fbpx
Connettiti con noi

Mondo

Una zebra a pois: in Kenya esiste davvero e si chiama Tira

L’ha cantata Mina negli anni ’60, e Ivan Cattaneo vent’anni dopo. La zebra a pois è rimasta nel nostro immaginario per decadi come un buffo scherzo, una boutade, una canzone punk da canticchiare di tanto in tanto.


E invece esiste davvero. Nel Parco Maasai Mara del Kenya, una grande riserva naturale non lontana da Nairobi, è stata avvistata Tira, una rarissima specie di zebra (si presume sia maschio) che, oltre a sfoggiare colori invertiti rispetto alla classica striatura nera, è picchiettata di piccole macchie bianche. A pois, appunto.

zebra scura a pois
Tira

Tira, chiamata come la guida safari che ha scoperto il curioso esemplare, appartiene alle “zebre melaniche“, così come si identificano queste mutazioni genetiche. Diverse possono essere le cause di questa rarità, alla quale biologi da tutto il mondo si dedicheranno nei prossimi mesi: si ipotizza possa trattarsi di un’anomalia genetica legata alla melanina, che possa aver condizionato la pigmentazione del manto.

E, se è vero che la canzone avverte “Poverina, lei non sa / D’esser piena di pois”, Tira, totalmente ignara di essere un caso unico al mondo, potrebbe avere già bisogno di aiuto e protezione, sia perché esemplari simili possono nascondere altre debolezze genetiche e non superare i sei mesi di vita, sia perché le sue immagini condivise su facebook dal profilo “Wildest Africa” e diventate virali stanno attirando al safari di Masai Mara centinaia di curiosi.

Per questo, le associazioni animaliste operanti in Kenya hanno già lanciato un appello per garantire protezione immediata all’animale. Una doppia protezione, per tenere Tira al riparo dagli obiettivi dei turisti, accorsi in massa (che potrebbero spaventarla), che dai suoi predatori naturali, che potrebbero individuarla più facilmente a causa della sua particolare conformazione cromatica.

foto: Wildest Africa/FB

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

adozione cuculo adozione cuculo

L’adozione nel mondo animale, un mondo meraviglioso e istintivo

Storie e Culture

previsioni oroscopo pesci previsioni oroscopo pesci

OroscoPERÒ – Animali Diritti o a Quattro Zampe

Sociality

Oggi è la Giornata Internazionale per i Diritti degli Animali

Human Rights

Scopri i nostri social
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora