fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi

Sociality

La Pizza ci rende felici

La pizza. Ricca di condimento o semplice, è sempre la Pizza. Grande compagna di serate con amici, di spuntini al volo, di fame notturna, insomma comunque si metta è sempre tra noi.


Con impasto classico, impasto al carbone vegetale, ai 5 cereali, con farina di Kamut, con pasta brisè, con pasta sfoglia, rotonda, alla pala, farcita, semplice, extralarge, al trancio, biologica, integrale, gluten-free, senza lattosio, surgelata, fredda il giorno dopo, la pizza è sempre buona! Sempre. 

Nel nostro paese, secondo i dati del 2018 del settore agroalimentare del Cna, Confederazione Nazionale dell’artigianato, in Italia  ne vengono sfornate 8 milioni al giorno, in un anno sono circa 8 chili di pizza a testa.

La pizza in realtà ha origini antichissime, già gli Egizi, i Greci e i Romani cucinavano focacce simili. Nata come piatto povero con pochi ingredienti come strutto formaggio e basilico, si diffuse in tutte le regioni fino a quando, nel 1889, il cuoco napoletano Raffaele Esposito, per onorare la Regina Margherita di Savoia e l’Italia, creò la pizza Margherita ispirato al tricolore pomodoro mozzarella  e basilico. 

La Pizza per noi è così importante che l’Unesco ha riconosciuto “L’Arte tradizionale del pizzaiuolo napoletano”  come parte del patrimonio culturale dell’umanità e nel 2017 fu istituita la giornata mondiale della pizza il 17 Gennaio. La data scelta non è a caso, infatti corrisponde alla ricorrenza di Sant’Antonio Abate, il protettore di fornai e pizzaioli.

Tante storie e tradizioni girano intorno alla pizza, ma perché la pizza è così piacevole e trasmette allegria? Secondo alcuni studi la pizza è fortemente portatrice di buon umore.

A confermare il tutto è la presenza di triptofano che è contenuto sia nell’impasto che nella farcitura oltre che nei latticini come la mozzarella. 
Si tratta di un aminoacido essenziale e come tale l’organismo umano non è in grado di sintetizzarlo quindi deve essere ricavato dagli alimenti. Il triptofano influisce anche sulla sintesi della serotonina nel cervello ossia l’ormone della felicità. Nel sistema nervoso centrale, la serotonina svolge numerose funzioni che influenzano l’umore, il sonno, la temperatura corporea, la sessualità, l’empatia, le funzioni cognitive, la creatività e l’appetito.

Inoltre viene anche considerata un booster per l’umore in quanto, tramite la tirosina (un aminoacido essenziale) favorisce la produzione di dopamina e noradrenalina che, essendo due neurotrasmettitori, aiutano a sentire più carichi.


Quindi la pizza fa bene al cuore, fa sorridere, fa stare bene.

In una corretta alimentazione la pizza è concessa almeno una volta a settimana quindi, fra i tanti alimenti che potrebbero essere dannosi per una dieta se mangiati in quantità elevata, la pizza è tra quelli di cui non si può e non si deve fare a meno.

Scritto da

Non mi descrivo mai perché non sono gentile con me stessa

Mostra i commenti

Articoli simili

luchino visconti francesco hayez luchino visconti francesco hayez

L’Arte omaggiata dal Cinema: quadri (e non solo) sul grande schermo

Storie e Culture

#Le5 affermazioni che non avremmo mai voluto sentire dai NO VAX e NO GREENPASS

Sociality

In Abruzzo un DDL per garantire la sepoltura dei bambini mai nati: basta!

Desdemona

Portici di Bologna: da oggi Patrimonio dell’Umanità UNESCO

News

Scopri i nostri social
×