condotto da Costantino della Gherardesca torna in oriente, nei luoghi che hanno fatto grandi le prime edizioni.

Considerato che il programma è già stato registrato mesi fa, non c’è alcun allarme coronavirus per i concorrenti in gioco.

Il percorso di Pechino Express 2020

Il viaggio dell’edizione 2020 partirà dalla Thailandia, nazione già esplorata durante la seconda edizione (Pechino Express: Obiettivo Bangkok).

L’isola incontaminata di Ko Phra Thong – conosciuta anche come l’isola del Buddha d’oro – una stupenda spiaggia nello spettacolare mare delle Andamane, nel sud del paese, ospiterà la prima tappa. Una volta avviata la gara i concorrenti dovranno risalire il paese costeggiando la regione di Phuket da sud fino alla capitale Bangkok

costantino della gherardesca magro
Il conduttore di Pechino Express Costantino della Gherardesca.

Lasciata alle spalle la Thailandia sarà la volta della Cina (già vista nella prima edizione Pechino Express: Avventura in Oriente). Si partirà da Dali nella regione dello Yunnan, si attraverseranno il Guizhou, il Guangxi, e il Guangdong, fino ad arrivare alla costa, raggiungendo le città di Canton e Shenzhen

Un itinerario attraverso quattro regioni culturalmente diversissime tra loro, abitate da numerose minoranze etniche come il popolo Miao, custode di antiche tradizioni che permetterà ai viaggiatori di vedere e raccontare una Cina mai vista in TV. L’approdo alle grandi città costiere, invece, sarà l’occasione per scoprire il lato più moderno del paese, ormai proiettato nel futuro.

Infine, per la prima volta nella storia del programma si raggiungerà la Corea del Sud: dal pittoresco mercato del pesce di Busan, i concorrenti raggiungeranno la capitale Seoul, dove avranno così modo di scoprire una megalopoli di 10 milioni di abitanti che si è trasformata rapidamente negli ultimi anni. La cultura coreana, fino a pochissimo tempo fa completamente sconosciuta in occidente, viene così raccontata per la prima volta nella televisione italiana.

I concorrenti di Pechino Express 2020: Le stagioni dell’Oriente

Già lo scorso autunno sono state annunciate le dieci coppie in gara che, nella consueta formula di successo di Pechino Express, propongono un mix di personaggi famosi, quasi-famosi e autentici sconosciuti.

  • Le Collegiali (Nicole Rossi e Jennifer Poni), ex concorrenti de “Il collegio”
  • le Figlie d’Arte (Asia Argento e Vera Gemma), la prima è celebre più per i suoi scandali che per i suoi film, la seconda ha partecipato anni fa allo sfortunato reality show di Raiuno “Ritorno al presente”
  • i Gladiatori (Max Giusti e Marco Mazzocchi), famosissimi personaggi tv.
  • i Guaglioni (Gennaro Lillio e Luciano Punzo), il primo ha partecipato al Grande Fratello nel 2019.
  • gli Inseparabili (Valerio e Fabrizio Salvatori, ossia i Twotwins), già ospiti dnl “salottino” della trasmissione Avanti un altro di Paolo Bonolis come i “gemelli”.
  • Mamma e Figlia (Soleil Sorge e Wendy Kay). Soleil è famosa per la sua love story con Luca Onestini nata sotto i riflettori del dating show Uomini e donne, e per numerosi altri episodi di gossip che l’hanno vista protagonista.
  • Padre e Figlia (Marco – alias Marco Berry – e Ludovica Marchisio). Marco Berry è un’ex Iena ed ex conduttore della trasmissione Invisibili di Italia1.
  • i Palermitani (il duo comico I Soldi Spicci formato da Annandrea Vitrano e Claudio Casisa),
  • le Top (Ema Kovac e Dayane Mello). Due fotomodelle. Dayane Mello è attiva in Italia dal 2014 e ha partecipato a vari programmi tv come Ballando con le stelle, Monte Bianco e l‘Isola dei Famosi.
  • i Wedding Planner (Enzo Miccio e Carolina Gianuzzi). Enzo Miccio è il celebre personaggio televisivo di Real Time ed esperto di moda, già concorrente di Ballando con le stelle.
pechino express 2020

Le coppie di vip affronteranno, come di consueto, un viaggio col solo zaino in spalla, dotati solo di mappa e due euro al giorno in valuta locale, senza comodità e pronti a superare numerose sfide e ostacoli per arrivare alla meta finale. Le coppie potranno spostarsi da una tappa all’altra solo con mezzi di fortuna, contando solo sulla propria capacità di adattamento, sui passaggi in auto e sull’ospitalità dei locali.

Vista la natura del viaggio di quest’anno, particolare attenzione sarà data all’aspetto spirituale del viaggio: i primi rumors diffusi dalla RAI raccontano di un viaggio all’insegna dell’introspezione e delle emozioni. Nessun concorrente lascerà l’oriente così come ci è arrivato.

Come di consueto, per le coppie vincitrici, ci sarà un premio in denaro da devolvere alla ong OVCI – La nostra famiglia (Organismo di Volontariato per la cooperazione internazionale) che opera con i suoi volontari nei paesi visitati da questa edizione.


L’appuntamento in tv

L’avventura di Pechino Express – registrata lo scorso autunno – lunga 37 giorni per un totale di 5000 ore di riprese realizzate con 30 telecamere, ha coinvolto una troupe di oltre 100 persone, suddivisa in 15 unità provenienti da Italia, Belgio e tutti i paesi visitati, tra cui anche lavoratori locali. Per confezionare le 10 puntate sono state necessarie circa 9000 ore di montaggio, realizzato in 16 settimane.

L’appuntamento in tv comincia stasera 11 febbraio alle 21,20 per dieci settimane ricche di emozioni e avventura.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

leghisti omofobi siena condannati leghisti omofobi siena condannati

Offesero docente gay su Facebook: condannati per diffamazione a Siena

Human Rights

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Spettacolo

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora