fbpx
Connettiti con noi
SANTA MARADONA di Marco Ponti

Spettacolo

SANTA MARADONA (2001)_ Il manifesto dei trentenni di ieri tra disincanto e instabilità (recensione)

Nel 2001 arrivava sugli schermi italiani SANTA MARADONA, una commedia per certi versi stramba e sconclusionata e sopra le righe, eppure diventata nel tempo un piccolo cult nostrano con Stefano Accorsi e Libero De Rienzo.


Torino. Due giovani laureati in lettere alla ricerca di un lavoro, forse di un amore o semplicemente di dare una direzione alla loro vita. A complicare il tutto ecco poi le due donne: la seducente Dolores e la sempre presente e scontrosa Lucia.

Marco Ponti scrive e dirige nel 2001 SANTA MARADONA. Il titolo si rifà a un brano di Mano Negra (canzone per altro inserita anche nella strepitosa soundtrack) che guarda al celebre goal di mano di Maradona.
Maradona – come molti sapranno – è un uomo la cui vita privata è stata segnata dai vizi e dagli scandali, ma la sua carriera da calciatore lo ha reso una sorta di divinità agli occhi dei tifosi di tutto il mondo. Una divinità a cui si perdonava quasi tutto, anche il celebre goal di mano!

Nella foto: Mandala Tayde, Libero De Rienzo, Stefano Accorsi e Anita Caprioli in una scena tratta da SANTA MARADONA (2001)

Proprio da questo divario tra immagine pubblica e immaginario collettivo nasce il desiderio di Marco Ponti di fotografare la sua generazione X. Egli scegli di raccontare di uomini e di donne le cui scelte di vita possono risultare opinabili (come quella di Dolores, pronta a tutto per coronare i suoi sogni di successo), discutibili, se non addirittura criticabili (Bart crogiola tra divano e letto per buona parte del suo tempo). Eppure i personaggi sono come quegli amici che vuoi bene a dispetto di ogni loro difetto e a cui perdoni ogni cosa.

Il film dal ritmo serrato ha i suoi punti a favore nella sceneggiatura firmata dallo stesso Ponti che strizza l’occhio o cita palesemente tanti altri titoli generazionali o film di nicchia (solo per citarne alcuni: TRAINSPOTTING , EUROPA di Von Trier, GREASE e LO CHIAMAVANO TRINITÀ e BASIC INSTINCT) ma che sopratutto nei dialoghi, in alcune situazioni al limite dell’assurdo, guarda allo stile di Tarantino.

A vedere questi ragazzi italiani carini e disoccupati viene da chiedersi come possano permettersi un appartamento e le uscite e le bevute al bar, ma SANTA MARADONA, pur nei suoi limiti, non vuole prendersi troppo sul serio e riesce a intrattenere per tutta la sua durata.

Merito questo va dato agli attori, i maschietti per lo meno. Le due attrici e comprimarie Anita Caprioli e Mandala Tayde non spiccano per bravura o fascino, ma hanno dei personaggi ben delineati tra i loro problemi affettivi e familiari..
Se Stefano Accorsi è qui già un volto noto, ma ancora acerbo che tende a marcare troppo nella sua recitazione, la vera sorpresa è la presenza di Libero De Rienzo.

Libero De Rienzo, che si era già fatto notare in ASINI (1999) di Grimaldi e in LA VIA DEGLI ANGELI (1999) di Pupi Avati, veste perfettamente il suo personaggio tanto da rendere strepitose anche le battute più scontate. Faccia da schiaffi, sguardo stralunato e sorriso sornione, è certamente l’anima di questo SANTA MARADONA. Non a caso Marco Ponti sceglierà di collaborare con l’attore anche in futuri lavori come A/R ANDATA + RITORNO (2004) e UNA VITA SPERICOLATA (2018).


Nel 2002 SANTA MARADONA trionfa ai David di Donatello aggiudicandosi due premi preziosi: quello per il Miglior Regista Esordiente (Marco Ponti) e per il Miglior Attore Non Protagonista (Libero De Rienzo).

SANTA MARADONA ha compiuto 20 anni e sebbene guardi a una generazione ormai lontana, non è poi così distante dalla nostra. I 30enni di ieri, così come quelli di oggi, sembrano vivere delle incertezze e delle vanità del loro tempo, saltando da un lavoro precario a un altro, da un amore a un altro, da un canale tv a un altro, in un perenne “vivi il momento” che esplode tra effimera euforia e mal celata paura di un domani che è già adesso.

SANTA MARADONA (2001)_ Il manifesto dei trentenni di ieri tra disincanto e instabilità (recensione)
7.1 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Mostra i commenti

Articoli simili

Obbligo di esporre il prezzo al pubblico: come tutelarsi in qualità di consumatori?

Legalità

giornata mondiale omotransfobia giornata mondiale omotransfobia

17 maggio, Giornata Mondiale contro l’Omotransfobia: in Italia una vittima denunciante ogni tre giorni

Human Rights

L’UCRAINA VINCE L’EUROVISION SONG CONTEST 2022 con Stefania di Kalush Orchestra

Spettacolo

Eurovision Song Contest 2022, la review della seconda semifinale (recensione e finaliste)

Spettacolo

Scopri i nostri social
×