Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
gpa

Human Rights

Punire chi ricorre alla maternità surrogata all’estero: la proposta di Mara Carfagna

La deputata di Forza Italia Mara Carfagna vuole rendere perseguibile i cittadini italiani che, all’estero, ricorrono alla gestazione per altri.


Stop, quindi, ai viaggi all’estero per le coppie che, impossibilitate a portare avanti una gravidanza, ricorrono a madri surrogate per avere dei figli propri. In Italia, così come in buona parte degli stati comunitari, la gpa è illegale ai sensi dell’art. 12 della l. 40/2004 sulla procreazione assistita, nel quale si prevede che “«Chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro»“.

Il divieto è stato confermato nel 2017 dalla Corte costituzionale, la quale ha peraltro considerato come la pratica di surrogazione «offenda in modo intollerabile la dignità della donna e mini nel profondo le relazioni umane»

L’obiettivo della Carfagna è quello “estendere la perseguibilità del reato di surrogazione di maternità sulla procreazione assistita anche agli italiani che si recano negli Stati in cui è ancora possibile farlo, con pene che vanno dalla reclusione da tre mesi a due anni e multe da 600mila a un milione di euro“, perché “l’utero in affitto è una pratica aberrante che viola i diritti umani della madre e del bambino“.

Per quanto una certa propaganda politica associ automaticamente la pratica della gpa allo spauracchio delle coppie omosessuali, sono in realtà le coppie eterosessuali a beneficiarne nella stragrande maggioranza dei casi (le % si aggirano tra il 70 e il 90% a seconda delle fonti), per una semplice questione legata al numero di stati che ammettono tale pratica.

Mentre le coppie gay possono rivolgersi solamente in alcuni Stati degli USA (tra cui la California) e del Canada, dove peraltro l’iter per accedere la gpa è lungo e molto oneroso (soprattutto negli Stati Uniti, dove non esiste la sanità pubblica e i costi possono superano i centomila euro), le coppie etero possono rivolgersi in stati più vicini, come Grecia, Ucraina, Georgia, Russia. In questi ultimi tre paesi la legislazione sulla maternità surrogata prevede un margine d’azione molto ampio per la coppia richiedente, ad esempio è richiesto che il nascituro possa essere figlio biologico anche di un solo membro della coppia richiedente.

In altri paesi, come la Gran Bretagna e Israele, è permessa alle sole coppie residenti sposate o unite civilmente.

La GPA può essere una scelta libera e consapevole

Se da un lato è comprensibile che immagini come quella pubblicata dal Messaggero facciano presa sulla sensibilità dei lettori, come ad esempio l‘esercito di culle di bambini nelle cliniche ucraine che non possono essere raggiunti dai genitori adottanti per via del Covid-19, d’altro lato emerge che una regolamentazione è sì possibile, ma deve essere ponderata in base al caso di riferimento.

La gpa non equivale a sfruttamento deliberato del corpo della donna. Vi sono casi nel mondo in cui madri incubatrici effettuano la libera scelta, non lucrativa e incondizionata, di mettere alla luce il figlio biologico di due persone che non possono portare avanti una gravidanza. Una scelta altruistica, non dettata da vantaggi economici, che mette al riparo da fenomeni di sfruttamento e di mercificazione del corpo della donna. In Canada, ad esempio, è vietata in ogni forma la gpa retribuita. In California, invece, una madre surrogata non deve essere alla sua prima gravidanza e deve certificare di essere autosufficiente dal punto di vista economico (pur pagata, quindi, non può trovarsi in condizioni di indigenza) Se ne conviene che è impensabile ricondurre ad un’unica casistica il fenomeno della maternità surrogata.

Se si avverte davvero la necessità di una legge, sarebbe consigliabile partire da questo assunto: capire che l’autodeterminazione di una donna che vuole mettere a disposizione il proprio corpo per portare avanti una gravidanza altrui non può essere condannata.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

terapie di conversione testimonianze terapie di conversione testimonianze

«Ho dormito con le braccia divaricate per 6 mesi» – Parla reduce da una terapia di conversione

Human Rights

THE COVE THE COVE

3 film sull’AMBIENTE che non sapevi di voler vedere

Human Rights

dopo di noi come funziona dopo di noi come funziona

“Dopo di noi”: a che punto è l’applicazione della legge che assiste i disabili gravi?

Dr. Rainbow

Logo Logo

Il garante per l’infanzia: un’autorità per il presente e il futuro dei bambini

Human Rights

Come si praticano il nudismo e il naturismo in tempo di Covid?

Sociality

attrice juno trans attrice juno trans

Elliot Page, la star di “Juno” nominata all’Oscar, ha fatto coming out come transgender

Mondo

malta diritto all'aborto malta diritto all'aborto

Malta: l’ultimo paese europeo che vieta l’aborto. Intervista a Voice for Choice

Desdemona

diritto salute diritto salute

Diritto alla salute: esiste ancora al tempo del Covid-19?

Human Rights

Scopri i nostri social
×