Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Mondo

Rusesabagina: libertà negata a colui che salvò 1200 persone dal genocidio in Ruanda

Paul Rusesabagina, who sheltered more than 1,000 people in his hotel during the Rwandan genocide, says the brutal violence in Syria, the Central African Republic and the Congo shows history repeats itself while people fail to learn from it.

Il tribunale di Kigali, capitale del Ruanda, ha negato oggi il rilascio su cauzione a Paul Rusesabagina, lo ‘Schindler africano’ il cui salvataggio di 1.200 persone dal genocidio del 1994 ispirò il film hollywoodiano ‘Hotel Ruanda’. Rusesabagina è sotto processo per 13 capi d’accusa, tra i quali terrorismo, omicidio, finanziamento e sostegno di gruppi ribelli.


Il genocidio del Ruanda ebbe inizio il 6 aprile 1994, quando la milizia Hutu Interahamwe diede inizio alla carneficina della popolazione Tutsi. Nonostante Rusesabagina fosse nato da un matrimonio misto – suo padre era Hutu e sua madre Tutsi – fu salvato dall’Interahamwe grazie alla sua posizione e ai contatti con importanti leader militari Hutu. Ma, malgrado la sua posizione e i contatti con persone influenti, sua moglie Tatiana era una Tutsi e i loro figli furono considerati misti, perciò non riuscì a fuggire con la sua famiglia senza aiuti esterni. Nessun aiuto arrivò dalle Nazioni Unite o dai membri degli stati occidentali finché non furono uccisi più di 800.000  Ruandesi.

Storica immagine del Genocidio in Ruanda nel 1994

Quando esplose la violenza, Rusesabagina si rifugiò con la sua famiglia all’Hôtel des Mille Collines. Quando gli altri dirigenti dell’albergo partirono, Rusesabagina telefonò alla società proprietaria dell’hotel, la compagnia belga Sabena, per fornire informazioni sulla situazione dell’hotel. Nonostante alcune difficoltà nel far rispettare la propria autorità, riuscì a sfruttare la sua posizione per mettere in salvo orfani e altri rifugiati che arrivarono all’hotel.


    Arrestato lo scorso mese in oscure circostanze, l’uomo – che vive all’estero da anni – è un oppositore del presidente del Ruanda, Paul Kagame. Quest’ultimo ha negato il rapimento denunciato invece dalla famiglia dell’ormai imputato. “La corte constata che i capi d’imputazione dell’accusa sono pesanti e gravi“, ha detto la giudice Dorothy Yankurije bocciando la richiesta di cauzione. “La corte ha disposto che Rusesabagina sia messo in carcere a titolo provvisorio per un minimo di 30 giorni in attesa del suo processo”, ha aggiunto.
    Rusesabagina ha subito annunciato che farà appello contro questa decisione, e ha cinque giorni di tempo. L’uomo ha chiesto la libertà provvisoria per farsi curare in quanto sopravvissuto a un tumore, malato di cuore e iperteso; condizioni che richiedono cure costanti, come detto in precedenza dalla sua famiglia. “Le preoccupazioni addotte dal signor Rusesabagina sono prive di fondamento, dal momento che non dimostra come essere in carcere gli impedisca di accedere a tutta l’attenzione medica di cui ha bisogno“, ha detto la giudice. ( fonte Ansa.it)

Avatar

Di origine Abruzzese, ma ramingo come un nomade. Di molteplici interessi ogni sabato su Bl Magazine con la rubrica BL LIBRI.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

discriminazione asessuali discriminazione asessuali

L’afobia vista da un’attivista asessuale: cos’è e come si manifesta (intervista)

Human Rights

Telegram: “DeepNude” e siamo nudi con un click

Sociality

ddl zan 28 ottobre emendamenti ddl zan 28 ottobre emendamenti

Camera: il ddl Zan prosegue spedito e accoglie anche il contrasto all’abilismo

Human Rights

camilla ragazza lesbica camilla ragazza lesbica

La vicina è lesbica, l’aggrediscono e le danneggiano l’auto: lo sfogo di Camilla sui social

Human Rights

dancer in the dark vent'anni dancer in the dark vent'anni

DANCER IN THE DARK: il “musical” di Lars von Trier usciva in Italia 20 anni fa

Spettacolo

presidente conte dpcm presidente conte dpcm

DPCM 25 Ottobre 2020: Lockdown mascherato, disastro assicurato.

Legalità

ddl omofobia pregiudiziale ddl omofobia pregiudiziale

RESPINTA la pregiudiziale di costituzionalità del DDL ZAN, comincia il voto agli emendamenti

Human Rights

stormfront stormfront

Inside… The Boys, le differenze LGBT tra serie e fumetto

Sociality

Scopri i nostri social