ROOM (2015)

ROOM (2015) è un film che sconvolge per tutta la sua durata. Toccante e drammaticamente sincero.

Jack e Ma’ vivono in una stanza.
Gli oggetti che la compongono (un letto, un lavandino, un televisore, un tavolo, un lucernario…) sono i soli amici di Jack che lui saluta ogni mattina.
La notte, di tanto in tanto, arriva Old Nick a far visita alla ragazza e Jack si rifugia in un piccolo armadio per non guardare.
Questa è la loro vita.
Questo è il loro mondo.
Poi Jack compie 5 anni e la sua Ma’ gli rivela che oltre quella stanza c’è altro. C’è il vero mondo. Oltre quella stanza c’è una vita e delle altre, tante, persone e delle cose che lui può solo immaginare.
Ora che Jack è abbastanza grande per sapere, è tempo che lui scappi da quella stanza… 

ROOM (2015)

ROOM è un film di rara bellezza. Un vaso di Pandora che, una volta aperto, sprigiona tutto uno spettro di emozioni che vanno a confondersi e confonderci per tutta la sua durata.

Merito è anzitutto di Lenny Abrahamson, qui regista attento e sensibile che  dirige  con passione l’ottima sceneggiatura di Emma Donoghue che è anche scrittrice del romanzo cui è ispirato il film.

C’è una scena che fa da spartiacque – una delle più tese dell’intera opera – che divide letteralmente il film in due: una prima parte che guarda al genere thriller e una seconda parte più intima e drammatica.

Se nella prima parte la stanza è il luogo fisico dove avviene tutto e teatro dei due protagonisti, nella seconda parte quella stanza diventa un luogo e uno stato mentale da cui è ancora più difficile evadere. 

Si passa quindi alle strepitose prove attoriali dei due giovani attori: Brie Larson e Jacob Tremblay.
La ragazza e il bambino offrono espressività e umanità ai loro personaggi guardando a tutti gli stati d’animo che si inseguono lungo la narrazione.

ROOM (2015)
Nella foto  il piccolo Jacob Tremblay e il premio oscar Brie Larson

Se Brie Larson (che tutti aspettiamo nel 2019 in CAPTAIN MARVELe AVENGERS: ENDGAME) ha vinto meritatamente l’oscar come Miglior Attrice; a sorprendere sono le doti recitative del piccolo  Tremblay (che molti hanno amato lo scorso 2017 nel titolo WONDER) che passa con disinvoltura e maturità a infinite emozioni ora trattenute e ora esplose.

Una storia difficile da dimenticare (ispirata a un fatto di cronaca) che resta negli occhi e nel cuore per molto tempo. 




, , , , , ,