fbpx
Connettiti con noi
PICCOLI OMICIDI TRA AMICI di Danny Boyle (pessime amicizie al cinema)

Spettacolo

PESSIME AMICIZIE _ 3 Film Che Non Sapevi Di Voler Vedere

Casalinghi (e casalinghe) improvvisati! Pantofolai, amanti del pigiama e del gelato mangiato direttamente dalla vaschetta, ben tornati a un nuovo appuntamento con la rubrica #3FilmCheNonSapeviDiVolerVedere .


Il tema di oggi è anche uno dei legami più importanti che due o più persone instaurano lungo la loro esistenza: l’amicizia.
Senza entrare in discorsi che guardano all’antropologia e alla sociologia, ci limiteremo a dire che l’uomo è di fatto un animale sociale e in quanto tale necessita di costruire legami, di fare gruppo.

L’amicizia è un legame talvolta così profondo da superare anche quelli di sangue o d’amore. Ma… non sempre è così. Le peggiori offese, i peggiori tradimenti e ferite spesso sono relegate a questa sfera confidenziale. Oggi andremo a proporvi tre film che trattano proprio di questo: di pessime amicizie !

Per il ciclo PESSIME AMICIZIE un titolo di Danny Boyle, PICCOLI OMICIDI TRA AMICI
Nella foto: Kerry Fox, Ewan McGregor e Christopher Eccleston in PICCOLI OMICIDI TRA AMICI

Partiamo da un titolo del 1994 che è stato anche il primo film di uno dei registi contemporanei più apprezzati da critica e pubblico.
Mi riferisco a PICCOLI OMICIDI TRA AMICI scritto e diretto da Danny Boyle, celebre per pellicole come TRAINSPOTTING (1996) e THE BEACH (2000) fino ai successi di critica come THE MILLIONAIRE (2008) o 127 ORE (2010).
Il film di oggi racconta di tre amici – il giornalista Alex (un promettente e acerbo Ewan McGregor), il cinico commercialista David (un freddo ma perfettamente nella parte Christopher Eccleston) e la dottoressa Juliet (una brava Kerry Fox) – che si ritrovano loro malgrado coinvolti in un misterioso omicidio e che si ritrovano in possesso di una grande somma di denaro. Dall’euforia iniziale e da un clima di festa, le pressanti minacce di un gruppo di malavitosi e gli egoismi personali avranno la meglio su tutto il resto e il rapporto andrà a incrinarsi, mostrando le meschinità umane di ognuno di loro.
Una commedia dalle tinte thriller davvero ben scritta e diretta che tiene col fiato sospeso e che con cinico e sadico umorismo già evidenzia quella che sarà la cifra stilista del regista nei suoi futuri lavori. Assolutamente da recuperare.

Pessime amicizie al cinema
I cattivi ragazzi del film COSE MOLTO CATTIVE (1998)

E andiamo al 1998 dove tra tante commedie romantiche fece capolino la dirompente crudeltà di un titolo divenuto in breve tempo un piccolo cult:
COSE MOLTO CATTIVE di Peter Berg (qui lui pure al suo esordio come regista) conosciuto poi per titoli fracassoni come HANCOCK (2008) e BATTLESHIP (2012). A una settimana dal loro matrimonio, Kyle (John Favreau) parte con un gruppo di amici per festeggiare il suo addio al celibato. Peccato che la notte a base di sesso, droga e alcolici finisce in una pozza di sangue. Ma la dolce e futura sposina Laura (Camero Diaz) non ne vuole sapere di rinviare il suo matrimonio e farà di tutto perché i suoi programmi non vengano intralciati da nessuno.
Crudele, sgradevole, beffarda, cinica e cattivissima, questa commedia evidenzia come anche l’amicizia più profonda possa essere minacciata e distrutta dai rispettivi egoismi che hanno la meglio sul buon senso e il rispetto del prossimo. Un cast che funziona dove brillano per intensità una sorprendente Cameron Diaz, un divertente e isterico Jeremy Piven e un sempre affascinante Christian Slater.

JAWBREAKER (1999)
La locandina del film AMICHE CATTIVE

E chiudiamo il trittico di oggi con un film del 1999 cui sono particolarmente affezionato sebbene non brilli certo per regia o sceneggiatura.
AMICHE CATTIVE di Darren Stein è una commedia che si fa beffe del sistema scolastico americano e della rivalità tra donne.
Il mattino del suo 17° compleanno Elizabeth viene assalita da 3 figure mascherate che la legano, le piantano una caramella “spaccamascelle” in bocca (JAWBRAEKER è il titolo originale che fa riferimento proprio a questa caramella), la imbavagliano e la caricano nel bagagliaio di un’auto. In verità si tratta di uno scherzo organizzato dalle sue amiche del cuore, Courtney, Julie e Marcie. Peccato che al momento di immortalare la ragazza legata la ritrovano morta, soffocata dallo spaccamascelle incastrato in gola.
Seguiranno non pochi colpi di scena e le ragazze dovranno cercare di zittire la bruttina della scuola Fern Mayo che scopre la verità.
Tacchi a spillo, colori pastello, gloss, unghie laccate e una soundtrack che spazia dal pop al rock sono gli unici elementi che edulcorano la trama di un quasi thriller dove perfidie e colpi bassi e crudeltà si sprecano.
Il cast è composto da piccole e grandi stelle della televisione tra cui spiccano i nomi di Rose McGowan (vedi SCREAM e la serie di STREGHE), Rebecca Gayheart (relegata a film horror come URBAN LEGEND e vista di recente anche in C’ERA UN VOLTA A… HOLLYWOOD), Julie Benz (che i più ricorderanno nella serie di DEXTER) e un cameo di Marilyn Manson.

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

bandiera transessuale bandiera transessuale

In California si rispetterà l’identità di genere dei detenuti transgender

Human Rights

ENOLA HOLMES su Netflix ENOLA HOLMES su Netflix

ENOLA HOLMES _ Una giovane eroina destinata al facile successo (recensione)

Spettacolo

leggi sodomia stati uniti leggi sodomia stati uniti

Nell’Idaho (USA) si puniscono ancora gli atti sessuali “contro natura”

Mondo

Donne e madri di ‘Ndrangheta: l’altra metà del crimine

Legalità

Sassari è transfemminista: arriva il festival “Tzua!”.

Desdemona

oberyn bisessuale oberyn bisessuale

#Le5 serie tv con personaggi bisessuali

Spettacolo

“L’Architettrice” di MELANIA G. MAZZUCCO (Einaudi) Recensione

Storie e Culture

podcast sessuali podcast sessuali

Il sesso, il cibo e i PODCAST EROTICI. Dove andremo a finire?

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora