fbpx
Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora

Connettiti con noi
bandito

Dr. Rainbow

Uno stimolante sperimentale vietato dagli anni ’40 è stato appena trovato negli integratori dimagranti

Secondo un nuovo studio, un farmaco stimolante sperimentale dell’era della seconda guerra mondiale si sta rivelando negli integratori per la perdita di peso e per lo sport venduti oggi.


Lo stimolante, noto come fenprometamina, è stato venduto l’ultima volta come inalatore nasale chiamato Vonedrine negli anni ’40 e ’50, ma da allora è stato ritirato dal mercato e non è mai stato approvato per uso orale, secondo lo studio, pubblicato martedì 23 marzo nella rivista Clinical Toxicology.

È anche vietato dagli sport competitivi dall’Agenzia Mondiale Antidoping. Il nuovo studio, hanno detto gli autori, sembra essere il primo a confermare la presenza di fenprometamina.

Oltre alla fenprometamina, lo studio ha identificato altri otto stimolanti proibiti negli sport e integratori per la perdita di peso, che sono stati spesso trovati mescolati insieme in varie combinazioni per creare “cocktail” di farmaci stimolanti che non sono mai stati studiati sulle persone.

Gli autori hanno trovato fino a quattro diversi stimolanti in un unico integratore.

I rischi del consumo di queste combinazioni di stimolanti sono sconosciuti e questi stimolanti non sono sempre elencati sulle etichette dei prodotti, hanno osservato gli autori. “La FDA dovrebbe avvertire i consumatori della presenza di cocktail di stimolanti sperimentali nella perdita di peso e integratori sportivi e intraprendere un’azione immediata ed efficace per rimuovere questi stimolanti dal mercato“, hanno scritto gli autori nello studio.

Stimolanti vietati

I ricercatori hanno iniziato il loro studio alla ricerca non di fenprometamina, ma di uno stimolante diverso chiamato deterrenolo.

Studi dall’Europa avevano scoperto che gli integratori contenenti deterrenolo insieme ad altri stimolanti erano collegati a effetti dannosi nelle persone, tra cui nausea, vomito, dolore toracico, arresto cardiaco e persino morte improvvisa (il Deterenol non è mai stato approvato per l’uso negli Stati Uniti e nel 2004 la FDA ha stabilito che lo stimolante non era consentito negli integratori alimentari).


Per lo studio, hanno analizzato 17 marche di integratori venduti negli Stati Uniti che erano etichettati come contenenti deterrenolo o un sinonimo del farmaco. Questi prodotti erano generalmente commercializzati come integratori per la perdita di peso o integratori per lo sport (un elenco completo di questi marchi di integratori può essere trovato nello studio).

I ricercatori hanno trovato il deterrenolo in 13 dei 17 integratori. Il successivo stimolante più comunemente rilevato era la fenprometamina, presente in quattro delle 17 marche.

Esistono pochissimi dati sulla sicurezza della fenprometamina. Quando è stato utilizzato negli anni ’40 e ’50, era disponibile solo come spray nasale, ha detto Cohen. Gli effetti dell’assunzione del farmaco per via orale, che è il modo in cui le persone lo consumerebbero oggi in un integratore, sono sconosciuti.

Se lo hai concentrato e lo prendi in forma di pillola, potrebbe avere effetti completamente diversi“, ha detto Cohen.


La fenprometamina non è il primo stimolante dell’era della seconda guerra mondiale a comparire negli integratori alimentari. Nel 2004, dopo che la FDA ha vietato l’efedra stimolante dagli integratori alimentari, i produttori hanno iniziato ad aggiungere altri stimolanti sperimentali, tra cui 1,3-DMAA, che era stato precedentemente commercializzato nel 1948 come inalatore nasale, hanno detto gli autori.

Dovrebbero avvertire immediatamente i consumatori sul deterrenolo; dovrebbero comunicare con i produttori che qualsiasi integratore contenente lo stimolante deve essere rimosso“.

Sebbene la FDA potrebbe non aver avvertito del deterrenolo, l’agenzia ha messo in guardia sugli integratori per la perdita di peso in generale. Sul suo sito web, la FDA afferma di aver “identificato una tendenza emergente” di integratori alimentari che contengono principi attivi nascosti e potenzialmente dannosi.

“I consumatori possono inconsapevolmente assumere prodotti mescolati con quantità variabili di ingredienti farmaceutici approvati su prescrizione, sostanze controllate e ingredienti farmaceuticamente attivi non testati e non studiati“, afferma l’agenzia.

Dei nove stimolanti trovati nel nuovo studio, sette – compreso l’1,3-DMAA – sono stati precedentemente oggetto di avvertenze della FDA a causa della loro presenza negli integratori.

Questa scoperta concorda con quella di uno studio del 2018 di Cohen e colleghi che ha scoperto che alcuni integratori alimentari contengono ancora stimolanti sperimentali anni dopo che tali stimolanti erano stati proibiti dalla FDA, secondo quanto riportato in precedenza da Live Science.

Sapere se un integratore alimentare contiene uno stimolante proibito può essere difficile perché i produttori potrebbero non elencare il farmaco sull’etichetta o potrebbero usare un sinonimo per il farmaco, ha detto Cohen.

Ma in generale, Cohen consiglia ai consumatori di evitare due categorie di integratori alimentari: quelli etichettati per dire che ti aiuteranno a perdere peso e quelli etichettati come integratori pre-allenamento o per la costruzione muscolare (quest’ultima categoria esclude le proteine ​​in polvere, che generalmente contengono aminoacidi e non sono qualcosa di cui preoccuparsi, ha detto Cohen.)

Queste categorie di integratori non possono essere considerate sicure fino a quando non accadono due cose: “Riformiamo la legge in modo che la FDA abbia più autorità di applicazione; e la FDA inizia a far rispettare efficacemente la legge”, ha detto Cohen.

In una dichiarazione fornita a Live Science, la FDA ha affermato che sta rivedendo il nuovo studio.

“La FDA è impegnata a promuovere le nostre priorità strategiche per gli integratori alimentari: sicurezza, integrità del prodotto e processo decisionale informato. Apprezziamo studi come questo per aumentare la consapevolezza e portare l’attenzione necessaria su queste questioni”, afferma la dichiarazione.

Articolo pubblicato su sciencealert.com a cura di Rachael Rettner e tradotto in italiano per Doctor Rainbow da Francesco Grassellini

Scritto da

Mostra i commenti

Articoli simili

test di gravidanza negativo test di gravidanza negativo

Vuoi sposarti in seconde nozze? Serve test di gravidanza negativo!

Legalità

disobedience disobedience

DISOBEDIENCE _ Felicemente autentici (recensione)

Spettacolo

Il velato ricatto del Vaticano sul DDL ZAN: la “santa” furbizia politica.

Editoriale

BRIANZA PRIDE 2021: una manifestazione diffusa nel rispetto delle norme anti Covid.

News

Scopri i nostri social
×