fbpx
Connettiti con noi
finland premier

Mondo

Sanna Marin, 34 anni e già premier della Finlandia, ha vissuto con due madri

La finlandese Sanna Marin, 34 anni, sarà il Primo Ministro eletto più giovane al mondo


La Marin, la 34enne già ministro dei trasporti finlandese, è stata scelta ieri, domenica 8 dicembre come premier del paese, diventando così il premier eletto più giovane al mondo.

Marin prenderà il posto di Antii Rinne, che si è dimesso dalla carica la scorsa settimana dopo soli sei mesi di lavoro, a seguito di polemiche sulla sua gestione di uno sciopero postale. Come Rinne, Marin fa parte del Partito socialdemocratico, il più grande della coalizione al potere composta da cinque membri. Anche gli altri cinque partiti componenti la coalizione sono guidati da donne, tre delle quali hanno meno di 35 anni.

Marin si unisce ad una manciata di leader mondiali sotto i 40 anni, ed è già stata paragonata al primo ministro progressista della Nuova Zelanda Jacinda Ardern. Come Ardern, Marin è una neo-mamma: sua figlia Emma è nata l’anno scorso. Reuters riferisce che Marin continuerà un programma per ridurre le emissioni di carbonio nel paese.

Bruxelles, 2 dicembre 2019: l’ex ministro finlandese dei trasporti Sanna Marin presiede il Consiglio dei trasporti e delle comunicazioni al Consiglio Europeo di Bruxelles (Photo by Dursun Aydemir/Anadolu Agency via Getty Images)

Le origini di Sanna

Secondo la società di radiodiffusione pubblica nazionale finlandese, YLE, Marin ha affermato di essere stata la prima nella sua famiglia, appartenente alla classe operaia, a finire il liceo e l’università.

Per una famiglia a basso reddito, il mondo della politica sembrava a lungo uno sconosciuto, eppure la Marin ha ricevuto quasi 11.000 voti alle elezioni parlamentari di primavera.

In una recente intervista a Menaiset ha dichiarato: “Quando ero al liceo, ho sentito che le persone che fanno politica sono abbastanza diverse e provengono da ambienti diversi da me. A quel tempo, non pensavo fosse possibile essere coinvolti.

Sanna è cresciuta in una zona di case indipendenti a Pirkkala dopo numerosi trasferimenti, un appartamento in affitto comunale con la madre e la sua compagna. Sebbene la carriera del politico sia ancora agli inizi, Sanna crede che il suo background familiare influenzerà sia i suoi valori che le sue doti di leader.

Sanna e le sue due madri

Riferendosi alla relazione di sua mamma con un’altra donna, Sanna ha inoltre dichiarato ai media finlandesi di essersi sentita discriminata quando la notizia è diventata di dominio pubblico: “Per me, le persone sono sempre state uguali. Non è una questione di opinione. Questa è la base di tutto” ha dichiarato a tal proposito Sanna, che racconta anche di essersi sentita invisibile, da giovane, perché non poteva parlare apertamente della sua famiglia. “Era qualcosa di cui non si poteva discutere.” dice Sanna “È solo ora nel XXI secolo che il dibattito sulle famiglie arcobaleno ha iniziato ad essere abbastanza aperto.” e continua: “Il silenzio è stata la cosa più difficile. L’invisibilità mi ha causato un sentimento di incompetenza. Non siamo stati riconosciuti come una vera famiglia o al pari degli altri. Ma non ero vittima di bullismo. Anche quando ero piccola, ero molto schietta e testarda. Non avrei preso niente di facile.

Su sua madre, Sanna confessa: “Mia madre mi ha sempre supportato molto e mi ha fatto credere di poter fare esattamente quello che voglio”.

Buon lavoro, Presidente!

Choosy Kris
Scritto da

Mi piace chi sceglie con cura le parole da non dire. Ligure esportato al sud in bilico tra filantropia e misantropia

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

reato universale maternità surrogata reato universale maternità surrogata

Maternità surrogata “reato universale”: la proposta di Giorgia Meloni

Human Rights

#zerowaste: basta con lo spreco di cibo

Sociality

Scioglimento unioni civili Scioglimento unioni civili

Unioni civili: la fine di un rapporto sotto il profilo giuridico.

Legalità

Giornata dell’orgoglio Bisessuale: né diversamente etero, né diversamente omo

Dr. Rainbow

Giancarlo Siani, il giovane giornalista precario che spaventò la Camorra

Legalità

Transfobia al seggio di Siena, allontanato ragazzo trans

Human Rights

GAMBERETTI PER TUTTI (2019) GAMBERETTI PER TUTTI (2019)

GAMBERETTI PER TUTTI _ Mai più soli. Un tuffo di libertà (recensione)

Spettacolo

videogioco transgender videogioco transgender

“Tell me why”, una storia per combattere la transfobia nel soffio del gelido inverno

Sociality

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora