339 views 5 min 0 Comment

Bingham Cup Roma 2024

- 16/05/2024


 L’inclusività va a meta!

Roma  23-26 maggio 2024

Mancano ormai pochissimi giorni ad una delle manifestazioni più attese a Roma nel 2024, la Bingham Cup, la Coppa del Mondo LGBT+ di rugby che celebra non solo lo sport ma anche l’uguaglianza e l’inclusività.

Il torneo nasce nel 2002 da uno specifico tragico episodio.  Mark Bingham, era uno dei passeggeri che ha combattuto contro i dirottatori a bordo del volo United 93, nell’ ormai indelebile 11 settembre 2001.  Mark e tutti gli altri passeggeri del volo persero tragicamente la vita quando l’aereo si schiantò vicino a Shanksville, in Pennsylvania. Gay e giocatore di rugby regolare, Mark ha giocato per i San Francisco Fog e ha contribuito a fondare i Gotham Knights a New York City.

 La Bingham Cup si tiene in onore della memoria di Mark e sfida gli stereotipi e le percezioni della comunità LGBTQIA+.  Giocatori, tifosi e staff di rugby di tutto il mondo si riuniscono ogni due anni per celebrare l’uguaglianza, l’inclusività e la sportività. Dal suo modesto debutto nel 2002, l’edizione 2018 della Bingham Cup di Amsterdam ha riunito 74 squadre provenienti da 20 paesi. La Bingham Cup è diventata il più grande torneo amatoriale di rugby del mondo. Nove città hanno ospitato la Bingham Cup sin dall’inizio: San Francisco, Londra, NYC, Dublino, Minneapolis, Manchester, Sydney, Nashville, Amsterdam, Ottawa e quest’ anno Roma. Quest’ anno si sono iscritti 3000 giocatori suddivisi in 140 squadre e saranno presenti più di 10000 persone. Magica la location il quartiere EUR- Tre Fontane. Un plauso anche ai patrocini istituzionali a sottolinearne il sostegno: la FIR Federazione Italiana di Rugby, il Circolo omosessuale MARIO MIELI, l’UNAR, ROMA CAPITALE, la REGIONE LAZIO, il CONI e SPORT E SALUTE S.p.A. L’organizzazione internazionale del torneo è affidata ormai da anni dall’International Gay Rugby (IGR), ma affida a sua volta l’incarico ad una società della città organizzatrice, in questo caso parliamo della “Libera Rugby ASD”

KISS (acrilico70x70) SALVO ARDIZZONE

Il presidente del comitato organizzativo della Bingham Cup di Roma è Gianmarco Forcella, che da anni lavora per lo sviluppo del rugby inclusivo.  in un suo comunicato rilasciato alla Federazione Italiana Rugby   nei giorni scorsi, Forcella diceva: “Questo torneo è sicuramente un enorme opportunità, perché permette a tutta la comunità romana e italiana di esplorare tematiche di sport inclusivo che ad oggi vengono toccate poco, come ad esempio l’inclusione di atleti o atlete transgender all’interno delle società sportive.”

L’Assessore ai Grandi Eventi allo Sport e Turismo del Comune di Roma, Alessandro Onorati, che ha patrocinato la manifestazione, aggiunge:” Siamo molto felici, abbiamo sostenuto fortemente la candidatura di Roma mettendo a disposizione gli impianti sportivi comunali, la comunicazione istituzionale della città sarà allestita a festa per accogliere gli atleti, perché’ è un appuntamento fondamentale. Roma è oggettivamente la casa del rugby e altrettanto importante questo appuntamento perché parliamo di temi che superano lo sport, parliamo di inclusività. Ringrazio la Federazione Italiana Rugby e la Libera Rugby per l’ottima organizzazione e interazione con il Comune di Roma”.

Andrea Cimbrico, responsabile dell’ufficio stampa delle Federazione Italiana Rugby, in uno dei suoi interventi nella presentazione del torneo dichiara:

“Io credo che tutto abbia origine proprio da quella che è stata la modifica statutaria datata 2001, fondamentale la possibilità per una squadra come “Libera Rugby” di partecipare regolarmente a quella che è l’attività domestica della Federazione italiana Rugby. La collaborazione si traduce poi ora nel concreto con l’arrivo della Bingham Cup a Roma e in Italia. Questo rappresenta un ennesimo passo verso quella “mission” di inclusione e di partecipazione al gioco di tutti di tutte le comunità che la nostra Federazione e la governance della Federazione italiana Rugby si prefiggono.

Il “padre” delle Olimpiadi moderne Pierre de Coubertin diceva: “Per ogni individuo, lo sport è una possibile fonte di miglioramento interiore”. E se lo diceva lui dobbiamo crederci.

Fonti: Sito Federazione Italiana Rugby

           Sito Bingham Cup

<hr>Condividi:
- Published posts: 10

Vivo a Roma ma originario della Sicilia. Attivista nel volontariato sociale, mi occupo di pittura, fotografia, scrittura e arte pop: alcune mie opere sono state esposte in diverse gallerie e mostre nazionali.

Facebook