fbpx
Connettiti con noi
PICCOLE DONNE di Greta Gerwig (2020)

Spettacolo

PICCOLE DONNE (2020) _ Quelle di ieri, di oggi e di domani (recensione)

Settimo adattamento cinematografico del romanzo di Louisa May Alcott, questo PICCOLE DONNE è certamente una delle trasposizioni più appassionate e sincere. Un cast stellare al servizio di una storia intramontabile.


La trama che conosciamo (quasi) tutti come non ci è mai stata raccontata parte proprio dalla nascita di quello che sarebbe divenuto un classico della letteratura per l’infanzia per poi guardare alle vicissitudini delle 4 sorelle attraverso una serie di flashback.

PICCOLE DONNE (2020)
PICCOLE DONNE di Greta Gerwig è stato candidato a 4 nomination agli Oscar 2020, tra cui quella per Miglior Film

Greta Gerwig riscrive” e dirige il suo personalissimo PICCOLE DONNE ponendo l’accento su tematiche che, per quanto datate, sono ancora oggi parte integrante del tessuto socio-politico della nostra società moderna: gli ostacoli sul cammino di una reale autonomia femminile; il matrimonio e la sua natura contrattuale; la condizione della donna spesso resa “ornamento della società”.

La regista di “LADY BIRD” (2017) in questo senso da romanzo per l’infanzia trasforma le pagine della Alcott in un manifesto femminista vitale, luminoso, appassionato e speranzoso.

La sua regia è attenta, puntuale, fresca e dinamica.
Supportato da una buona colonna sonora e una fotografia che predilige i toni caldi e umani, il film si fa amare in ogni inquadratura.

PICCOLE DONNE di Greta Gerwig
Meryl Streep è la temibile zia March in PICCOLE DONNE

La Gerwig sceglie di non soffermarsi più di tanto su alcuni snodi narrativi anche importanti, carichi di pathos; ma preferisce conferire maggiore profondità alle sue protagoniste, donando loro dialoghi costruiti a puntino per trattare di arte e di denaro e di come queste due cose siano sempre state territorio esclusivo del maschio.
Argomento che si ricollega perfettamente anche alla condizione di tante donne (attrici, registe, sceneggiatrici etc) che ancora oggi devono sgomitare per farsi spazio in un mondo (quello del cinema) prettamente patriarcale dove il mestiere delle donne viene pagato meno rispetto a quello dei colleghi maschi.

Le sue PICCOLE DONNE sono volitive, ingegnose, caritatevoli, testarde, resilienti, sognatrici, vendicative, ma sono anche prudenti e ragionevoli e unite.

Perché al di là del rimaneggiamento delle pagine originali, a discapito di episodi che tanti hanno amato, a bucare lo schermo sono proprio i legami e gli animi di 4 sorelle, mai così ricche di sfumature, mai così moderne pur restando perfettamente inserite nel contesto storico che fa da sfondo al racconto.

PICCOLE DONNE (2020)
Saoirse Ronan e Timothée Chamalet in una delle sequenze più emozionanti di PICCOLE DONNE

Saoirsie Ronan veste con disinvoltura i panni della celebre Jo, personaggio chiave del romanzo e alterego dell’autrice (e qui anche della regista). Sebbene talvolta ecceda nelle sue smorfie e vada a ricalcare troppo certi slanci di emotività, la Ronan offre un’ottima performance, soprattutto nei silenzi e nelle scene più drammatiche.

Se Emma Watson pare non sappia fare quel salto qualitativo che la renda una vera attrice completa, a sorprendere è Florence Pugh, già ammirata e apprezzata in LADY MACBETH (2016) e MIDSOMMAR.
La Pugh si conferma una delle più interessanti promesse del futuro e anche qui riesce a rubare la scena alla protagonista e collega Ronan.


Lo splendido finale poi ridona potere e dignità all’autrice di PICCOLE DONNE giustificando in qualche modo i motivi che l’hanno spinta a dover tradire l’animo ribelle e indipendente di Jo e far maritare la sua eroina.
Una complicità e un rispetto tra donne di epoche diverse che nell’arte hanno trovato una propria realizzazione e un proprio spazio che, per quanto piccolo, è certamente un traguardo importante.
La conferma che le donne, ieri, oggi e domani, possano far la differenza e possano azzardare a riscrivere la Storia e un finale a esse congeniale.

PICCOLE DONNE (2020) _ Quelle di ieri, di oggi e di domani (recensione)
7.7 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

GAMBERETTI PER TUTTI (2019) GAMBERETTI PER TUTTI (2019)

GAMBERETTI PER TUTTI _ Mai più soli. Un tuffo di libertà (recensione)

Spettacolo

videogioco transgender videogioco transgender

“Tell me why”, una storia per combattere la transfobia nel soffio del gelido inverno

Sociality

Rusesabagina: libertà negata a colui che salvò 1200 persone dal genocidio in Ruanda

Mondo

In ricordo di Rossana Rossanda.

Desdemona

“Come un respiro” di FERZAN OZPETEK (Mondadori)

Storie e Culture

L’origine del Saluto Romano: la Parigi queer del ‘700

Storie e Culture

LE STRADE DEL MALE di Antonio Campos LE STRADE DEL MALE di Antonio Campos

LE STRADE DEL MALE _ Nessuna redenzione per chi prega

Spettacolo

.gay dominio siti web .gay dominio siti web

Nasce il dominio .gay, per un web sempre più arcobaleno

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora