fbpx
Connettiti con noi
Bugo abbandona il palco

Spettacolo

Sanremo 2020: Morgan offende Bugo, che abbandona il palco: squalificati per defezione (foto e video)

La gara-fiume di Sanremo 2020 ha riservato sorprese quando meno ce lo saremmo aspettati. Alle due di notte, durante l’esibizione di Bugo & Morgan, si è consumata la tragedia sanremese per eccellenza: la squalifica.


Ripercorriamo i fatti. Subito dopo l’attacco del brano “Sincero“, Morgan ha cominciato a cantare stravolgendo il testo della canzone in negativo rispetto alle parole originali: “Le brutte intenzioni, la maleducazione, la tua brutta figura di ieri sera, la tua ingratitudine, la tua arroganza, fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa”, “ma tu sai solo coltivare invidia”, “ringrazia il cielo se sei su questo palco, rispetta chi ti ci ha portato dentro e questo sono io”.

A quel punto Bugo, avvicinandosi alla console di Morgan, ha letto il contenuto dei fogli col nuovo testo e ha lasciato lo stage. Il direttore d’orchestra ha fermato la musica, Morgan ha fatto finta di stupirsi per la decisione del collega e ha provato a rincorrerlo dietro le quinte. L’ingresso di Amadeus ha confermato la defezione del cantante e la squalifica della canzone dalla gara.

Nelle ultime ore è stato tutto un susseguirsi di dichiarazioni di Morgan e dei discografici di Bugo, che si sono accusati a vicenda. Da un lato l’ex giudice di X Factor ha lamentato un cambio di atteggiamento dell’amico dopo le polemiche sulla cover di “Canzone per te” e un chiaro sabotaggio ai suoi danni, dall’altro il management di Bugo si è detto stupito del comportamento di Morgan.

bugo abbandona il palco

Queste le parole di Morgan rilasciate a Repubblica:

La partecipazione a Sanremo è nata perché Bugo mi ha chiesto di fare un pezzo con lui per andare a Sanremo. Sarei stato la persona che gli avrebbe permesso di fare il Festival, perché senza di me non lo avrebbe certamente fatto […] mi è stato vicino nella storia della casa. Ma non mi sarei mai aspettato che un gesto di bontà da parte mia sarebbe stato ricambiato con una situazione di sciacallaggio. Bugo è caduto vittima di una gestione che lo ha caricato a molla contro di me […] ho provato a chiedergli perché e lui a un certo punto ha addirittura smesso di parlarmi da solo, è arrivato al punto di voler presente il suo manager a ogni nostro incontro […] ma alla fine tutto si è rotto”.

Sulla cover di Endrigo di giovedì:

Ieri è stata un’odissea. Mancanza di prove, problemi con l’orchestra, arrangiamenti sbagliati e scomparsi, ma alla fine io faccio un’impresa eroica e riusciamo ad andare in scena. E lì Bugo prende il microfono […] va davanti, sul proscenio e canta tutta la canzone, non solo il pezzo che doveva cantare lui, fa la strofa e il ritornello. Come quei dilettanti che vogliono andare avanti a tutti per farsi notare e fare i protagonisti. È stato un gesto di sfida nei miei confronti, un affronto […] lui voleva liberarsi di me.


La contromossa di Morgan

Ma allora ho pensato a una contromossa. […] Ho preparato dei fogli […] Quindi, poco prima di salire sul palco, ho cambiato il testo, l’ho finito sulle scale dietro al palco. Il testo è mio, l’ho scritto io e io lo cambio come voglio […] lui voleva liberarsi di me e io invece mi sono liberato di lui e l’ho fatto con le parole”. 

Il management di Bugo ha rilasciato delle dichiarazioni in fretta e furia stanotte in sala stampa:

“(Morgan, ndr) si era impegnato a non offendere, ha cambiato il testo. Non sappiamo dove sia adesso. Morgan è stato invitato per un featuring, era lo ‘special guest’ in un brano di Bugo, che è contenuto in un album di Bugo”. Quello che non capiamo è perché si sia stato squalificato anche Bugo”, che non sapeva che Morgan avrebbe cambiato il testo“.


Sulla cover: “Hanno provato male e tardi perché alcune partiture erano completamente sbagliate. Non sono riusciti a provare bene e giovedì è successo il disastro che abbiamo visto. Morgan voleva fare il pianista, il direttore d’orchestra, il cantante e forse anche il presentatore. E alla fine è uscito quello che è uscito. Sulla follia altrui non abbiamo gestione. Noi ci occupiamo di Bugo, Morgan ha un suo team“.

È la prima volta che un artista abbandona il palco dell’Ariston durante la propria esibizione.

Scritto da

Sono nato in Puglia, dove sono cresciuto a orecchiette, giornalini e romanzi d'appendice. Sono ebbro di vino, virtù e poesia. Oggi mi divido tra la città natale e la città Eterna. Nella vita mi collaboro con le case editrici come revisore di testi ed editor. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin IL GRANDE DITTATORE (1940) di Charlie Chaplin

IL GRANDE DITTATORE di Charlie Chaplin (1940) Un capolavoro senza tempo

Spettacolo

diritto al nome transessuali diritto al nome transessuali

Arriva anche al Liceo Scacchi di Bari la “carriera alias” per gli studenti in transizione

Human Rights

Superman è bisessuale! Il coming out annunciato

Sociality

Nozze gay reali? Si può fare. Via libera nei Paesi Bassi da Mark Rutte

Sociality

Scopri i nostri social
×