fbpx
Connettiti con noi
tel aviv pride

Mondo

Primo sì al divieto delle terapie di conversione in Israele

credits: coupleofmen

Il disegno di legge israeliano sul divieto delle terapie di conversione ha superato la prima lettura presso la Knesset, il Parlamento del paese. La proposta ha accolto il favore dell’opposizione e di due partiti del governo di coalizione, mentre la frangia ultra-ortodossa Torah Judaism (UTJ) ha votato contro, minacciando azioni di disturbo nel percorso dell’esecutivo, retto da una maggioranza strettissima.


Il disegno di legge rischia di innescare quindi una crisi politica, che porterebbe alla quarta tornata elettorale in un anno. Affinché venga approvata definitivamente, la legge dovrà passare altre due letture in Parlamento.

Nitzan Horowitz, leader del partito di opposizione Meretz e co-autore della legge, ha affermato che il passaggio preliminare ha segnato un “cambiamento storico” in Israele.

Anche il primo ministro supplente Benny Gantz ha accolto con favore il risultato della votazione: “La terapia di conversione è nata nel peccato e il suo posto è al di fuori della legge e della norma pubblica“, ha twittato dopo il passaggio della legge. “Faremo in modo che tutti, di ogni estrazione e orientamento sessuale in Israele, abbiano libera scelta e sicurezza sulla propria identità“.


Lo scorso anno avevano suscitato indignazione le parole dell’ex ministro dell’istruzione Rafi Peretz, che aveva pubblicamente sponsorizzato le terapia di “conversione gay, esprimendo il suo favore su tale pratica e assicurando sulla loro riuscita. Il primo ministro Benjamin Netanyahu aveva definito le sue osservazioni “inaccettabili“.

Il termine “terapia di conversione” si riferisce a qualsiasi forma di trattamento o psicoterapia che mira a cambiare l’orientamento sessuale di una persona o a sopprimere l’identità di genere di una persona.

La pratica è ampiamente contrastata su basi logiche, etiche e morali.

All’inizio di questa settimana, anche il Primo Ministro britannico Boris Johnson ha definito la terapia “assolutamente ripugnante”, supportando il disegno di legge in esame nel Parlamento del Regno Unito.

primo ministro gay israele
Il Ministro della Pubblica Sicurezza Amir Ohana, primo ministro israeliano apertamente omosessuale

Israele all’avanguardia per i diritti LGBT

Lo Stato di Israele vanta l’approccio più progressista nei confronti delle persone LGBT+ in Medio Oriente, nonostante l’opposizione di alcuni settori conservatori della società.

Gay, lesbiche e transgender sono protetti dalle leggi antidiscriminazione, hanno i diritti di adozione e di eredità e sono autorizzati a prestare servizio militare dal 1993.

tIl paese conta un numero record di parlamentari apertamente gay e l’anno scorso ha nominato il suo primo ministro apertamente gay, il quarantaquattrenne avvocato Amir Ohana, nel partito Likud di Netanyahu.La scorsa settimana il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha tenuto un panel virtuale per avanzare la richiesta di vietare, a livello globale, le terapie di conversione. Vi rimandiamo a questo articolo per ulteriori approfondimenti.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

campania legge regionale omofobia campania legge regionale omofobia

La Regione Campania approva una legge contro l’omotransfobia

Human Rights

legge zan omofobia testo legge zan omofobia testo

Legge Zan contro l’omotransfobia: tutto rinviato a settembre

Human Rights

BDSM e Femminismo: intervista al Non Collettivo Queer di Genova.

Desdemona

legge omofobia zan legge omofobia zan

Legge Zan il 3 agosto alla Camera, il testo approvato dalla Commissione Giustizia

Human Rights

puglia preferenza di genere puglia preferenza di genere

In Puglia si affossa la parità di genere, la politica non difende le donne

Human Rights

willow lesbica willow lesbica

Scooby Gang! Willow, Velma, e le occasioni mancate

Sociality

schiavi italia schiavi italia

Nel 2019 in Italia oltre 2000 “nuovi schiavi” nell’indifferenza generale

Human Rights

I SAPIOSESSUALI e la nuova attrazione che parte dal cervello

Sociality

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora