Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Desdemona

#ToJestWojna: questa è guerra! Intervista ad un’attivista polacca.

Sono giorni ormai che le proteste in Polonia continuano e tendono ad aumentare dopo il divieto assoluto di abortire nel paese.


In precedenza l’IVG era consentito in alcuni casi, ma l’assoluto divieto alla pratica, anche in situazioni di gravi malformazioni del feto, ha scatenato una reazione mai vista prima in Polonia.

Questa nuova legge, infatti, costringe le donne a portare avanti delle gravidanze non desiderate, una violenza che non poteva e non può passare inosservata.

Per raccontarci in maniera più approfondita la situazione ho avuto l’onore di intervistare Karolina, una giovanissima attivista di Varsavia che sta attivamente partecipando alle proteste.

Karolina, parlaci di te. Sei un’attivista? Di quale associazione fai parte?

Mi chiamo Karolina, ho 20 anni, vivo e studio a Varsavia. Mi considero un’attivista perché da adolescente sono stata coinvolta nei amministrazioni locali e nelle consulte giovanili. Ho co-gestito delle Strutture giovanili del partito di sinistra e ora con i miei amici abbiamo creato una fondazione attraverso il quale cercheremo di diffondere l’idea di società civile. Non sono un membro, ma sostengo e sono molto coinvolta nello “Sciopero Nazionale delle Donne”. È questo Movimento il principale organizzatore delle proteste in corso.

Quando è stato vietato l’aborto in Polonia e perché è stata adottata questa misura drastica?

La legge sull’aborto è stata resa più restrittiva il 22 ottobre 2020 dal Tribunale costituzionale, in cui si afferma che le attuali disposizioni sono incompatibili con la Costituzione. Vale la pena menzionare che questa istituzione non funziona in modo indipendente poiché è fortemente influenzata dal partito di destra al governo, ed era stato valutato negativamente in precedenza nel rapporto della Commissione Europea (in generale la CE ha richiamato l’attenzione sul problema dello Stato di diritto in Polonia).

Precedentemente, c’era un cosiddetto compromesso sull’aborto. È stato possibile eseguire un aborto in tre situazioni: quando la gravidanza ha minacciato la vita e la salute della madre, quando era il risultato di un atto proibito, ad es. stupro, e in caso di danno fetale o malattia grave. Era comunque una legge molto restrittiva, paragonandola a paesi in cui l’aborto è completamente legale e non devi spiegare perché vuoi farlo.

Dal profilo IG @lewaczka

Com’è la situazione attuale in Polonia e come sta reagendo il Paese?

Ora il tribunale ha stabilito che l’aborto in caso di disabilità fetale è incostituzionale. In pratica, questo significa che se il bambino non ha cervello o colonna vertebrale e non ha possibilità di sopravvivenza, la madre non può abortire e deve dare alla luce il bambino.

I movimenti pro-vita spiegano, tuttavia, che questa disposizione copre anche i bambini con altre malattie, ad es. con sindrome di Down, che a loro avviso non è un motivo sufficiente per eseguire un aborto.

Il presidente Andrzej Duda ha presentato un disegno di legge, che in teoria sarebbe un nuovo compromesso, e propone una disposizione che l’aborto sarà legale in caso di malattia o disabilità del bambino, ma solo se lo porterebbe ad una morte certa dopo la nascita.

Questo compromesso, chiaramente, non ci soddisfa e ha comportato lo sciopero che le persone in Polonia stanno portando avanti ogni giorno da più di una settimana.

Nonostante la pandemia, migliaia di persone stanno protestando per le strade! Ci sono anche auto scioperi, blocchi stradali – c’erano persino azioni nelle chiese. L’ultima forma di sciopero è stata così controverso che sia il primo ministro Mateusz Morawiecki sia il leader del partito al governo, Jarosław Kaczyński ha lanciato un appello ai protestanti.


Come ti stai organizzando per contrastare questo divieto?

Il principale organizzatore degli scioperi è lo “Sciopero Nazionale delle donne” (Ogólnopolski Strajk Kobiet). Le proteste sono organizzate in molte forme, sia nelle città grandi che in quelle piccole. I luoghi più popolari per gli scioperi sono il parlamento, il tribunale costituzionale e la casa di Jarosław Kaczyński, il leader del partito Legge e Giustizia.

Per maggior diffusione del messaggio mostriamo i nostri simboli di lotta – come l’ormai famoso lampo rosso – su finestre, auto o semplicemente sui social media. Inoltre ci sono inoltre varie le petizioni da firmare online ma le proteste più riuscite sono le passeggiate nelle strade. Alcune persone stanno disegnando i simboli su edifici, chiese, fermate degli autobus, strade e marciapiedi.

Foto di Karolina

Ci sono anche molte parolacce in questo sciopero – in generale, si può dire che sia unico. Ci sono molte donne, il più delle volte giovani, che gridano, ad esempio, “Get the fuck out” (Wypierdalać) o “Fuck PiS” (Jebać PiS).

È anche un argomento spesso utilizzato contro lo sciopero: il il grido di punta è “Penso, sento, decido” e l’hashtag è # Womens’Hell (# PiekłoKobiet). Dato che che la maggior parte dei giovani è in sciopero, molti striscioni sono remake di meme o scherzi. Si tratta di una metodo interessante, grazie alla quale le “autorità” e il governo perdono la loro immagine seria.

Cosa chiedete al governo polacco?

Vorremmo che l’aborto in Polonia fosse sicuro, accessibile e non stigmatizzato. Ci piacerebbe che l’educazione sessuale fosse restituita alle scuole anche per combattere la crescente intolleranza in Polonia.

Alcune associazioni e movimenti vogliono però un ritorno all’aborto compromesso, gli altri non sono favorevoli all’aborto ma capiscono che tutt* dovrebbero avere un scelta, e altri vogliono la sua completa liberalizzazione.

La Women’s Strike ha presentato il proprio elenco di richieste, e la più forte, a mio avviso, è quella relativa alle dimissioni del governo. oltre, tra l’altro, la laicità dello Stato, religione nelle scuole e l’educazione sessuale.

Ci saranno altre manifestazioni? Se si, quali?

Le manifestazioni devono continuare fino a quando il problema non sarà risolto: questo è ciò che lo sciopero delle donne annunciato.

Sarà possibile mantenere questo numero di partecipanti, soprattutto nel mezzo di una pandemia e di divieto di radunare più di cinque persone? Non lo so, ho paura che le persone possono annoiarsi se non vedono presto i risultati.

Il 30 ottobre c’è stata la “Marcia a Varsavia”, ovvero la principale protesta per la quale migliaia di la gente veniva nella capitale. Sono previste più azioni e attività, le principali fonti di le informazioni sono i social media e Facebook, dove gli organizzatori pubblicano informazioni sul prossimi luoghi / date e forme di sciopero.

Benedetta La Penna
Scritto da

Attivista Politica, Femminista Intersezionale, Ally, Ecologista. Speaker e Autrice su Radio Città Pescara - Popolare Network.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

terapie di conversione testimonianze terapie di conversione testimonianze

«Ho dormito con le braccia divaricate per 6 mesi» – Parla reduce da una terapia di conversione

Human Rights

THE COVE THE COVE

3 film sull’AMBIENTE che non sapevi di voler vedere

Human Rights

dopo di noi come funziona dopo di noi come funziona

“Dopo di noi”: a che punto è l’applicazione della legge che assiste i disabili gravi?

Dr. Rainbow

Logo Logo

Il garante per l’infanzia: un’autorità per il presente e il futuro dei bambini

Human Rights

Come si praticano il nudismo e il naturismo in tempo di Covid?

Sociality

attrice juno trans attrice juno trans

Elliot Page, la star di “Juno” nominata all’Oscar, ha fatto coming out come transgender

Mondo

malta diritto all'aborto malta diritto all'aborto

Malta: l’ultimo paese europeo che vieta l’aborto. Intervista a Voice for Choice

Desdemona

diritto salute diritto salute

Diritto alla salute: esiste ancora al tempo del Covid-19?

Human Rights

Scopri i nostri social
×