fbpx
Connettiti con noi
wet market cina

Mondo

Wet Market: carne ed epidemie

In queste settimane di quarantena, oltre a stare a casa e rispettare le regole, abbiamo cercato di capire COSA potesse aver scatenato la nascita e il diffondersi del COVID-19. Stando alle ricerche degli esperti, il virus sarebbe nato e si sarebbe diffuso da un Wet Market di Whuan, in Cina. Per queste e altre ragioni, l’ONU vorrebbe che vengano chiusi questi tipi di agglomerati di merce, e virus infettivi.


Logo ONU
Logo ONU

Cos’è un Wet Market

Letteralmente significa “mercato bagnato” o “mercato umido”, un genere di mercato molto diffuso in oriente, soprattutto in Cina. La sua particolarità è che la vendita di carne di animali macellata sul momento. Infatti, l’umido a cui si fa riferimento sono il sangue e le viscere che colano sui pavimenti, oltre l’acqua che serve per lavarli.

Anche se può sembrare un metodo barbarico e poco igienico per vendere carne (e in effetti lo è), la sua funzione ha un’origine culturale molto radicata sul territorio orientale, soprattutto rurale.

Data l’assenza di frigoriferi e strumenti di conservazione nelle zone più isolate, si pensa che la carne macellata sul momento sia più fresca e affidabile di quella venduta attraverso i supermercati, appositamente pulita e sottoposta a tecniche di conservazione “sterilizzanti”.


Carne in un Wet Market
Carne in un Wet Market

Collegamenti con il COVID-19

Il COVID-19 fa parte delle zoonosi, cioè “una malattia infettiva che può essere trasmessa dagli animali all’uomo, direttamente o indirettamente”.
Nel corso della nostra storia ci sono state altre ondate di malattie che ci hanno colpito, e molte di loro ha la stessa origine: il mondo animale.

A causa di questo, si crea un legame intrinseco tra sfruttamento del mondo animale e nascita delle epidemie. Abbiamo già analizzato gli effetti degli allevamenti intensivi sull’inquinamento, ma non ancora gli effetti sulla salute e le malattie.

Pesce in un Wet Market
Pesce in un Wet Market

L’ONU scende in campo

L’ONU si è espressa a sfavore dei wet market, riaperti recentemente, tanto che qualche settimana fa ha lanciato una petizione per bandirli e chiuderli definitivamente.

Per quanto sembri una realtà lontana dalla nostra, non lo è più di tanto, considerata l’epidemia nata da uno di essi e diffusasi a livello mondiale.
Chiudere i wet market significherebbe ridurre drasticamente il potenziale “salto di specie” di virus e batteri pericolosi per l’uomo e gli animali stessi.

Video de LA STAMPA

Avatar
Scritto da

Ciao! un saluto dal vostro Alberto Orsotorta! Studente universitario e cameriere, amo libri, cinema e soprattutto dolci!!! Un modo per esprimere la mia fantasia e ritrovarmi con chi amo.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

campania legge regionale omofobia campania legge regionale omofobia

La Regione Campania approva una legge contro l’omotransfobia

Human Rights

legge zan omofobia testo legge zan omofobia testo

Legge Zan contro l’omotransfobia: tutto rinviato a settembre

Human Rights

BDSM e Femminismo: intervista al Non Collettivo Queer di Genova.

Desdemona

legge omofobia zan legge omofobia zan

Legge Zan il 3 agosto alla Camera, il testo approvato dalla Commissione Giustizia

Human Rights

puglia preferenza di genere puglia preferenza di genere

In Puglia si affossa la parità di genere, la politica non difende le donne

Human Rights

willow lesbica willow lesbica

Scooby Gang! Willow, Velma, e le occasioni mancate

Sociality

schiavi italia schiavi italia

Nel 2019 in Italia oltre 2000 “nuovi schiavi” nell’indifferenza generale

Human Rights

I SAPIOSESSUALI e la nuova attrazione che parte dal cervello

Sociality

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora