Connettiti con noi
Storia di un matrimonio (MARRAIAGE STORY) 2019

Spettacolo

STORIA DI UN MATRIMONIO _ Quello che resta non ci abbandona più (recensione)

STORIA DI UN MATRIMONIO ci mostra le luci e le ombre di un rapporto amoroso giunto al capolinea. Una storia universale che indaga sulle ragioni che portano alla fine di una storia d’amore che pareva essere eterna.

Charlie e Nicole si sono amati, tanto.
Lui regista di teatro. Lei attrice.
Hanno condiviso ogni cosa e hanno avuto uno splendido bambino.
Ma ora non si amano più e devono lasciarsi.
Lei si trasferisce in un’altra città e si affida a un avvocato e lui deve tutelarsi ed evitare di perdere la custodia del loro figlio.

Storia di un matrimonio 2019 (MARRIAGE STORY)
STORIA DI UN MATRIMONIO (Marriage Story) è disponibile dal 6 dicembre su Netflix

Il regista Noah Baumbach si interroga sulle ragioni che portano due persone che sono state tanto vicine e complici ad allontanarsi e a non riconoscersi più.
Porta la sua cinepresa in quell’arena che è comune a noi tutti – l’amore – e ci mostra due avversari meravigliosi le cui ferite sono sempre le stesse, quelle che conosciamo tutti, quelle che tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo inferto o subito.

STORIA DI UN MATRIMONIO illumina fin dalle prime inquadrature i volti e le anime dei suoi personaggi, qui interpretati in maniera appassionata e struggente da due ottimi Scarlett Johansson e Adam Driver (vedi anche “L’UOMO CHE UCCISE DON CHISCIOTTE“).
Prima lui e poi lei ci presenteranno la persona che hanno amato, delineandone con tenerezza tutte quelle peculiarità caratteriali che la rendono unica, preziosa, amabile. Una vera dichiarazione d’amore che scopriremo esser solo un esercizio richiesto da uno psicoterapeuta perché entrambi si ricordino chi e cosa abbiano amato dell’altro, prima di lasciarsi,per sempre.

Sotto un cielo clemente, tra le temperature confortanti della California, assistiamo al raggelarsi di un rapporto che soccombe in maniera via via sempre più feroce.
Charlie e Nicole si scontreranno e indosseranno le rispettive armature perché desiderosi di vincere l’ultima partita, di sopravvivere a loro stessi e ai fantasmi del loro amore.
Voleranno parole crudeli, ci saranno porte sbattute, si urleranno contro, prevaricandosi, allontanandosi, alienandosi, non riconoscendosi quasi più.

due intensi e immensi Scarlett Johansson e Adam Driver in una scena di STORIA DI UN MATRIMONIO

Il regista, che ha firmato anche la splendida sceneggiatura, ha la capacità di donare un peso specifico a ogni singola parola, a ogni singola inquadratura, a ogni tremore del volto così come alla rigidità dei muscoli del collo teso; ma ancora più importante riesce a dare il giusto senso a ogni singola lacrima, senza cadere mai nel patetico, anche quando i suoi protagonisti possono apparirci tali.

Egli non prevarica mai la scena, non ostacola mai il lavoro dei suoi attori, al contrario li accompagna con delicatezza a mostrarsi nudi e indifesi davanti alla telecamera, rispettandone tempi e modalità, mostrandoli come esseri umani prima ancora che come attori.

STORIA DI UN MATRIMONIO a ragione è stato definito il “KRAMER CONTRO KRAMER” 2.0 e sono altrettanto evidenti i richiami a uno stile registico e a un utilizzo degli attori tanto caro al cinema di Woody Allen.

Ma è altrettanto importante riconoscere un talento e un merito a questo regista che da sempre ha indagato sulle dinamiche di coppia e sulle irragionevolezze del cuore in pellicole non sempre perfette, ma sincere e dannatamente umane come “IL CALAMARO E LA BALENA” (2005) o “IL MATRIMONIO DI MIA SORELLA” (2007) o il più recente “GIOVANI SI DIVENTA” (2014).

Qui, in questo film, Noah Baumbach riesce a condensare qualcosa di intangibile, imprigionandolo in una lacrima fiera e luminosa che precipita silenziosa sui nostri cuori rammendati o indolenziti, per sussurrarci di non dimenticare mai chi siamo e perché meritiamo di essere ancora amati.

STORIA DI UN MATRIMONIO _ Quello che resta non ci abbandona più (recensione)
8.7 Recensione
0 Utenti (0 voti)
Regia
Sceneggiatura
Cast e Recitazione
Fotografia
Montaggio
Voto pubblico Lascia il tuo voto
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Lascia il tuo voto

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.


Avatar
Scritto da

Ossessionato dal trovare delle costanti nelle incostanze degli intenti di noi esseri umani, quando non mi trovo a contemplare le stelle, mi piace perdermi dentro a un film o a una canzone.

Commenta
bl magazine
Pubblicità

Articoli recenti

Ti potrebbe anche interessare...

Irena Sendler Irena Sendler

Irena Krzyżanowska, la donna che salvò i bambini ebrei nel ghetto di Varsavia

Storie e Culture

sami modiano giornata della memoria sami modiano giornata della memoria

Sami Modiano, la forza del ricordo nell’inferno di Auschwitz – Birkenau

Storie e Culture

DOV'È IL MIO CORPO? Netflix DOV'È IL MIO CORPO? Netflix

DOV’È IL MIO CORPO? _ Una mano che ci tocca nel cuore (recensione)

Spettacolo

amadeus passo indietro amadeus passo indietro

Su Sanremo dovremmo fare tutt* un passo indietro.

Desdemona

virus cinese virus cinese

2019-nCoV: tutto quello che sappiamo sul nuovo virus cinese che sta preoccupando il mondo

Dr. Rainbow

coppie omosessuali reversibilità coppie omosessuali reversibilità

Pensione reversibilità per coppie omosessuali non unite civilmente: un diritto costituzionalmente garantito

Human Rights

La ROMA di FEDERICO FELLINI: un ritratto tenero e terribile

Spettacolo

Chi sogna il principe e chi no. La favola al contrario di Harry e Meghan.

Sociality

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli