fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
principe(ssa) disney recensione
Courtesy of Disney

Spettacolo

Principe(ssa): su Disney+ il corto sull’accettazione dei bambini “in rosa”

La piattaforma streaming Disney+ ha lanciato a maggio la prima stagione di LAUNCHPAD, una collezione di cortometraggi targati Disney che vede come autori una nuova, ispirata generazione di storyteller statunitensi che hanno deciso raccontare storie di discriminazione e riscatto.


I registi dei sei corti, selezionati tra più di 1100 candidati, provengono da minoranze etniche e sociali. Con l’esperienza di Launchpad hanno avuto l’opportunità di condividere una propria visione creativa, unica e originale, con tutto il mondo, cercando di rimediare ai problemi di sottorappresentazione della distribuzione mainstream.

Tutti i corti, prodotti da Disney, sono stati girati con l’affiancamento di addetti del mestiere di ogni divisione della multinazionale del topo: Disney+, Lucasfilm, Marvel Studios, Pixar, Walt Disney Animation Studios e Walt Disney Studios Motion Picture Production.

Tra gli episodi di Launchpad ha destato la nostra attenzione il 1×06, The little Prince(ss), in italiano “Principe(ssa)“, diretto dal giovane filmaker non binary di origine cinese Moxie Peng.

Principe(ssa): la recensione

Un concentrato di innocenza e tenerezza con due protagonisti che ameremo sin dalle prime scene: il piccolo Gabriel (un dolcissimo Kalo Moss) è l’unico allievo di danza nella sua classe di bambine, Rob (l’altrettanto stupefacente Ching Yin Ryan Hu) gioca a basket. Entrambi sono di minoranza cinese negli Stati Uniti. Fanno amicizia sull’autobus per tornare a casa, accomunati da un paio di occhi a mandorla vispi e curiosi. La loro amicizia sarà ostacolata dal padre di Rob, che non riesce ad accettare Gabriel e il suo incantevole mondo rosa, ma soprattutto la sincera amicizia che suo figlio prova per il piccolo ballerino, sostenuto dai genitori in tutto e per tutto.

In poco meno di venti minuti, il candore di Principe(ssa) coinvolge, commuove e fa riflettere. Non interessa, allo spettatore, quanto talentuoso sia Gabriel alla sbarra, ma che la sua passione, le sue bambole, lo zainetto rosa siano parte di sé e della sua identità con estrema semplicità.

In questi anni ottusi in cui ogni deviazione dalle monolitiche convinzioni sull’espressione di genere urla allo spauracchio del gender, Principe(ssa) mostra ancora una volta che i muri, le discriminazioni e le stigmatizzazioni appartengono solo al mondo degli adulti. Rob vuole bene al suo piccolo amico perché è gentile, comprende la sua passione per la danza classica con poche, elementari spiegazioni (provate a farlo con un adulto!), vuole renderlo felice con una bambola, guarda al suo piccolo mondo rosa con curiosità, rispetto e candore, con la purezza spiazzante di chi non conosce il pregiudizio.

Il loro è un interscambio alla pari: anche Rob, nella sua classe, viene percepito come “strano” perché pranza con piatti tipici cinesi che i suoi compagni non codificano come omologato alle loro merende. La sua amicizia con Gabriel è una prova di fiducia reciproca che rifiuta sin dall’inizio ogni ombra di discriminazione.


Il contributo di “Principe(ssa)” al dibattito sull’identità di genere è molto sfaccettato e non adopera metafore o voli pindarici per arrivare al nocciolo della questione. Il corto di Moxie Peng ne parla in modo più che diretto, esponendo sia le posizioni dei due bambini che lotteranno per essere amici sia quelle dei genitori, la cui incomunicabilità diventerà estrema quando si troveranno su due posizioni contrapposte e inconciliabili.

Le tematiche della mascolinità tossica, dell’accettazione di se stessi e degli altri e anche dell’immigrazione, trattati in modo semplice e delicato (per quanto non mancano momenti di intima commozione), favoriscono la visione del cortometraggio a un pubblico trasversale: per una volta lasciamo che siano i più piccoli a spiegare a noi adulti come stare al mondo. Sono sicuro che le loro risposte vi sorprenderanno, perché per loro, il re, è sempre nudo.

Rob: Perché è tutto rosa?
Gabriel: Perché il rosa è bello.
Rob: Cos’ha di bello?
Gabriel: È un colore carino, è tenero e fa sembrare tutto un sogno

Principe(ssa) è disponibile sulla piattaforma streaming Disney+


launchpad
Gabriel e Rob nella cameretta di Gabriel (immagini Disney)

Potrebbe interessarvi anche… OUT, IL NUOVO CORTOMETRAGGIO DISNEY SULL’AMORE ARCOBALENO

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

oroscoPERÒ _ ad Agosto finiremo tutti arrosto

Sociality

Schlitzie, quando “il freak” non era chic e affollava il circo

Spettacolo

Cinque libri per l’Estate 2021: nutrire la mente sotto l’ombrellone!

Storie e Culture

copertina 2 copertina 2

Final Fantasy X: 20 anni di successo per la più grande epopea videoludica mai realizzata!

Sociality

Scopri i nostri social
×