fbpx
Connettiti con noi
btr

Human Rights

Premio PICCOLA PENNA DEI DIRITTI UMANI – ecco i vincitori-

SIMONE BURATTI

(1° CLASSIFICATO)

Caro Batuffolo,


oggi la maestra ci ha parlato di una donna che si chiama Malala. Lei ha difeso il diritto all’Istruzione perché non poteva andare a scuola, infatti nel 2014 ha vinto anche il Premio Nobel. La sua lotta era in difesa dei diritti, visto che da loro in Pakistan le donne non potevano fare niente. E per lei, la cosa che non accettava, era che non poteva frequentare la scuola, e si ribellò. Però mentre tornava a casa da scuola con il pulmino di suo padre, che portava alcune donne a casa loro, i terroristi fermarono il pulmino e chiesero chi fosse Malala e nessuno rispose, però due donne guardarono lei. I terroristi spararono a tutte e tre. Io un po’ l’ho provata durante la quarantena questa sensazione, perché era vietato andare a scuola a causa della pandemia di Covid 19. io non vedevo i miei compagni, li vedevo solo su un computer e non sono riuscito a frequentarli e quindi mi è mancato qualcosa. Io ho sofferto molto.

Spero che non succeda mai in Italia una cosa come quella di Malala, perché non voglio che muoiano delle donne innocenti solo perché vogliono andare a scuola per non essere ignoranti ed avere un bel futuro: sia le bambine che i bambini.

Simone.

Usa le frecce <-> per scorrere

Scritto da

Mostra i commenti

Articoli simili

Diritto allo studio e disabilità.

Senzacategoria

Il Canada vieta le “terapie di conversione per LGBTQIAP+”

Mondo

Schiavitù in Italia: una piaga mai debellata #10DaysOfHumanRights

Human Rights

hiv vaccines hiv vaccines

AIDS 1981-2021: dopo 40 anni la speranza si chiama vaccino

Dr. Rainbow

Scopri i nostri social
×