Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
sudan reato sodomia

Human Rights

Sudan, stop alla pena di morte per sodomia, ma resta l’ergastolo

Si apprende da OutRightInternational che, la scorsa settimana, il Consiglio Sovrano del Sudan ha approvato un importante pacchetto di riforme destinate a mitigare la gravità della condizione dei diritti umani nel paese africano


Oltre ad aver confermato l’abolizione delle mutilazioni genitali femminili, annunciato lo scorso mese di maggio, l’associazione Bedayaa, operante nella Valle del Nilo per la promozione dei diritti LGBTQ+, in un report che potete consultare al link qui in basso, ha annunciato la cancellazione del reato di apostasia (che punisce chi abbandona la religione islamica con la morte per lapidazione) e il divieto di fustigazione pubblica.

Altre riforme riguardano l’abolizione della pena di morte contro bambini e persone di età superiore ai 70 anni e il riconoscimento del diritto delle donne di accompagnare i propri figli fuori dai confini della nazione senza richiedere il permesso dei loro padri.

Abolita la pena di morte per sodomia

In aggiunta, la riforma conterrebbe degli importanti emendamenti all’articolo 148 del codice penale del 1991, che punisce la sodomia.

Questo il suo contenuto originario:

(1) Qualsiasi uomo che inserisce il suo pene o il suo equivalente nell’ano di una donna o di un uomo o permette ad un altro uomo di inserire il suo pene o il suo equivalente nel proprio, commette sodomia.
(2) (a) Chiunque commetta Sodomia sarà punito con cento frustate e sarà responsabile di cinque anni di reclusione.
(b) Se l’autore del reato viene condannato per la seconda volta, sarà punito con cento frustate e reclusione per un periodo che non può superare i cinque anni.
(c) Se l’autore del reato è condannato per la terza volta sarà punito con la morte o la reclusione a vita.

In seguito alla riforma la sodomia resterà contro la legge, ma saranno eliminate alcune delle pene più estreme, come le fustigazioni e la pena di morte. Chi sarà giudicato colpevole di sodomia sarà condannato a 5 anni di reclusione al primo reato, a non più di 7 anni al secondo reato e con la “sola” reclusione a vita al terzo reato.

Il vicedirettore esecutivo di OutRight Action International, Maria Sjödin, ha così commentato:

La rimozione della pena di morte per l’intimità tra persone dello stesso sesso in Sudan, tra le altre importanti riforme, come il divieto delle mutilazioni genitali femminili e la lapidazione per l’apostasia, è un passo importante per i diritti umani delle persone LGBTIQ e i diritti umani nel Sudan in generale . È sorprendente che oltre un terzo dei paesi del mondo continui a criminalizzare l’amore per lo stesso sesso e ancor più sconcertante che una manciata prescriva la pena di morte per intimità consensuale tra persone dello stesso sesso. È incoraggiante che da quel momento quel numero sia stato ridotto di uno. Possiamo solo sperare che seguirà la depenalizzazione dell’amore per lo stesso sesso“.

In Africa, tuttavia, la pena di morte per gli omosessuali continua a mietere vittime innocenti in Somalia, Mauritania e Nigeria, mentre in Sierra Leone e Uganda persiste la pena dell’ergastolo.

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

stormfront stormfront

Inside… The Boys, le differenze LGBT tra serie e fumetto

Sociality

equality effequ equality effequ

La Parità di Genere sulla carta stampata: EffeQu sostituisce il maschile generico.

Desdemona

ace week ace week

“Sono asessuale, non invisibile!”. La storia di S., attivista asessuale (intervista)

Human Rights

100 anni di Pura Fantasia. Rodari: l’anniversario particolare

Storie e Culture

DUMBO (1941) DUMBO (1941)

DUMBO (1941) _ Della Diversità fare una Virtù (recensione)

Spettacolo

copertina copertina

La Polonia limita ancora il diritto all’aborto

Mondo

legge omofobia zan legge omofobia zan

Legge Zan alla Camera il 27 ottobre: il testo e gli scenari possibili

Human Rights

Conte VS le mascherine: ci pensano i Ferragnez

Sociality

Scopri i nostri social