fbpx
Connettiti con noi
villa adriana 7 meraviglie mondo

Storie e Culture

Ecco le 7 meraviglie del mondo LGBT+

The Castro, San Francisco (Stati Uniti)

quartiere gay san francisco
The Castro, San Francisco

Se lo Stonewall Inn è il luogo in cui era nato il moderno movimento LGBT +, il Castro è il luogo in cui è cresciuto.


Il suo residente più famoso è stato il politico apertamente gay di San Francisco Harvey Milk, leader della comunità LGBT+ della città.

Ma The Castro aveva attratto la vita queer molto prima che Milk si trasferisse in California.

Fino agli anni ’40, il quartiere, conosciuto come “Eureka Valley“, non aveva questa particolare connotazione, ed era abitato in gran parte da immigrati irlandesi della classe operaia. Molti omosessuali iniziarono a stabilirsi a Castro durante la Seconda Guerra Mondiale, trovando una certa accoglienza non solo nel quartiere ma anche nel resto della città, dove si erano rifugiati militari gay.

Più tardi, negli anni ’60, le famiglie lasciarono The Castro per trasferirsi in periferia. Questo comportò lo svuotamento di grandi quantità di beni immobili, dove gli abitanti LGBT + poterono trasferirsi.

l primo bar gay ufficiale nel distretto, Missouri Mule, fu aperto nel 1963, ma il periodo di massimo splendore di Castro è iniziato con la Summer of love del 1967, all’arrivo degli hippies.

Nel 1973, quando arrivò Harvey Milk, Castro era un’area gay ben consolidata. Aprì un negozio di macchine fotografiche, Castro Camera, e lo usò come sede politica mentre correva per un incarico pubblico. Milk, nonostante le intimidazioni, incoraggiò la comunità a difendersi e contribuì a ispirare la bandiera arcobaleno.

Tragicamente, Milk lavorò per meno di un anno in carica come supervisore della città, prima che il collega politico Dan White lo assassinasse nel 1978.


Un altro momento di grande crisi per Castro furono i contagi di ‘AIDS degli anni ’80: la reazione della comunità fu quella di promuovere sesso sicuro e test per l’HIV.

Negli ultimi 30 anni, Castro ha continuato a crescere e prosperare come faro per le persone LGBT + in tutto il mondo.

strisce rainbow san francisco
Le strisce pedonali “rainbow” di Castro credits: shutterstrock)

Riconoscimento per The Castro

Il Distretto Culturale LGBTQ di Castro è stato istituito ufficialmente nel 2019, con una Rainbow Honor Walk che ricorda le persone LGBT + di ispirazione provenienti da tutto il mondo.

Ancora più importante, The Castro continua ad essere il cuore della vita LGBT + di San Francisco. Attrae i visitatori di tutto il mondo con i suoi eventi, musei, bar, ristoranti e altro ancora.


Usa le frecce <-> per scorrere

Scritto da

Sono nato in Puglia, terra di ulivi e mare, e oggi mi divido tra la città Eterna e la città Unica che mi ha visto nascere. La scrittura per me è disciplina, bellezza e cultura, per questo nella vita revisiono testi e mi occupo di editing. Su BL Magazine coordino la linea editoriale e mi occupo di raccontare i diritti umani e i diritti lgbt+ nel mondo... e mi distraggo scrivendo di cultura e spettacolo!

Mostra i commenti

Articoli simili

jorge perlasca jorge perlasca

Perlasca: il finto console che salvò la vita a cinquemila ebrei ungheresi

Storie e Culture

Testimoni di Geova Testimoni di Geova

La persecuzione dei Testimoni di Geova nel regime Nazista

Human Rights

lucy salani sopravvissuta trans lucy salani sopravvissuta trans

Le persecuzioni nazifasciste delle persone trans: la testimonianza di Lucy Salani

Human Rights

enrica calabresi margherita hack enrica calabresi margherita hack

Enrica Calabresi, scienza e coraggio: l’insegnante che non si piegò ai nazisti

Storie e Culture

Scopri i nostri social
×