fbpx
Connettiti con noi
durex tv commercial poland

Mondo

Polonia, prima coppia gay in uno spot televisivo della Durex

L’amore tra uomini approda nella tv polacca, verosimilmente per la prima volta.


Ad un anno dalla creazione delle “LGBT Free Zone“, e in pieno regime conservatore del PiS, Durex decide coraggiosamente di mostrare al pubblico polacco un momento di intimità tutta declinata al maschile.

I protagonisti della campagna “Loud in bed” di Durex sono quattro coppie che si scambiano tenere effusioni, un chiaro preludio al momento d’amore che ne conseguirà, ovviamente con i preservativi a portata di mano.

Accanto a tre coppie eterosessuali appaiono Jakub e Dawid Mycek-Kwiecinski, due famosi youtubers e attivisti LGBT polacchi (qui il loro canale youtube), che si lasciano andare a dolci carezze dopo aver condiviso un taglio di capelli domestico.

La coppia polacca, lo scorso mese di aprile, ha fatto molto parlare di sé per la distribuzione gratuita al pubblico di mascherine arcobaleno COVID-19 per sensibilizzare i consumatori a porre fine allo stigma LGBT.

“Momento rivoluzionario”

Per Jakub Mycek-Kwiecinski è un ritorno alla tv, dove ha lavorato per nove anni. L’emittente nazionale TVP lo aveva licenziato nel 2018 a causa della sua omosessualità, dopo che Jacek Kurski, ex membro del partito politico conservatore Legge e Giustizia, era diventato presidente della compagnia.

La coppia ha condiviso l’annuncio sulla sua pagina Facebook, definendolo un momento “rivoluzionario” e ringraziando la compagnia per la sua inclusività. Il matrimonio tra persone dello stesso sesso è illegale in Polonia.

Intervistati da GSN, hanno spiegato che che la campagna sarà trasmessa su tutti i principali canali TV in Polonia, ma anche in Repubblica Ceca, Slovacchia e Lituania.

Trzaskowski, una speranza per la nuova Polonia

A pochi mesi dalle elezioni politiche il PiS (“Legge e Giustizia”, il partito di destra al potere) ha tutta intenzione di portare avanti la sua agenda omofoba. Il parlamento sta attualmente valutando una legge anti-LGBT + Stop Pedofilia che potrebbe chiudere le porte all’educazione sessuale nel paese.

A rovinare i piani del PiS potrebbe essere il liberale Rafał Trzaskowski, centrista e sindaco della capitale della Polonia, Varsavia. Una figura giovane e molto amata dai cittadini polacchi, alleato LGBT + e pro-UE, che si propone come alternativa ai conservatori illiberali che finora stanno minando la sicurezza dei diritti civili delle donne e delle minoranze nel paese.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Scioglimento unioni civili Scioglimento unioni civili

Unioni civili: la fine di un rapporto sotto il profilo giuridico.

Legalità

Giornata dell’orgoglio Bisessuale: né diversamente etero, né diversamente omo

Dr. Rainbow

Giancarlo Siani, il giovane giornalista precario che spaventò la Camorra

Legalità

Transfobia al seggio di Siena, allontanato ragazzo trans

Human Rights

GAMBERETTI PER TUTTI (2019) GAMBERETTI PER TUTTI (2019)

GAMBERETTI PER TUTTI _ Mai più soli. Un tuffo di libertà (recensione)

Spettacolo

videogioco transgender videogioco transgender

“Tell me why”, una storia per combattere la transfobia nel soffio del gelido inverno

Sociality

Rusesabagina: libertà negata a colui che salvò 1200 persone dal genocidio in Ruanda

Mondo

In ricordo di Rossana Rossanda.

Desdemona

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora