fbpx
Connettiti con noi

Human Rights

Rimedi contro le… multe!

Oggi, per la rubrica BL Legalità affrontiamo un problematica comune a molti, se non a tutti: le multe! Tutti noi, almeno una volta, abbiamo ricevuto una multa tanto per eccesso di velocità quanto per altri motivi. Cosa fare?


Esistono realmente dei rimedi contro le multe?
Sicuramente il fatto che esistano dei rimedi contro le multe non deroga al principio fondamentale, quello di rispettare il codice della strada e di tenere una guida sicura ed attenta.
Ad ogni modo, la risposta alla domanda è si, esistono dei rimedi. Naturalmente, i rimedi non sempre sussistono e debbono essere valutati caso per caso.

Cosa fare non appena arriva una multa?
Per prima cosa verificare quando la violazione è stata compiuta. Se, infatti, tra la data della violazione e quella della notifica passano più di 90 giorni la multa è nulla.

Cosa si fa in questo caso?
In questo, così come in tutti quelli dove si accerta la sussistenza di motivi di impugnazione, va fatto ricorso avverso la multa.

Dove e quando si fa ricorso?
Il ricorso, può essere promosso entro 30 giorni innanzi al Giudice di Pace territorialmente competente. Mentre si può promuovere ricorso, entro 60 giorni, innanzi al Prefetto.

Esistono differenze oltre ai termini?
Si, esistono delle differenze procedurali che incidono soprattutto sull’opportunità di promuovere il ricorso innanzi ad una delle due autorità. I due procedimenti di impugnazione e le loro caratteristiche saranno oggetto di successivi articoli.

Se il termine di 90 giorni è rispettato cosa dobbiamo controllare?
Occorre verificare, in caso di autovelox, se l’apparecchio è stato tarato e soprattutto quando. Recentemente, infatti, la Corte Costituzionale ha chiarito che gli autovelox debbono essere tarati almeno una volta l’anno.

Come si può fare a scoprire se la taratura è stata effettuata?
Sempre nel termine di 30 giorni occorre chiedere all’Autorità che eroga la sanzione di prendere visione di tutta la documentazione attinente l’apparecchiatura. In questo modo si saprà se la contestazione può essere depositata o meno.

Se anche la taratura è a norma cosa si fa?
Si deve verificare se l’autovelox è posizionato nel posto giusto. Capita, molto più spesso di quanto si immagini, che gli autovelox siano posizionati in luoghi ove non potrebbero essere, per esempio in strade dove non ci sono le banchine, in strade dove la legge prevede che ci sia bisogno di un decreto prefettizio autorizzativo. Anche in questo caso occorre, prima di presentare il ricorso, verificare se su quella strada l’autovelox poteva o meno essere posizionato. Soprattutto, occorre fare molta attenzione al decreto perché succede che l’autovelox possa essere posizionato solo in un determinato punto ben indicato, per esempio il km 10+6, oppure che possa essere posizionato all’interno di un determinato raggio kilometrico, ad esempio tra il km 10 ed il km 12.

Vi sono altri Rimedi?
Si, ancora due. Occorre controllare che non vi sia un eccesso di delega o un’incompetenza.
Relativamente al primo punto bisogna ricordare che gli autovelox sono gestiti dai Comuni e sono loro che devono preoccuparsi di assistere alla maggior parte del procedimento. Sono loro che devono estrarre le registrazioni o i rullini, debbono svilupparlo, debbono procedere alla notifica, naturalmente ho indicato solo alcune fasi. Se questo procedimento è affidato totalmente o esclusivamente ad una Società esterna allora sussiste una violazione della Legge che determina la nullità della multa.

Relativamente al secondo punto, invece, bisogna ricordare che la polizia municipale ha competenza solo per il proprio comune, la municipale di Firenze non è competente per il Comune di Scandicci, così come sulle autostrade non può essere competente la polizia municipale. Anche in questo caso l’incompetenza determina la nullità della multa.

Vi ricordiamo che è in atto la partnership tra Bearslicious e ADUC: grazie all’ADUC ogni cittadino è aiutato nella comprensione autonoma dei problemi e coadiuvato nella risoluzione delle controversie con la Pubblica Amministrazione, nella presentazione di reclami, ricorsi, nella richiesta di pareri legali e analisi approfondite della documentazione. In virtù dell’accordo siglato, Bearslicious offre ai propri lettori e sostenitori di farsi da tramite e da ponte per la segnalazione dei casi.


Avatar
Scritto da

Non faccio l'Avvocato ma lo sono. Calabra di nascita e "fiorentina" per adozione.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora