fbpx
Connettiti con noi
wet market cina

Mondo

Wet Market: carne ed epidemie

In queste settimane di quarantena, oltre a stare a casa e rispettare le regole, abbiamo cercato di capire COSA potesse aver scatenato la nascita e il diffondersi del COVID-19. Stando alle ricerche degli esperti, il virus sarebbe nato e si sarebbe diffuso da un Wet Market di Whuan, in Cina. Per queste e altre ragioni, l’ONU vorrebbe che vengano chiusi questi tipi di agglomerati di merce, e virus infettivi.


Logo ONU
Logo ONU

Cos’è un Wet Market

Letteralmente significa “mercato bagnato” o “mercato umido”, un genere di mercato molto diffuso in oriente, soprattutto in Cina. La sua particolarità è che la vendita di carne di animali macellata sul momento. Infatti, l’umido a cui si fa riferimento sono il sangue e le viscere che colano sui pavimenti, oltre l’acqua che serve per lavarli.

Anche se può sembrare un metodo barbarico e poco igienico per vendere carne (e in effetti lo è), la sua funzione ha un’origine culturale molto radicata sul territorio orientale, soprattutto rurale.

Data l’assenza di frigoriferi e strumenti di conservazione nelle zone più isolate, si pensa che la carne macellata sul momento sia più fresca e affidabile di quella venduta attraverso i supermercati, appositamente pulita e sottoposta a tecniche di conservazione “sterilizzanti”.

Carne in un Wet Market
Carne in un Wet Market

Collegamenti con il COVID-19

Il COVID-19 fa parte delle zoonosi, cioè “una malattia infettiva che può essere trasmessa dagli animali all’uomo, direttamente o indirettamente”.
Nel corso della nostra storia ci sono state altre ondate di malattie che ci hanno colpito, e molte di loro ha la stessa origine: il mondo animale.

A causa di questo, si crea un legame intrinseco tra sfruttamento del mondo animale e nascita delle epidemie. Abbiamo già analizzato gli effetti degli allevamenti intensivi sull’inquinamento, ma non ancora gli effetti sulla salute e le malattie.

Pesce in un Wet Market
Pesce in un Wet Market

L’ONU scende in campo

L’ONU si è espressa a sfavore dei wet market, riaperti recentemente, tanto che qualche settimana fa ha lanciato una petizione per bandirli e chiuderli definitivamente.


Per quanto sembri una realtà lontana dalla nostra, non lo è più di tanto, considerata l’epidemia nata da uno di essi e diffusasi a livello mondiale.
Chiudere i wet market significherebbe ridurre drasticamente il potenziale “salto di specie” di virus e batteri pericolosi per l’uomo e gli animali stessi.

Video de LA STAMPA

Avatar
Scritto da

Ciao! un saluto dal vostro Alberto Orsotorta! Studente universitario e cameriere, amo libri, cinema e soprattutto dolci!!! Un modo per esprimere la mia fantasia e ritrovarmi con chi amo.

Commenta

Ti potrebbe anche interessare...

CORONAVIRUS. Diario di un redattore: LA FINE?

Editoriale

george floyd morte george floyd morte

George Floyd, la ricostruzione dei suoi ultimi venti minuti di vita

Mondo

fase 3 coronavirus fase 3 coronavirus

Tutti pronti per la Fase 3? Ecco i nostri consigli e suggerimenti

Sociality

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 30)

Editoriale

jogging coronavirus jogging coronavirus

Jogging e distanziamento sociale: i consigli degli esperti

Dr. Rainbow

Ryan Gosling Ryan Gosling

Amando RYAN GOSLING _ 3 Film che non sapevi di voler vedere

Spettacolo

CORONAVIRUS. Diario di un redattore in FASE 2 (Giorno 29)

Editoriale

terapie di conversione nel mondo terapie di conversione nel mondo

Anche il Regno Unito vuole vietare le “terapia di conversione”

Mondo

Scopri i nostri social
Iscriviti alla newsletter

Ricevi prima di tutti i tuoi articoli

Supporta BL Magazine con un 1€
Dona ora