fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Storie e Culture

“ROMANTICIDIO spoesie d’amore e altre disgrazie” di Eleonora Molisani (Neo.) Recensione

Come preannunciato nella presentazione on line avvenuta il giorno di San Valentino, siamo lieti di presentarvi la recensione di ROMANTICIDIO: spoesie d’amore e altre disgrazie di Eleonora Molisani edito da Neo.


(Potete recuperare la presentazione del libro avvenuta sulle nostre piattaforme social in fondo all’articolo)

SINOSSI

Basta con le poesie d’amore politicamente corrette. L’amore è scorretto, sfrontato, impertinente, spigoloso e, se guardato con gli occhi giusti, sa essere estremamente divertente.
Giocando con le rime, Eleonora Molisani dà voce a una creatura esuberante, costantemente in equilibrio sui tranelli della quotidianità, che si confronta con il russare del partner, con il cambio stagione, con gli inganni dei social, con le trappole del divano, ma anche con l’intesa, la dolcezza e, perché no, con l’amarezza, il disincanto.
Eleonora le chiama spoesie, quasi volesse con le sue flastrocche ammantare l’amore di un velo scherzoso, ma il suo sguardo sfacciatamente femminile, più che vestirlo, con grande ironia, sembra metterlo a nudo.
Eleonora Molisani vive a Milano. Giornalista professionista dal 1997, si occupa di attualità, di cultura e di libri per il settimanale Tu Style. Collabora come docente di giornalismo, comunicazione e newmedia, con la Scuola di linguaggi Mohole di Milano, dove cura anche la rassegna letteraria annuale “Parolibere”. Ha collaborato alla redazione di libri di scolastica e saggistica per Garzanti e McGraw- Hill. Suoi i romanzi Il buco che ho nel cuore ha la tua forma (Priamo & Meligrana, 2014) e Affetti collaterali (Giraldi, 2019). Ha partecipato alle antologie di racconti Pausa Cafè (Prospero, 2015), Lettere al padre (Morellini, 2019) e Reboot-Lettere d’amore a Milano (BookaBook, 2020). Organizzatrice di eventi culturali, online ha fondato la community “Natural Born Readers and writers”, per la tutela della bibliodiversità. Per “Scrittori a domicilio” cura la rubrica settimanale Book and Mood, un libro per ogni paturnia.

RECENSIONE

Cinico, esuberante, pungente e sempre sul pezzo: questa raccolta di poesie è assolutamente da sfogliare e risfogliare. Eleonora Molisani con la sua penna graffiante e la consapevolezza da donna con la D maiuscola è riuscita a sublimare dei versi scanzonati e di denuncia donandoci, con accuratezza analitica, l’evoluzione romantica dell’umano sentire. Si ride e si riflette in continuazione. Dove credi si nasconda una semplice filastrocca, emerge un contenuto grosso come una balena. Molisani gioca con le parole come un’acrobata circense. La semplice costruzione di rime e endecasillabi “potabili” sono lo scheletro anche per una denuncia feroce alle stereotipie patriarcali. Romanticidio ci fa sprofondare nel delicato equilibrio relazionale della società performativa, figliastra di quella liquida, che interagisce alla velocità dei treni giapponesi e dedica veramente poco tempo alla riflessione. Un presente continuo, del , che cozza mortalmente con l’innato desiderio emotivo di ogni individuo. Molisani riesce a condensare questa atroce realtà , questa scostumata realtà, con astuzia e con caustico equilibrio.

Da annoverare la presenza di brevi “haiku” o, come preferisco definirli io, Bonsai romanticidi che aumentano le riflessioni facendoci sorridere!

-Amore, cosa farei senza di te?

-Schifo

Tuttə devono avere il diritto di leggere ROMANTICIDIO!

https://www.facebook.com/BEARSLICIOUSMAGAZINE/videos/351391415923203

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Mostra i commenti

Articoli simili

TI LASCIO PER RIPRENDERMI di G. Donini e A. Midena (Solferino) | Recensione

Storie e Culture

orietta berti amici gay orietta berti amici gay

“Abbattiamo la piaga dell’omofobia”: Orietta Berti è la vera icona lgbt di Sanremo 2021

Spettacolo

Per il governo indiano “il matrimonio è solo tra uomo e donna biologici”

Mondo

Sanremo sì, Sanremo no: la strage impunita

Sociality

Scopri i nostri social
×