fbpx
Connettiti con noi
Raffaella Carrà compleanno

Spettacolo

Raffaella Carrà è morta

“E’ andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre“. Alle 16.20 di oggi 5 luglio è venuta a mancare Raffaella Carrà. L’annuncio è di Sergio Japino, storico partner della Carrà e regista di suoi numerosi successi televisivi, che si è unito al dolore degli adorati nipoti Federica e Matteo, di Barbara, Paola e Claudia Boncompagni.


La Raffa nazionale è stata vinta da una malattia che l’affliggeva da tempo. Nelle sue ultime disposizioni, secondo l’ANSA, Raffaella ha chiesto una semplice bara di legno grezzo e un’urna per contenere le sue ceneri.

È un momento di lutto per tutti noi. La comunità lgbt+ di tutta Italia e dell’America Latina aveva designato Raffaella come icona assoluta, simbolo dell’autodeterminazione e dell’emancipazione dei costumi. Oggi più che mai il suo contributo al mondo dello spettacolo risuona vivo e forte. E così sarà sempre, per chi ha ridisegnato la mappa del sesso in Italia da Trieste in giù. Ha ballato ballato ballato da capogiro. Ha inventato il Tuca Tuca per poter dire “mi piaci mi piaci mi pià”.

“La Carrà, icona eterna”

A fronte di tante sue colleghe che tutti chiamiamo per nome, lei ha continuato ad essere per tutti “la Carrà“. Ossequiosamente, quasi a non voler intaccare la sua aura di grandezza con riferimenti profani

Icona antelitteram dell’emancipazione femminile, naturale madrina del movimento di liberazione lgbt, la Carrà ha attraversato decenni di tv lanciando mode, cantando tormentoni, scrivendo pagine di storia dello spettacolo con inattaccabile passione e stoico entusiasmo.

Le sue canzoni hanno descritto un mondo spensierato in cui la seduzione, l’amore e perfino il sesso, con malizia e disimpegno, possono essere divertenti e spassosi. Ha provocato senza indignare, ha costruito senza distruggere.

Le sue trasmissioni hanno raccontato il fenomeno migratorio del dopoguerra verso il Sudamerica e commosso una nazione intera. È stata simbolo della lotteria Italiamusa di parolieri. È stata baraccona ed elegantesofisticata e popolare, ha messo d’accordo un intero Paese sulle note di “Maga Maghella” come di “Fiesta”. Senza mai mancare di rispetto a nessuno.

Lo scorso mese di novembre, il Guardian l’aveva definita “icona del sex positive” -> potete recuperare l’articolo qui


Buon viaggio Raffaella, e che tu possa continuare, ovunque tu sia, a fare tanto Rumore.

Scritto da

Sono nato in Puglia, terra di ulivi e mare, e oggi mi divido tra la città Eterna e la città Unica che mi ha visto nascere. La scrittura per me è disciplina, bellezza e cultura, per questo nella vita revisiono testi e mi occupo di editing. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare i diritti umani e i diritti lgbt+ nel mondo... e mi distraggo scrivendo di cultura e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Zannoni (con la sua faina) vince il 60° Premio Campiello

News

I MIEI STUPIDI INTENTI di Bernardo Zannoni (Sellerio) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

IL GIORNO IN CUI DIEDI FUOCO ALLA MIA CASA di Francesca Mattei (Pidgin) | Finalista premio John Fante 2022

Storie e Culture

MAI STATI INNOCENTI di Valeria Gargiullo (Salani) | Finalista Premio John Fante 2022

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×