fbpx
Connettiti con noi
svizzera matrimonio omosessuale

Mondo

Svizzera, via libera al matrimonio per tutti dal 1 luglio 2022

Via libera al matrimonio per tutti in Svizzera dal prossimo 1° luglio 2022.


Lo ha deciso ieri l’esecutivo svizzero, dopo la schiacciante vittoria del sì al matrimonio egualitario con il 64% dei voti nel referendum tenutosi lo scorso settembre.

Gli elettori svizzeri hanno approvato l’iniziativa “Matrimonio per tutti” lasciando l’Italia l’ultimo paese dell’Europa occidentale a non parificare il matrimonio con le unioni civili per le coppie dello stesso sesso.

In un processo in due fasi, le coppie dello stesso sesso che si sono sposate all’estero vedranno riconosciuto il loro status coniugale dall’inizio di gennaio. In precedenza, alle coppie veniva attribuito l’istituto dell'”unione domestica” (le nostre unioni civili).

La nuova legge entrerà in vigore sei mesi dopo, il che significa che le coppie potranno sposarsi o convertire la propria unione registrata a partire dal 1 luglio 2022. La richiesta di matrimonio potrà essere presentata prima di questa data, ha aggiunto il governo. Tale data segnerà la fine dell’istituto delle unioni domestiche registrate.

Gli attivisti si aspettano che diverse centinaia di persone approfitteranno della modifica della legge nel primo anno in cui entrerà in vigore.

Fonte: REUTERS

Scritto da

Sono nato in Puglia, terra di ulivi e mare, e oggi mi divido tra la città Eterna e la città Unica che mi ha visto nascere. La scrittura per me è disciplina, bellezza e cultura, per questo nella vita revisiono testi e mi occupo di editing. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare i diritti umani e i diritti lgbt+ nel mondo... e mi distraggo scrivendo di cultura e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

Back to school… col Maestro Innaurato, firma storica di BL: «Flavia Vento mi ha messo in difficoltà!»

Spettacolo

Covid: l’allarme di Antigone per la quarta ondata nelle carceri

Legalità

In Corea del Sud crescono i gruppi antifemministi: perché?

Desdemona

TU NON CONOSCI LA VERGOGNA di Drusilla Foer (Mondadori) | Recensione

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×