fbpx
Connettiti con noi
primario devo perdere tempo con questo frocio

Human Rights

Varese, primario offende un paziente sedato “questo fr*cio”: denunciato e sospeso

credits: getty image

Ma guardate se io devo operare questo frocio. Non è giusto che in questo periodo di emergenza debba perdere tempo per operare questi froci“.


Sarebbero queste le parole, gravissime, pronunciate dal primario dell’azienda sanitaria Sette Laghi che operava in quel momento all’Ospedale di Cittiglio, in provincia di Varese, verso un ragazzo in sala operatoria che attendeva di essere operato.

Parole di assoluto e ingiustificato disprezzo per la vita umana di una persona presumibilmente omosessuale, ma che sarebbero state inaccettabili per chiunque ne fosse stato il destinatario. In un’estate in cui, tuttavia, si è fatto caldissimo il dibattito sulla legge contro l’omobitransfobia e la misoginia, queste stesse parole ci rendono ancora più determinati a condannare, con forza, quel substrato di arroganza, odio e intolleranza nei confronti delle persone lgbt che in molti ritengono sia giusto e legittimo alimentare.

L’episodio accaduto in sala operatoria

Il fatto risalirebbe allo scorso 25 marzo, in piena emergenza Covid. Il Primario sarebbe stato denunciato da una persona presente in sala operatoria, come riportato dall’Agi. “Il medico, durante l’intervento” riporta la nota d’agenzia “cominciava a innervosirsi senza motivo apparente, nonostante il paziente reggesse bene l’anestesia generale, tanto da cominciare in modo gratuito e senza motivo a insultare il paziente che in quel momento era in anestesia profonda proferendo ad alta voce le parole: “Ma guardate se io devo operare questo frocio di merda. Non è giusto che in questo periodo di emergenza debba perdere tempo per operare questi froci»”.


«I presenti rimanevano stupefatti, attoniti da tanta violenza verbale» si legge nell’esposto ai vertici della Asst Settelaghi, di cui fa parte l’ospedale, al Tribunale per i diritti del Malato di Varese e all’Ordine dei Medici. «Di fronte alla reazione di uno di loro che gli chiedeva se avesse qualcosa contro gli omosessuali [essendo anch’egli omosessuale, secondo la ricostruzione di TgCom24, ndr] il primario lo avrebbe invitato a lasciare la sala operatoria». L’intervento si sarebbe poi concluso “con nervosismo e frettolosità“, col medico che avrebbe reiterato i suoi insulti omofobi.

L’Ordine dei Medici di Varese ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti del medico, che è stato sospeso. Al momento non si registrano repliche dell’azienda ospedaliera.

Giovanni Boschini, presidente Arcigay Varese, ha ringraziato chi ha presentato l’esposto: “Al paziente coinvolto va tutta la nostra solidarietà. Oltre alle sanzioni sarebbe utile anche avviare un percorso formativo e per questo ci rendiamo disponibili a collaborare con l’azienda ospedaliera per percorsi di educazione alle diversità, affinché a nessun altro paziente possa capitare nuovamente una disavventura simile“.

Un odio che non siamo più disposti a tollerare

Quanto ancora ci si potrà sentire in diritto di barattare la propria libertà di offesa con la dignità di una persona omosessuale? Quanto, ancora, si potrà abusare del diritto alla libertà di pensiero per giustificare l’orrore di un uomo che pensa che alcune vite siano meno importanti di altre?

Non si tratta di vittimismo, ma di rispetto verso gli esseri umani, qualunque siano le loro peculiarità. L’intolleranza altrui non può e non deve essere più un problema della comunità lgbt: si mettano in campo tutti gli strumenti necessari per prevenire, punire e rieducare l’odio e il pregiudizio di matrice omofobica, a maggior ragione se a manifestare dispregio verso la vita umana è un medico. La misura è ormai colma, l’escalation di violenza e discorsi d’odio verso la comunità lgbt ha esaurito la nostra pazienza, non si torna indietro.

Fonte: Corriere della Sera

Nicola Napoletano
Scritto da

Sono nato a Monopoli (BA) 34 anni fa. Cresciuto a pane e prosciutto e una passione smodata per la scrittura, oggi mi divido tra la Puglia e la Città Eterna. Adoro il mare azzurro, i film di François Truffaut, il vino rosé e le poesie di Saffo. Su BL Magazine mi occupo soprattutto di raccontare come vengono trattati i diritti umani e diritti lgbt+ nel mondo... e qualche volta mi distraggo scrivendo di tv e spettacolo!

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

campania legge regionale omofobia campania legge regionale omofobia

La Regione Campania approva una legge contro l’omotransfobia

Human Rights

legge zan omofobia testo legge zan omofobia testo

Legge Zan contro l’omotransfobia: tutto rinviato a settembre

Human Rights

BDSM e Femminismo: intervista al Non Collettivo Queer di Genova.

Desdemona

legge omofobia zan legge omofobia zan

Legge Zan il 3 agosto alla Camera, il testo approvato dalla Commissione Giustizia

Human Rights

puglia preferenza di genere puglia preferenza di genere

In Puglia si affossa la parità di genere, la politica non difende le donne

Human Rights

willow lesbica willow lesbica

Scooby Gang! Willow, Velma, e le occasioni mancate

Sociality

schiavi italia schiavi italia

Nel 2019 in Italia oltre 2000 “nuovi schiavi” nell’indifferenza generale

Human Rights

I SAPIOSESSUALI e la nuova attrazione che parte dal cervello

Sociality

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora