Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
STO PENSANDO DI FINIRLA QUI (2020) di Charlie Kaufman

Spettacolo

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)

Disponibile su Netflix, STO PENSANDO DI FINIRLA QUI è una delle opere più complesse e originali su cui potreste inciampare e non fare più ritorno. Un’esperienza unica che solletica e mette alla prova l’attenzione dello spettatore.


Lucy viene invitata dal proprio ragazzo a conoscere i genitori di lui che vivono in una fattoria isolata. Durante il viaggio la ragazza è persa tra i suoi pensieri ed è intenzionata a “farla finita”. Nonostante l’ospitalità dei due genitori del ragazzo la serata prenderà una piega via via sempre più inquietante, mettendo a dura prova la stabilità emotiva della ragazza.

Charlie Kaufman (sua la sceneggiatura dello splendido ETERNAL SUNSHINE OF THE SPOTLESS MIND) pare trovarsi a suo agio nei labirinti della mente e decide di adattare per lo schermo l’omonimo romanzo di Iain Reid.

Siamo invitati a prendere posto in questo viaggio attraverso il personaggio di Lucy (o dovremmo chiamarla Lucia? O Louisa?), interpretata magnificamente da una sorprendente Jessie Buckley.
La ragazza in più occasioni, nel suo flusso di coscienza, ripeterà a se stessa (e a noi) che sta pensando di farla finita. Ma più volte ci domanderemo se ella si riferisce alla sua relazione o alla sua vita.

Nella foto da destra: Jesse Plemons, Jessie Buckley, Toni Collette e David Thwlis.

Giunta nella casa dei genitori (un’immensa Toni Collette e un bravo David Thewlis) di quel ragazzo che ora pare conoscere così bene e poi sembra essere un estraneo (un misurato ma altrettanto ottimo Jesse Plemons), le poche certezze della giovane donna vacillano davanti a inspiegabili avvenimenti e…

Ed è qui che il film inizia a far vacillare anche le nostre certezze su quello che stiamo vedendo. Mi piacerebbe addentrarmi nello specifico, ma sarebbe complicato riportare nel dettaglio ogni cosa che viene a modificarsi sotto i nostri stessi occhi. Identità, tempi, luoghi, ruoli, percezione dell’altro, significato, ogni cosa viene a mutare. Cambiano le prospettive e le molteplici direzioni del racconto. A complicare il tutto ci sono poi inframezzi che guardano alla vita di un bidello che non ha nessuna connessione apparente con quanto stiamo andando a vedere.

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI è uno di quei film che ha molteplici livelli di lettura e il suo impianto narrativo, contaminato da altrettanti molteplici generi cinematografici (dal dramma si passa alla tensione del thriller, dal musical fino al cinema di animazione), costringe lo spettatore a restare concentrato per tutta la sua durata in cerca di quelle risposte che sono le stesse di sempre. Risposte a domande importanti sul senso del nostro vivere, del nostro amare, del nostro condividere, del nostro guardare l’altro e noi stessi, del nostro crescere, invecchiare, morire.

La spiegazione del film di Kaufman

Difficile trovare un senso univoco a questa magnifica opera che necessita certamente più di una visione. Sarebbe opportuno guardare invece ai tanti significati che essa custodisce. Ma è anche opportuno offrire una chiave di lettura che possa mettere ordine laddove in apparenza regna il caos più totale.

ATTENZIONE: quanto segue contiene spoiler!

Se apparentemente la protagonista del film è la giovane donna il cui nome ora è Lucy poi Lucia e poi Louisa, col passare del tempo scopriremo essere invece il suo fidanzato Jack che altri non è se non il bidello della scuola che ritroveremo nella parte finale del film.

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI procede quasi a ritroso nel tempo, o sarebbe meglio dire che cerca di tornare a un luogo fisico (la scuola) per raggiungere un luogo mentale (l’infanzia e la giovinezza) per ricercare le ragioni e i primi semi di un malessere che logora fatti e ricordi, una melanconia di un non vissuto che fa marcire dal suo interno il protagonista (il maiale divorato dai vermi che vedremo sotto forma di animazione è metafora della condizione esistenziale di Jack).

Molto più chiaro nel libro è la rivelazione che di fatto Jake non ebbe mai il coraggio di parlare con quella ragazza (Lucy) conosciuta in un bar. Lucy/Lucia/Louisa è quindi una proiezione, un desiderio, un rimorso che il protagonista plasma a suo piacimento, donandole tutta una serie di sfumature che sono anche le sue (vedi ad esempio la scena in cui la ragazza scende nella cantina – che rappresenta qui una sorta di subconscio – dove ella scopre che quelle che sono le sue qualità e passioni, come la pittura, appartengono a Jake. La firma sui dipinti è quella di Jake, non la sua. E così anche la scena in cui ella si vede fotografata da bambina tra le foto di famiglia di Jake.)


Ormai vecchio e triste e carico di rimpianti, Jake si trascina pesantemente tra un divano da cui guarda storie d’amore a lieto fine e un lavoro che è sempre lo stesso (in quel luogo della giovinezza, delle scelte importanti, delle possibilità che si è negato) e da cui può solo scappare attraverso l’astrazione, attraverso i sogni a occhi aperti (le splendide sequenze in cui irrompe la magia del musical) , grazie alla morte, forse.

STO PENSANDO DI FINIRLA QUI _ Rimpiangere di non aver vissuto (recensione)
8.3 Recensione
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio

Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

discriminazione asessuali discriminazione asessuali

L’afobia vista da un’attivista asessuale: cos’è e come si manifesta (intervista)

Human Rights

Telegram: “DeepNude” e siamo nudi con un click

Sociality

ddl zan 28 ottobre emendamenti ddl zan 28 ottobre emendamenti

Camera: il ddl Zan prosegue spedito e accoglie anche il contrasto all’abilismo

Human Rights

camilla ragazza lesbica camilla ragazza lesbica

La vicina è lesbica, l’aggrediscono e le danneggiano l’auto: lo sfogo di Camilla sui social

Human Rights

dancer in the dark vent'anni dancer in the dark vent'anni

DANCER IN THE DARK: il “musical” di Lars von Trier usciva in Italia 20 anni fa

Spettacolo

presidente conte dpcm presidente conte dpcm

DPCM 25 Ottobre 2020: Lockdown mascherato, disastro assicurato.

Legalità

ddl omofobia pregiudiziale ddl omofobia pregiudiziale

RESPINTA la pregiudiziale di costituzionalità del DDL ZAN, comincia il voto agli emendamenti

Human Rights

stormfront stormfront

Inside… The Boys, le differenze LGBT tra serie e fumetto

Sociality

Scopri i nostri social